Gaza distrugge le narrazioni occidentali del divide et impera

di Sharmine Narwani

Da quando è iniziato l’assalto israeliano a Gaza, tre sondaggi separati mostrano che le popolazioni arabe e musulmane stanno spostando il loro sostegno dagli alleati regionali di Washington verso l’Asse di Resistenza dell’Asia occidentale

Potrebbe essere una piazza pulita. Decenni di narrazioni guidate dall’occidente, create per sfruttare le differenze in tutta l’Asia occidentale, creare conflitti tra le miriadi di comunità della regione e portare avanti gli obiettivi di politica estera occidentale al di sopra delle teste dei nativi litigiosi, sono ora in rovina.

La guerra a Gaza, a quanto pare, ha aperto un varco largo un miglio nelle falsità e nelle favole che hanno tenuto l’Asia occidentale distratta dai conflitti interni almeno a partire dalla Rivoluzione Islamica del 1979 in Iran.

Sciiti contro sunniti, Iran contro arabi, laici contro islamisti: questi sono tre dei più nefasti stratagemmi narrativi dell’Occidente che hanno cercato di controllare e reindirizzare la regione e le sue popolazioni, e hanno persino trascinato i governanti arabi in un’empia alleanza con Israele.

I fatti stanno distruggendo la finzione

Ci è voluto un conflitto raro – non preparato e non controllato da Washington – per liberare le masse dell’Asia occidentale dalla loro trance narrativa. L’assalto genocida di Israele a Gaza ha inoltre portato chiarezza immediata sulla questione di quali arabi e musulmani sostengano effettivamente la liberazione palestinese – e quali no.

L’Iran, Hezbollah, le fazioni della resistenza irachena e Ansarallah dello Yemen – diffamati da queste narrazioni occidentali – sono ora visibilmente gli unici attori regionali pronti a rafforzare la linea del fronte di Gaza, sia attraverso fondi, armi o scontri armati che mirano a diluire e disperdere le risorse militari israeliane. .

I cosiddetti “ arabi moderati ”, un termine improprio per indicare le dittature arabe autoritarie e incentrate sull’occidente, asservite agli interessi di Washington, hanno offerto poco più che un’adesione formale alla carneficina di Gaza.

I sauditi hanno chiesto sostegno ospitando vertici arabi e islamici ai quali fosse permesso di non fare e non dire nulla . Gli Emirati e i Giordani trasportavano i rifornimenti verso Israele che Ansarallah aveva bloccato via mare. Il potente Egitto ha ospitato delegazioni quando tutto ciò che doveva fare era aprire il valico di Rafah in modo che i palestinesi potessero ricevere cibo e medicine. Il Qatar – un tempo uno dei principali donatori di Hamas – ora negozia per la libertà dei prigionieri israeliani, mentre ospita i “moderati” di Hamas, che sono in contrasto con i combattenti per la libertà di Gaza. E il commercio della Turchia con lo stato di occupazione israeliano continua a salire alle stelle (le esportazioni sono aumentate del 35% da novembre a dicembre 2023).

La Palestina, per gli “arabi moderati” filo-occidentali, è una bandiera maneggiata con cura che occasionalmente sventolano pubblicamente, ma che sabotano in privato. Così, oggi guardano, paralizzati e inorriditi, ciò che i social media e decine di milioni di manifestanti hanno reso chiarissimo: la Palestina rimane la causa araba e musulmana essenziale ; può avere alti e bassi, ma nulla ha il potere di infiammare le masse della regione come questa particolare lotta tra giusto e sbagliato.

Lo spostamento verso la resistenza

Siamo ancora all’inizio della battaglia in corso tra l’Asse della Resistenza della regione e le alleanze israeliane, ma i sondaggi mostrano già un notevole cambiamento nel sentimento pubblico nei confronti del primo.

Un sondaggio del barometro arabo effettuato su un periodo di sei settimane – tre settimane prima e tre settimane dopo l’operazione Al-Aqsa Flood – fornisce la prima indicazione di un cambiamento nelle percezioni arabe. Sebbene l’indagine sia stata limitata alla Tunisia, i sondaggisti sostengono che il paese è “quanto più vicino a un indicatore di tendenza che si possa immaginare” e che rappresenta opinioni simili a quelle di altri paesi arabi:

“Gli analisti e i funzionari possono tranquillamente presumere che le opinioni delle persone in altre parti della regione siano cambiate in modo simile ai recenti cambiamenti avvenuti in Tunisia”.

I risultati del sondaggio dovrebbero essere di fondamentale importanza per le ingerenze dei politici occidentali: “Dal 7 ottobre, ogni paese del sondaggio con rapporti positivi o in fase di riscaldamento con Israele ha visto il proprio indice di favore diminuire tra i tunisini”.

Gli Stati Uniti sono quelli che hanno visto crollare i loro dati favorevoli, seguiti dagli alleati dell’Asia occidentale che hanno normalizzato le relazioni con Israele. Russia e Cina, entrambi stati neutrali, hanno registrato pochi cambiamenti, ma la leadership iraniana ha visto aumentare i suoi dati favorevoli. Secondo il barometro arabo:

“Tre settimane dopo gli attacchi, il leader supremo iraniano Ali Khamenei ha indici di approvazione che eguagliano o addirittura superano quelli del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman e del presidente degli Emirati Mohammed bin Zayed”.

Prima del 7 ottobre, solo il 29% dei tunisini aveva un parere favorevole alla politica estera di Khamenei. Questa cifra è salita al 41% secondo le conclusioni del sondaggio, con il sostegno tunisino più notevole nei giorni successivi al riferimento da parte del leader iraniano, il 17 ottobre, alle azioni di Israele a Gaza come un “genocidio”.

La svolta saudita

Prima dell’operazione del 7 ottobre da parte della resistenza palestinese per distruggere la divisione Gaza dell’esercito israeliano e prendere prigionieri come leva per uno scambio di massa di prigionieri, l’attenzione geopolitica principale della regione era sulle prospettive di un rivoluzionario accordo di normalizzazione saudita con Tel Aviv. L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha frustato questo cavallo in ogni occasione; è stato visto come un biglietto d’oro per le sue imminenti elezioni presidenziali.

Resistenza palestinese

Ma l’operazione Al-Aqsa Flood ha rovinato ogni possibilità per l’Arabia Saudita – sede dei luoghi più sacri dell’Islam – di siglare quell’accordo politico. E con gli attacchi aerei israeliani che piovono quotidianamente sui civili palestinesi a Gaza, le opzioni di Riyadh continuano a ridursi.

Un sondaggio del Washington Institute condotto tra il 14 novembre e il 6 dicembre misura il cambiamento epocale nel sentimento pubblico saudita:

Un enorme 96% è d’accordo con l’affermazione secondo cui “i paesi arabi dovrebbero interrompere immediatamente tutti i contatti diplomatici, politici, economici e di altro tipo con Israele, per protestare contro la sua azione militare a Gaza”.

Nel frattempo, il 91% ritiene che “nonostante la distruzione e la perdita di vite umane, questa guerra a Gaza sia una vittoria per palestinesi, arabi e musulmani”. Questa è un’affermazione sorprendentemente unificante per un paese che ha aderito strettamente alle narrazioni occidentali che cercano di dividere i palestinesi dagli arabi, gli arabi tra loro e i musulmani lungo linee settarie – geograficamente, culturalmente e politicamente.

Sebbene l’Arabia Saudita sia uno dei pochi stati arabi ad aver designato Hamas come organizzazione terroristica, le opinioni favorevoli su Hamas sono aumentate del 30%, dal 10% di agosto al 40% di novembre, mentre la maggior parte – il 95% – non crede alla narrazione del 7 ottobre, un gruppo di resistenza palestinese che ha ucciso civili.

Nel frattempo, l’87% dei sauditi concorda con l’idea che “gli eventi recenti mostrano che Israele è così debole e diviso al suo interno che un giorno potrà essere sconfitto”. Ironicamente, questo è un ritornello affermato da tempo dall’Asse della Resistenza. Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, è stato citato per aver affermato: “Israele è più debole di una tela di ragno”, dopo la sua sconfitta da parte della resistenza libanese il 25 maggio 2006.

Prima del 7 ottobre, i sauditi avevano fortemente favorito i legami economici con Israele, ma anche quella percentuale è scesa drasticamente dal 47% dell’anno scorso al 17% di oggi. E sebbene l’atteggiamento saudita nei confronti dell’Asse della Resistenza rimanga negativo – l’Arabia Saudita, dopo tutto, è stata l’epicentro regionale della propaganda anti-Iran e anti-sciita sin dalla rivoluzione del 1979 – ciò potrebbe essere in gran parte dovuto al fatto che i loro media sono pesantemente controllati. Contrariamente a quanto osservato dalle masse arabe, l’81% dei sauditi crede ancora che l’Asse sia “riluttante ad aiutare i palestinesi”.

La svolta palestinese

Altrettanto importante per la discussione sulle percezioni arabe è il cambiamento osservato tra gli stessi palestinesi a partire dal 7 ottobre. Un sondaggio condotto dal Centro palestinese per la politica e la ricerca sui sondaggi (PSR) sia nella Cisgiordania occupata che nella Striscia di Gaza tra il 22 novembre e il 2 dicembre rispecchia le opinioni arabe, ma con alcune sfumature.

Gli intervistati di Gaza, comprensibilmente, hanno mostrato più scetticismo riguardo alla “correttezza” dell’operazione Al-Aqsa Flood di Hamas, che ha innescato l’assalto genocida di Israele alla Striscia in cui oltre 22.000 civili – per lo più donne e bambini – sono stati brutalmente uccisi. Mentre il sostegno ad Hamas è aumentato solo leggermente nella Striscia di Gaza, è triplicato in Cisgiordania, con entrambi i territori palestinesi che esprimono un disprezzo quasi uguale per l’Autorità Palestinese (AP), sostenuta dall’Occidente, che governa da Ramallah.

Il sostegno al presidente ad interim dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas e al suo partito Fatah è stato duramente colpito. Quasi il 90% chiede le sue dimissioni, mentre quasi il 60% (la cifra più alta finora registrata in un sondaggio del PSR su questo tema) degli intervistati auspica lo scioglimento dell’Autorità Palestinese.

Oltre il 60% dei palestinesi intervistati (più vicino al 70% in Cisgiordania) ritiene che la lotta armata sia il mezzo migliore per porre fine all’occupazione, con il 72% d’accordo con l’affermazione secondo cui Hamas ha preso la decisione giusta di lanciare l’operazione del 7 ottobre, e il 70 per cento è d’accordo sul fatto che Israele non riuscirà a sradicare la resistenza palestinese a Gaza.

I palestinesi hanno opinioni forti sugli attori regionali e internazionali, che secondo loro hanno lasciato Gaza senza protezione dalle violazioni senza precedenti del diritto internazionale da parte di Israele.

Il Paese di gran lunga più sostenuto dagli intervistati è lo Yemen, con un indice di gradimento dell’80%, seguito da Qatar (56%), Hezbollah (49%), Iran (35%), Turkiye (34%), Giordania (24%), Egitto (23%), Emirati Arabi Uniti (8%) e Arabia Saudita (5%).

In questo sondaggio, l’Asse della Resistenza della regione domina le valutazioni di favore, mentre le nazioni arabe e musulmane filo-americane con un certo grado di relazioni con Israele, se la passano male. È da notare che dei quattro paesi e gruppi più favorevoli per i palestinesi a maggioranza sunnita, tre sono membri principali dell’asse “sciita”, mentre cinque stati a guida sunnita si collocano agli ultimi posti.

Questa visione palestinese si estende agli stati internazionali non regionali, con gli intervistati più soddisfatti degli alleati dell’Asse della Resistenza Russia (22%) e Cina (20%), mentre gli alleati israeliani Germania (7%), Francia (5%), Regno Unito (4%) %) e gli Stati Uniti (1%) lottano per mantenere la presa tra i palestinesi.

Houthi con batteria missili

I numeri dipendono dalla guerra che ci attende

Tre sondaggi separati mostrano che le percezioni arabe sono cambiate radicalmente riguardo alla guerra di Israele a Gaza, con il sentimento popolare che gravita verso quegli stati e attori percepiti come sostenitori attivi degli obiettivi palestinesi, e lontano da coloro che sono percepiti come sostenitori di Israele.

Il nuovo anno inizia con due grandi eventi. Il primo è il ritiro dei riservisti israeliani da Gaza, sia perché Washington lo richiede, sia a causa di perdite insostenibili di vite umane e di feriti tra le truppe di occupazione. Il secondo è lo scioccante assassinio del leader di Hamas Saleh al-Arouri e di altri sei a Beirut, in Libano, il 2 gennaio.

Tutto indica che la guerra di Israele non solo continuerà, ma si espanderà a livello regionale . La nuova costruzione marittima statunitense nel Mar Rosso ha coinvolto altri attori internazionali nel mix, e Tel Aviv ha provocato in modo significativo gli Hezbollah libanesi.

Ma se il confronto tra i due assi dovesse intensificarsi, la percezione araba quasi certamente continuerà ad allontanarsi dai vecchi paesi egemoni verso coloro che sono disposti a resistere all’assalto americano-israeliano alla regione.

Non ci sarà alcun sollievo per Washington e i suoi alleati man mano che la guerra si espanderà. Più lavorano per sconfiggere Hamas e distruggere Gaza, e più lanciano missili contro Yemen, Iraq e Siria, e assediano l’Asse della Resistenza, più è probabile che le popolazioni arabe si scrollino di dosso la questione sunniti-sciiti, Iran-contro. – Narrazioni arabe e laici contro islamisti che hanno mantenuto la regione divisa e in conflitto per decenni.

L’ondata di sostegno che si sta mobilitando a causa di un giusto confronto contro i più grandi oppressori della regione è inarrestabile. Il declino dell’Occidente è ormai un dato di fatto nella regione, ma il discorso occidentale è stato la prima vittima di questa guerra.

Fonte: Middle East Eye

Traduzione: Fadi Haddad

2 commenti su “Gaza distrugge le narrazioni occidentali del divide et impera

  1. Palestina Stato Sovrano … solo quelli tra gli ebrei che sono innocenti possono restare come ospiti o lavoratori o turisti … ma la terra e le case tornano ai palestinesi

  2. Le narrazioni dei nasoni nei / dei televisori …un feroce bla bla bla per coprire l’atroce maitirio di un popolo della Storia della umanità…a cui non appartengono i pentastellati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus