Funzionario di Hezbollah avverte Israele del “fuoco dell’inferno” dopo la minaccia di Gantz

Un alto funzionario del movimento di resistenza libanese di Hezbollah ha messo in guardia il regime israeliano contro qualsiasi azione di avventurismo militare, dicendo che gli aggressori vedrebbero il “fuoco dell’inferno” in caso di un’altra guerra.

Hassan Baghdadi, membro del consiglio centrale del movimento di resistenza di Hezbollah, domenica ha affermato che i funzionari del regime israeliano dovrebbero essere “meno arroganti” e scendere dall’alto del loro cavallo dell’orgoglio e dell’arroganza.

“Loro (israeliani) non dovrebbero sbagliare di nuovo nei loro calcoli”, ha detto il funzionario. “Se ci sarà una guerra con Hezbollah, vedranno il fuoco dell’inferno come non avrebbero mai immaginato”.

Baghdadi ha affermato che i funzionari israeliani “non imparano lezioni” e “non capiscono la vera politica”, aggiungendo che la loro “natura aggressiva e criminale” li porta a fare errori di calcolo.

Questa arroganza e aggressione, ha detto il funzionario del movimento di resistenza libanese, segnerebbe presto la fine del regime.

I commenti di Baghdadi sono arrivati ​​giorni dopo che il ministro degli affari militari israeliano Benny Gantz ha minacciato il Libano di attacchi militari, affermando che i raid in Libano avrebbero incluso obiettivi più grandi di quelli colpiti durante la recente aggressione alla Striscia di Gaza assediata .

“Se un attacco arriva dal nord, il Libano tremerà… le case in cui sono nascoste armi e terroristi diventeranno macerie”, ha detto Gantz in un discorso del 26 maggio. “La nostra lista di obiettivi per il Libano è più grande e più significativa rispetto a quello per Gaza, e il conto è pronto per essere saldato se necessario”.

Hezbollah Reparto

Distruzione del regime israeliano

Le osservazioni bellicose di Gantz sono arrivate dopo che Sayyed Hassan Nasrallah, il segretario generale del movimento di resistenza di Hezbollah, in un discorso ha avvertito Israele che qualsiasi aggressione ai luoghi santi nella Gerusalemme occupata al-Quds porterebbe alla guerra regionale e alla distruzione del regime di Tel Aviv.

“Devi sapere che danneggiare al-Quds, la moschea di al-Aqsa e la santità della nazione è diverso da qualsiasi altra aggressione che porti a termine”, ha detto Nasrallah. “Danneggiare la moschea di al-Aqsa e i luoghi santi non si fermerà ai confini della resistenza di Gaza e porterà a una guerra regionale e alla distruzione di Israele”.

Nei recenti 11 giorni di aggressione del regime israeliano, almeno 260 persone sono state uccise nella Striscia di Gaza e migliaia sono rimaste senza casa. Un gran numero di proprietà residenziali e commerciali, inclusi grattacieli che ospitano uffici per i media, sono stati bombardati.

I gruppi della resistenza palestinese a Gaza hanno reagito con forza, portando infine a un cessate il fuoco unilaterale annunciato da Tel Aviv a seguito della mediazione del Cairo.

Hezbollah in parata

Provocazioni continue

Le forze del regime israeliano nei territori occupati, in violazione dell’accordo di cessate il fuoco, continuano ad attaccare palestinesi, arrestare attivisti e giornalisti e sparare gas lacrimogeni e granate assordanti durante le riunioni di solidarietà pro-palestinesi.

Le azioni provocatorie delle forze israeliane sono state recentemente segnalate anche al confine tra Libano e Palestina, innescando tensioni nell’area.

Il canale 12 israeliano ha riferito lunedì che le forze del regime hanno avvertito di razzi sparati dal cieli del sud del Libano, presunti “movimenti sospetti” nella città di confine settentrionale di Shlomi.

Il rapporto afferma che un gran numero di truppe è stato inviato sulla scena, insieme ad elicotteri, per condurre una massiccia operazione di ricerca.

Ai residenti nel nord della Palestina occupata è stato ordinato di rimanere nelle loro case ed evitare di uscire o avvicinarsi alle aree di confine.

Viene dopo una serie di arresti effettuati dalle forze del regime come parte della cosiddetta campagna “Law and Order” nella Cisgiordania occupata.

Sabato, le forze del regime israeliano hanno represso una manifestazione di protesta nel quartiere di Sheikh Jarrah di East al-Quds occupato, arrestando una giornalista. Vedi Video sottostante:

I filmati condivisi online hanno mostrato le forze che si sono lanciate a guado nel raduno evidentemente pacifico nell’area situata nel territorio palestinese occupato della Cisgiordania sabato.

Battaglia futura più intensa

Tra i continui guerrafondai da parte dei funzionari israeliani, il fronte di resistenza palestinese ha minacciato di infliggere un duro colpo al regime in caso di future avventure militari.

Ziad al-Nakhala, segretario generale della Jihad islamica, ha annunciato domenica, nel primo anniversario della morte del leader del movimento Ramadan Abdullah Mohammed Shalah, che la resistenza contro le arroganti potenze occupanti continuerà con vigore.

Ha detto che il movimento di resistenza palestinese è ancora “nel mezzo della battaglia”, esortando tutti i gruppi di resistenza a rimanere saldi e ad avere una visione comune verso la vittoria imminente.

Il leader di Hamas nella Striscia di Gaza, Yahya Sinwar, ha dichiarato il mese scorso che il gruppo di resistenza palestinese è in grado di lanciare centinaia di missili con gittate fino a 200 km verso i territori occupati da Israele in un solo minuto.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti
  • Brescia
    Inserito alle 18:19h, 07 Giugno Rispondi

    Lo stato di Israele e stato creato per un unica ragione qli inizio della terza guerra mondiale

  • Enriquelosroques
    Inserito alle 20:17h, 07 Giugno Rispondi

    Si ma quando finirà tutto ciò? Perché non li cacciano definitivamente. Non riesco a capire come possano vivere in quelle zone sotto le minacce e la violenza ashkenazita

  • blackarrow
    Inserito alle 09:29h, 08 Giugno Rispondi
    • Brescia
      Inserito alle 09:39h, 08 Giugno Rispondi

      Ti do un indizio da dove te poi fare una ricerca si chiama la stanza della meditazione e si trova al interno del palazzo di vetro (ONU) quella stanza e dedicata al dio della guerra biblico e capirai perché il mondo va così da miliaia di anni!

      • atlas
        Inserito alle 19:31h, 08 Giugno Rispondi

        e non muori …

  • antonio
    Inserito alle 15:53h, 08 Giugno Rispondi

    il peggior il pensiero al mondo è oggi forse l’ insieme israeliano

  • Bertha
    Inserito alle 22:18h, 09 Giugno Rispondi

    Ma almeno ,l’ho sapevate che in 30 stati usa,per lavorare per lo stato dovete fare una dichiarazione firmata,in qui dice che non dovete fare propaganda o altri gesti contro Isdraele fino alla fine del contratto, “”moonofalabama.”” Una giornalista ha vinto la causa contro lo stato di alabama…..le lobby straniere sioniste non devono prevalere su gli stati:

  • Bertha
    Inserito alle 22:23h, 09 Giugno Rispondi

    Qui piu che frasi scurrili,e commenti,
    Senza capo e ne coda, mi risulta ke è peggio di Facebook!!!

Inserisci un Commento