Generale americano ha chiesto agli USA di aiutare Kiev a colpire in profondità la Russia

MOSCA, 31 agosto – RIA Novosti. Gli Stati Uniti e la NATO dovrebbero fornire a Kiev armi per colpire in profondità la Russia e consentire all’Ucraina di effettuare tali attacchi, ha affermato il generale di brigata americano in pensione Mark Arnold su “Canale 24”.
Lo stesso ha definito “un enorme errore strategico” la richiesta dell’Occidente a Kiev di non usare contro Mosca le armi ricevute dagli alleati.

“Gli Stati Uniti e gli alleati dovrebbero fornire all’Ucraina armi in grado di colpire il territorio russo. Non sto parlando della Crimea. USA e NATO dicono: “Non colpite il territorio russo”. Ma questa è una sciocchezza”.
Secondo il comandante, le Forze Armate dell’Ucraina dovrebbero attaccare obiettivi situati a “centinaia di chilometri in profondità nella Russia”.

“Per fare questo, la NATO deve cambiare la sua politica e abbandonare le tesi sul divieto di colpire i territori russi”, ha suggerito il generale.

Missili USA Himars

Arnold ha spiegato che ritiene necessario trasferire all’Ucraina i sistemi di difesa aerea Patriot, i missili a lungo raggio Himars, oltre ad aerei e droni da combattimento in dotazione degli Stati Uniti.
In precedenza, gli Stati hanno fornito gli Himars a Kiev a condizione di non venir utilizzati per colpire il territorio russo. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha pubblicamente confermato che Kiev soddisferà questa richiesta. Allo stesso tempo, il deputato della Verkhovna Rada Egor Chernev non ha però escluso attacchi di missili forniti dagli USA sul territorio russo.

Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov, commentando le parole di Zelensky, ha affermato che la Russia non da credito di fiducia alla parte ucraina, poiché la stessa non ha mantenuto nessuna delle sue promesse per risolvere pacificamente il conflitto nel Donbass.

Fonte:
https://ria.ru/20220831/ataka-1813309894.html?utm_source=yxnews&utm_medium=desktop

Traduzione: Eliseo Bertolasi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM