G20: Ultimo valzer in un mondo lacerato

di MK Bhadrakumar

L’assenza dei presidenti russo Vladimir Putin e cinese Xi Jinping dal vertice del G20 del 9 e 10 settembre non lascia perplesso il governo Modi. La sua intuizione lo aiuta a rimanere stoico. Possiamo dire che è una situazione difficile degna di Shakespeare: ” Sto sanguinando / Sono arrivato tanto lontano che, se non andassi oltre, / Il ritorno sarebbe tedioso quanto il viaggio di andata “.

Gli alti diplomatici indiani si sarebbero resi conto da tempo che un evento tenutosi nel mondo ieri, prima che scoppiasse la nuova Guerra Fredda, non avrebbe avuto la stessa portata e significato oggi.

Eppure Delhi deve sentirsi delusa, poiché le costrizioni di Putin o Xi Jinping non hanno nulla a che fare con le relazioni dei loro paesi con l’India. Il governo ha usato una svolta burocratica affermando che “ il livello di partecipazione ai vertici mondiali varia di anno in anno. Nel mondo di oggi, dove i leader sono molto richiesti, non sempre è possibile per ciascuno di loro partecipare a tutti i vertici ”.

Detto questo, l’amministrazione di Delhi sta rinnovando il volto della città, rimuovendo i bassifondi dalla vista del pubblico, aggiungendo nuovi e attraenti cartelloni pubblicitari per attirare l’attenzione dei dignitari stranieri e persino allineando vasi di fiori lungo le strade dove passano le loro processioni.

Non è necessario essere uno scienziato missilistico per capire che il punto comune delle decisioni prese a Mosca e Pechino è che i loro leader non sono affatto interessati ad alcuna interazione con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che si accamperà a Delhi per quattro giorni. e avrà tutto il tempo per organizzare incontri strutturati, almeno “aside” e simili, che potrebbero essere filmati.

Le considerazioni di Biden sono politiche: tutto ciò che aiuta a distrarre dalla tempesta che si sta preparando nella politica americana e che minaccia di culminare con il suo impeachment, che a sua volta potrebbe danneggiare la sua candidatura alle elezioni del 2024.

Naturalmente, questo non è il momento di Lyndon Johnson per Biden. Nel marzo del 1968 Johnson prese la tumultuosa decisione di ritirarsi dalla politica come un passo decisivo verso la guarigione delle crepe del paese, pur soffrendo profondamente per il fatto che ” ora c’è una divisione nella casa americana “.

Ma Biden è tutt’altro che un visionario. Ha teso una trappola per Putin per rafforzare la sua falsa narrativa secondo cui se solo si fosse alzato dal suo cavallo, la guerra in Ucraina sarebbe finita da un giorno all’altro, mentre il Cremlino da parte sua è ben consapevole che la Casa Bianca continua a essere il più strenuo difensore. della tesi secondo cui una guerra prolungata indebolirebbe la Russia. In effetti, Biden ha fatto di tutto per raggiungere risultati straordinari che nessuno di questi predecessori ha mai osato raggiungere, aiutando e favorendo gli attacchi terroristici ucraini in Russia.

In un certo senso, anche Xi Jinping si trova in una trappola, poiché l’amministrazione Biden fa di tutto per essere accomodante nei confronti della Cina, come dimostrano i numerosi funzionari statunitensi che hanno recentemente visitato la Cina.a Pechino: il Segretario di Stato Antony J. Blinken a giugno, il segretario al Tesoro e inviato per il clima John Kerry a luglio, e il segretario al Commercio Gina Raimondo ad agosto.

Martedì il New York Times ha pubblicato un articolo intitolato “ Funzionari statunitensi visitano la Cina in massa. Pechino ricambierà il favore? L’articolo criticava Pechino:

“ La Cina ha molto da guadagnare dall’invio di rappresentanti negli Stati Uniti. Segnalerebbe al mondo che sta lavorando per allentare le tensioni con Washington, soprattutto in un momento in cui la Cina ha bisogno di rafforzare la fiducia nella sua vacillante economia. Una visita potrebbe anche contribuire a gettare le basi per un possibile incontro tanto atteso tra il presidente Biden e il massimo leader cinese, Xi Jinping, in un forum a San Francisco a novembre.
Pechino, però, non ha preso alcun impegno ”.

Il fatto è che, durante tutto questo tempo, Washington ha ripetutamente schernito e provocato Pechino in modo bellicoso e calcolato per indebolire l’economia cinese e indurre Taiwan e i paesi dell’ASEAN ad allinearsi come alleati degli Stati Uniti nella regione dell’Indo-Pacifico, oltre a denigrare la Cina.

Putin e Xi Jinping hanno entrambi imparato a proprie spese che Biden è un maestro nel linguaggio ambiguo, dicendo una cosa a porte chiuse e agendo in modo completamente opposto, spesso risultando scortese e offensivo a livello personale in un’esibizione di un livello di crudezza senza precedenti nella diplomazia pubblica.

Naturalmente, il simbolismo della “riconciliazione” USA-Russia sul suolo indiano, per quanto artificiale, può solo avvantaggiare Washington e allontanare Modi dall’importantissima partnership strategica tra India e Russia, in un momento in cui le suppliche occidentali sull’Ucraina non hanno trovato riscontro. eco nel Sud del mondo.

Allo stato attuale, la partecipazione sconsiderata dell’India ai recenti “colloqui di pace” di Jeddah (che in realtà sono stati il ​​frutto dell’ingegno del consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan) ha dato l’errata impressione che il governo Modi “ parteciperà all’attuazione del Formula di pace in 10 punti proposta dal presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj e di cui si stanno discutendo i dettagli ”.

Sia Mosca che Pechino saranno estremamente diffidenti nei confronti delle trappole dell’amministrazione Biden volte a creare incomprensioni nelle loro reciproche relazioni e a suscitare idee sbagliate sulla stabilità delle relazioni strategiche Russia-Cina in un momento critico in cui Putin sta per recarsi a Pechino.

La possibile visita di Putin in Cina a ottobre può essere vista come una risposta alla visita di Xi Jinping a Mosca a marzo, ma ha un contenuto sostanziale, come dimostra l’invito di Pechino a essere il relatore principale al terzo Belt and Road Forum che segna il 10° anniversario della comparsa della BRI nella politica estera cinese.

Sebbene nel 2015 Putin e Xi abbiano firmato una dichiarazione congiunta sulla cooperazione volta a “ collegare la costruzione dell’Unione economica eurasiatica e la cintura economica della Via della seta ”, finora il sostegno di Mosca alla BRI ha assunto più carattere dichiarativo rimanendo al di sotto dell’appartenenza alla BRI. più recente. La Cina, quando fa comodo, si riferisce alla Russia come al paese della Belt and Road, mentre Mosca si limita a aderire alle formulazioni precedenti.

Ciò potrebbe cambiare con la visita di Putin in ottobre e, se ciò dovesse accadere, potrebbe rappresentare un punto di svolta storico per le dinamiche del partenariato sino-russo e per il flusso della politica internazionale nel suo complesso.

I diplomatici indiani sperano di elaborare un documento congiunto che metta da parte le contraddizioni, che non riguardano solo l’Ucraina, ma anche il cambiamento climatico, gli obblighi di debito dei mercati emergenti, gli obiettivi di sviluppo sostenibile, la trasformazione digitale, la sicurezza energetica e alimentare e così via. La linea di confronto dell’Occidente collettivo costituisce un grosso ostacolo.

I ministri degli Esteri del G20 non sono riusciti ad adottare una dichiarazione congiunta e le deliberazioni, sotto la pressione dei paesi del G7, ” si sono perse in dichiarazioni emotive “, come ha poi affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. Putin e Xi probabilmente non si aspettano che il vertice del G20 produca soluzioni decisive.

È molto probabile che il prossimo evento a Delhi questo fine settimana sarà l’ultimo valzer tra i cowboy del mondo occidentale e il sempre più irrequieto sud globale. La ripresa della lotta anticoloniale in Africa è di cattivo auspicio. È ovvio che Russia e Cina stanno mettendo le loro uova nel paniere dei BRICS.

MK Bhadrakumar (analista ed ex diplomatico indiano).

Fonte: Punchline indiana

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “G20: Ultimo valzer in un mondo lacerato

  1. Gli attuali valori reali in termini di importanza strategica dei due vertici: – Brics allargato = Wimbledon, – G20 = Torneo Regionale.

  2. Xi Jin Ping come Putin cerca di proteggersi, gli anglo-sion non perdonano i loro nemici, mentre gli americani hanno mandato la Raimondo a Pechino intanto aumentavano le restrizioni verso l’esportazione di tecnologia in Cina nonchè verso gli investimenti in essa nel paese, in modo assolutamente inutile.
    Continuano gli invii di armi americane a Taiwan, mentre i cinesi fanno esercitazioni navali, aeree e terrestri attorno a Taiwan e con la Thailandia, ormai la guerra per l’isola è inevitabile, questione forse di settimane.
    Anche Putin per incontrare Erdogan lo ha invitato a Soci, non è andato lui in Turchia, sanno che stanno rischiando la pelle, anche a Soci dove gli ucraini potevano arrivare con qualche drone di cartone.
    In Ucraina forse ci sarà un cambio di vertici imposto dalla NATO per favorire i negoziati con la Russia per permetterle di concentrarsi sulla guerra imminente alla Cina, hanno fatto finta di arrestare il mentore di Zelensky Kolomoisky, e hanno sostituito come ministro della difesa l’ebreo Reznikov con un tataro di Crimea.
    Kolomoisky è stato l’arruolatore e il finanziatore del battaglione Azov, di cui una delegazione a fine dicembre andò in Israele a celebrare la resistenza della fortezza ebraica di Masada contro i romani, durante la Prima Guerra Giudaica, quando gli zeloti di Eleazaro per non finire crocifissi dai soldati romani di Flavio Silva (soldati arruolati in Siria) si suicidarono in massa.
    Molti anni fa la Hollywood controllata dagli ebrei ci fece una serie tv in cui Flavio Silva era interpretato da Peter O’Toole, in una scena costui viene mostrato molto soddisfatto mentre fa lanciare il padre di Eleazaro dentro la fortezza con una catapulta.
    Gli ebrei di Hollywood ci tenevano a far passare i loro nemici come crudeli.
    Nel film il Re dei Re sulla vita di Gesù viene mostrato il generale romano Pompeo mentre fa uccidere l’intero Collegio Sacerdotale del Tempio di Gerusalemme a colpi di lancia per poter entrare nel Tempio e saccheggiarlo.
    In realtà il Secondo Tempio sarà costruito più tardi da Erode il Grande, mentre il Primo Tempio era stato distrutto dal re babilonese Nabucodonor II nel 589 a.C. dopo aver preso Gerusalemme ed averne impalato gran parte della popolazione, deportando il resto in Mesopotamia.
    Anche a Samaria nel Regno di Israele il re assiro Sargon II dopo averla presa attorno al 730 a.C. fece impalare parte della popolazione e deportò il resto in Mesopotamia.
    I deportati poi per secoli prospereranno là praticando il commercio carovaniero sulla Via della Seta fino al Mediterraneo.
    A Gerusalemme ne tornarono pochi grazie al re persiano Ciro e forse riedificarono in parte il vecchio Tempio, che forse non era stato distrutto del tutto.

    1. Gentile EUSEBIO, ottime pillole di storia, sulle quali tutti noi dovremo documentarci di più per capire meglio gli avvenimenti odierni.
      Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM