Geopolitica degli Stati Uniti: credere a cose impossibili

È difficile capire come e perché la nostra civiltà sia una stronzata proprio perché la nostra civiltà è una stronzata”. (Caitlin Johnston)


Qualche ora fa vi ho dato qualche riga sulla demistificazione delle pseudo analisi di Michel Foucault sul tema della Verità.

Questo è un argomento su cui insisto regolarmente perché sostengo che le élite fanno vivere le persone in un mondo immaginario e che manipolano questo mondo immaginario per disadattare i cittadini al mondo reale.

La verità esiste, tutto non è relativo o produzione del Potere o produzione del Corpo Sociale come sostenevano Foucault o il vecchio Stuart Mill.

No, ci sono dei referenti essenziali e bisogna distinguere Verità in sé e Credenze manipolate.

Quando i tuoi maestri ti manipolano, manipolano le tue convinzioni ma non hanno alcun potere sulla verità stessa, su ciò che è vero e ciò che è falso.

Anche se la Fed ti dice che tutto è derivabile, che controlla tutto, che non ci sono limiti, che il debito può crescere all’infinito, devi sapere che questo è falso e che un giorno o ci sarà sicuramente la grande Riconciliazione come c’è la morte. Possono solo manipolare le convinzioni, uno + uno saranno sempre due.

Potrebbero dire che Bakhmout non è caduto, che gli ucraini ei mercenari se ne sono andati o sono morti e questa è la verità della situazione. Giocano solo sulle tue convinzioni, sulle tue percezioni, non sulla realtà. Quindi, ovviamente, se funziona, possono influenzarti, come influenzano il mercato azionario, farti pensare e dire qualsiasi cosa, farti votare come vogliono, possono prendere il controllo della tua mente. ma tutte queste sfere sono esse stesse già immaginazioni.

Anche le opposizioni politiche più combattive e oneste sono inefficaci perché non hanno compreso questo fatto della modernità: le élite ti possiedono. Sei fatto per vivere in un mondo di false credenze, sei alienato, sei alienato dal mondo reale. Da lì, tutto ciò che fai per ribellarti è inappropriato – come lo spettacolo dei gilet gialli, gli scioperi, le manifestazioni, gli interventi su Twitter, le urne.

Sei accanto al piatto come ad esempio Mélenchon (oppositore francese) che si immerge nell’immaginazione del dominante e inscrive il suo cosiddetto combattimento all’interno della bolla che hanno gonfiato per lui e le sue truppe. l’analisi della modernità deve andare ben oltre quella di pensatori critici come i situazionisti, Gramsci o quelli della Scuola di Francoforte; anche Chomsky è sopraffatto. Sei attraversato dalla loro immaginazione, sei posseduto e la cosa più grave è che lo sono anche loro!

Di seguito un estratto di Yves Smith che parla della mia stessa cosa, ma io sono ancora più radicale, sostengo che non influiscono solo sulle nostre convinzioni, no, influiscono sempre più sul nostro essere, su ciò che siamo su tutto che ci costituisce.

Yves Smith sottolinea che le attrazioni della disinformazione si sono apparentemente trasformate nelle convinzioni di coloro che le emettono.

Bruno Bertez


Nell’America delle corporation, c’è un discreto rischio che il falso venga contrastato da concorrenti, venditori allo scoperto, informatori e semplicemente leggendo attentamente i rendiconti finanziari certificati.

D’altra parte, in politica, l’elusione della realtà è regolarmente la chiave di una carriera lunga e fruttuosa, come dimostra l’infatuazione degli eurocrati per le strategie “dolorose”. E questa propensione è particolarmente pericolosa quando i gruppi dirigenti sono diventati sia egoisti che miopi. Prima c’era chi entrava nel servizio pubblico per la parte di servizio, e non per lo slittamento e la messa in rete…

Ma ora l’efficacia affinata della propaganda ha incoraggiato i politici e i loro amplificatori/alleati dei media a scatenarsi vendendo grosse bugie. E il peggio è che non ci sono conseguenze per i colpevoli.

Il piccolo problema con la guerra in Ucraina e l’escalation americana sulla Cina è che non sta andando molto bene, in quanto la propaganda ha iniziato a esaurirsi molto rapidamente nei paesi del Sud e sta perdendo forza in Occidente .

È difficile sostenere l’affermazione di un’inevitabile grande vittoria ucraina con la perdita di Bakhmut da parte dell’Ucraina, dopo che Zelenskyj ne ha fatto il fulcro della sua “giornata dell’amore” al Congresso lo scorso dicembre. Oh, ma l’Ucraina cerca ancora di negare di aver perso, come hanno fatto Mariupol e Soledar molto tempo dopo.

La credenza nelle cose impossibili non riguarda solo la guerra in Ucraina, ma anche una visione più ampia della Cina.

Allo stesso modo, i funzionari statunitensi potrebbero aver pensato che gran parte del mondo vedesse la Cina con sospetto a causa della sua retorica spesso surriscaldata e dell’ipersensibilità alle offese. Ma queste convinzioni auto-confortanti sulla posizione della Cina sulla scena mondiale hanno sollevato una grande bandiera rossa, quando la Cina ha mediato una normalizzazione delle relazioni tra l’Arabia Saudita e l’Iran, e poi la Siria.

Ora, la Cina sta creando più problemi vagando nel cortile di casa dell’America, come l’Europa, e parlando del suo piano di pace per l’Ucraina.

La dichiarazione estremamente ostile del G7 sulla Cina è solo un’altra espressione dell’illusione occidentale :

Secondo il Financial Times , il G7 ha emesso la sua più ferma condanna della Cina, e anche la maggior parte degli altri principali media internazionali sottolinea che sta ” aumentando la pressione sulla Cina “. Sembra che l’unico modo per il G7 di attirare l’attenzione e mostrare il suo senso di presenza sia speculare sulle questioni relative alla Cina.

In qualità di “ricco country club” che un tempo rappresentava fino al 70% dell’economia globale, il G7 ha dovuto affrontare una grave crisi esistenziale negli ultimi anni poiché il suo peso economico si è ridotto, insieme a un calo della quota della popolazione mondiale e della sua attrattiva percepita.

Più forte è la retorica anti-cinese del G7, più debole è il suo impatto reale , perché è una legge naturale. In effetti, ciò significherebbe che il G7 serve gli interessi strategici degli Stati Uniti piuttosto che il benessere della comunità internazionale, rendendo difficile ricevere “assistenza” ma più difficile fare progressi. È molto probabile che alla fine il G7 scoprirà di essersi impegnato molto, ma il risultato sta solo scivolando.

Il vertice di Hiroshima sembra aver dato al G7 la sensazione di “plasmare la storia”, ma quell’illusione sarà presto spazzata via dai venti della realtà, perché senza prosperità e sviluppo interni, le manifestazioni esterne di forza sono solo superficiali.

Sfortunatamente, molte persone in Occidente credono alle stronzate lanciate loro dai loro politici e media.

Come osserva Caitlin Johnstone :

“ Il problema che sta alla base della maggior parte degli altri problemi nei tempi moderni è che le menti umane sono altamente hackerabili e la scienza per hackerarle su larga scala è avanzata da Bernays oltre un secolo fa. Questo spiega perché le persone acconsentono ai programmi distruttivi e di sfruttamento dei potenti contro i propri interessi….

Molte persone, forse anche la maggior parte delle persone, sono in una certa misura consapevoli che la nostra intera civiltà è una stronzata. Relativamente pochi sono in grado di descrivere esattamente come e perché sono stronzate, perché ci sono così tante stronzate che è difficile avere un quadro chiaro di come accadono le stronzate.

È difficile capire come e perché la nostra civiltà sia una stronzata proprio perché la nostra civiltà è una stronzata. »

È pieno di bugie, gli insegnanti ci danno da mangiare bugie, gli algoritmi ci danno da inghiottire queste e noi siamo addestrati a cercare informazioni in aree che riveleranno bugie… In una civiltà di cazzate, è raro avere basi abbastanza forti e abbastanza alte da essere in grado di guardarsi intorno e vedere chiaramente come stanno accadendo tutte queste stronzate.

Tutto qui mira a impedirci di raggiungere questo obiettivo. Ci vuole un lavoro duro e diligente e più di un po’ di fortuna.


Sfortunatamente, la sua conclusione è corretta.

fonte: Naked Capitalism via Bruno Bertez

Traduzione: Gerard Troussomìn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM