Gelidi colloqui Cina-Stati Uniti in Alaska

di Stephen Lendman (*)

La politica estera degli Stati Uniti non è accomodante.
Gli egemoni come gli Stati Uniti non negoziano. Chiedono.

Gli obiettivi geopolitici di lunga data degli Stati Uniti riguardano la ricerca del dominio sul pianeta Terra, sulle sue risorse e le sue popolazioni, desiderando che altre nazioni in tutto il mondo siano sottomesse alla loro volontà.

Le nazioni libere dal suo controllo sono prese di mira per il cambio di regime, guerre per sempre con mezzi caldi e / o altri mezzi le loro tattiche preferite.
Il coinvolgimento diplomatico di paesi indipendenti negli Stati Uniti per migliorare le relazioni sono esercizi di futilità.
Le promesse fatte dai suoi responsabili politici sono vuote, il tradimento segue più e più volte. (…………)

Si è visto a quali livelli di bassezza siano scese le relazioni fra gli USA e la Russia con l’Amministrazione Biden, adesso conviene esaminare quanto accade con la Cina.

Gli Stati Uniti considerano la Cina la loro principale minaccia alla sicurezza nazionale – per la sua crescente importanza sulla scena mondiale, la sua forza economica, che si dirige verso il superamento dell’America, forse in un decennio o meno.

Pechino dà la priorità alle relazioni di cooperazione con altri paesi, al contrario di come operano gli Stati Uniti.

Lo scorso dicembre, il DNI di Trump John Ratcliffe ha falsamente definito la Cina “la più grande minaccia per l’America oggi (sic) e la più grande minaccia alla democrazia e alla libertà in tutto il mondo dalla seconda guerra mondiale (sic)”, aggiungendo:
“Pechino intende dominare gli Stati Uniti e il resto del pianeta economicamente, militarmente e tecnologicamente (sic)”.

Il sentimento di cui sopra è bipartisan negli Stati Uniti, entrambe le ali destre del loro partito bellico ostili alla Cina e ad altre nazioni libere dal loro controllo.

I colloqui sino / USA ad Anchorage, in Alaska, continuano per un secondo giorno venerdì.

Discutendoli giovedì, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha dichiarato quanto segue:

“La parte statunitense ha proposto di avere questo dialogo con la Cina e la Cina ha accettato questa proposta, un gesto costruttivo che mostra la nostra sincerità verso la ripresa del dialogo e dello scambio Cina-USA e il miglioramento e lo sviluppo delle relazioni Cina-USA”.

“La parte cinese chiarirà le sue posizioni e preoccupazioni su questioni rilevanti durante questo dialogo”.

“Tutti gli argomenti che possono essere discussi sono sul tavolo.”

“Su questioni che riguardano la sovranità, la sicurezza e gli interessi fondamentali della Cina, nessuno deve aspettarsi che la Cina faccia alcun compromesso o compromesso”.

“La Cina è determinata e risoluta nel salvaguardare i suoi interessi fondamentali”.

“È una commissione sciocca che non ha alcuno scopo cercare di impostare il tempo per il dialogo attraverso la ‘diplomazia del megafono’ o di allearsi contro la Cina”.

Pur impegnandosi in una comunicazione diplomatica in buona fede con gli Stati Uniti, uno sforzo per migliorare le relazioni bilaterali, Pechino sa come le sue migliori intenzioni di rapporti di cooperazione con Washington non siano abbastanza buone.

Delegazione USA ad Anchorage colloqui con Cina

Prima dei colloqui, Tony Blinken ha ripetuto false affermazioni sulla detenzione di milioni di uiguri nello Xinjiang da parte della Cina, oltre a esprimere “profonda preoccupazione per le azioni della Cina (su) Hong Kong (e) Taiwan (sic)”.

Ha lanciato attacchi informatici cinesi inesistenti contro gli Stati Uniti (sic) e “coercizione economica verso i nostri alleati (sic)” – questioni inventate che ha sollevato nei colloqui bilaterali.

Ha dato luogo a gelide discussioni ad Anchorage giovedì, forse più lo stesso venerdì.

In risposta giovedì, il funzionario del Comitato centrale cinese / direttore degli affari esteri Yang Jiechi avrebbe accusato gli Stati Uniti di brandire un grosso bastone e di esercitare la supremazia finanziaria per fare pressione su altre nazioni affinché rispettassero la loro volontà, aggiungendo:

Gli Stati Uniti non hanno alcuna competenza per assumere un tono paternalistico con la Cina. Non funzionerà con noi. “Sollevando false preoccupazioni sulla sicurezza nazionale, Washington minaccia le relazioni internazionali di cooperazione.

Supportata dal diritto internazionale, la Cina si oppone fermamente all’interferenza degli Stati Uniti nei suoi affari interni.

Yang ha anche criticato le violazioni dei diritti umani degli Stati Uniti e la sua “mentalità da guerra fredda”.

Chiedendo “nessun confronto, nessun conflitto, rispetto reciproco e cooperazione vantaggiosa per tutti con gli Stati Uniti”, Yang e altri funzionari cinesi sanno che gli intransigenti statunitensi dominanti hanno altri obiettivi in ​​mente nei rapporti con la comunità mondiale delle nazioni.

Separatamente giovedì, un membro anonimo della delegazione cinese ad Anchorage ha dichiarato quanto segue:

“La missione cinese è arrivata all’invito (statunitense) ad Anchorage con sincere intenzioni di tenere un dialogo strategico con gli Stati Uniti e si stava preparando (per i colloqui) in linea con il protocollo precedentemente concordato da entrambe le parti”, aggiungendo:

Rapporti tesi Cina USA – Biden Xi Jimping

“Tuttavia, la parte statunitense è andato notevolmente oltre il limite di tempo durante il discorso di apertura ricorrendo ad attacchi infondati e accuse riguardanti la politica estera e interna cinese, provocando così un conflitto”.

“Questo non è in linea con l’etica del trattamento degli ospiti e viola il protocollo diplomatico”.

Il partito cinese ha dato una risposta dura”.

Prima che iniziassero i colloqui, l’inviato di Pechino a Washington Cui Tiankai ha detto che la parte cinese non ha grandi aspettative “o fantasie” sul miglioramento delle relazioni bilaterali dopo due giorni di colloqui, aggiungendo:

Su tutte le questioni relative agli interessi fondamentali della Cina, inclusi i suoi diritti sovrani e l’integrità territoriale, non saranno compromessi con gli Stati Uniti.

Un commento finale

Venerdì, il foglio ufficiale del People’s Daily cinese, il People’s Daily, ha criticato il Dipartimento di Stato di Biden per “calunniare (ing) la decisione del Congresso nazionale del popolo (NPC) della Cina di migliorare il sistema elettorale della Regione amministrativa speciale di Hong Kong (HKSAR), e minacciato di attuare sanzioni finanziarie contro i funzionari cinesi “, aggiungendo:

“Tale pratica di egemonia e interventismo ha seriamente violato il diritto internazionale e le norme che governano le relazioni internazionali, e ha interferito negli affari interni della Cina”.

“Ha rivelato pienamente la viziosa intenzione degli Stati Uniti di interrompere Hong Kong e ostacolare la stabilità e lo sviluppo della Cina”.

“Nessuna interferenza o calunnia può scuotere la risoluzione della Cina di salvaguardare la sua sovranità nazionale, sicurezza (e) interessi di sviluppo …”

“Gli Stati Uniti farebbero meglio a smettere di minacciare la politica cinese il prima possibile”.

Le relazioni bilaterali sono gelide. È più probabile che peggiorino in anticipo piuttosto che migliorino.

*Stephen Lendman è Research Associate del Center for Research on Globalization (CRG).

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM