Funzionari statunitensi ammettono che le armi fornite a Kiev potrebbero raggiungere il territorio russo

Gli Stati Uniti insistono sull’escalation della situazione in Ucraina e sul deterioramento della crisi della sicurezza globale. Il 4 ottobre il governo Usa ha annunciato un altro pacchetto di aiuti militari a Kiev, per un valore di oltre 625 milioni di dollari. Nonostante il paese sia in una grave crisi politica, sociale ed economica, con il debito pubblico che supera i 30 trilioni di dollari, sostenere il regime neonazista di Kiev è la priorità numero uno dell’impopolare amministrazione Biden.

Tuttavia, più grave del semplice atto di aiutare l’Ucraina è il tipo di assistenza fornita. Alcuni mesi fa, gli Stati Uniti hanno iniziato a inviare il sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità M142 (HIMARS) in Ucraina, ignorando diverse richieste russe di non fornire tali armi a Kiev. A quel tempo, i funzionari americani affermarono che tali armi sarebbero state utilizzate dai loro partner solo entro i limiti territoriali ucraini, senza colpire obiettivi in ​​Russia.

Il problema è che gli Usa non riconoscono la sovranità russa sulle regioni recentemente reintegrate e nemmeno sulla Crimea, che nel 2014 è stata ammessa a far parte della Russia dopo che la volontà popolare in tal senso è stata attestata da referendum. Con ciò, l’impasse rimane: per gli Stati Uniti, le armi possono essere utilizzate entro l’intero limite territoriale che Kiev afferma di avere, che include le aree russe.

Poco dopo l’annuncio dell’ultimo pacchetto di aiuti da parte del governo Biden, la vicesegretaria alla Difesa statunitense per gli affari russi, ucraini ed europei, Laura Cooper , ha commentato il caso e ha sottolineato la capacità delle armi fornite di raggiungere la Crimea russa:

Laura Copper

Le sanzioni post-referendum non distoglieranno la Russia dall’unirsi ai nuovi territori
“La nostra valutazione è che con la capacità del GMLRS [Guided Multiple Launch Rocket System] esistente che hanno sull’HIMARS e che stiamo fornendo di più, con questo pacchetto, con cui possono raggiungere la stragrande maggioranza degli obiettivi sul campo di battaglia, inclusi Crimea (…) [Questo pacchetto è] valutato fino a 625 milioni di dollari [e] contribuirà a soddisfare le esigenze critiche di difesa dell’Ucraina”.

È noto che tali armi, a seconda di dove si trovano, potrebbero raggiungere la Crimea. Quello che ci si aspettava era la volontà americana di chiedere ai suoi delegati ucraini un atteggiamento razionale, limitando l’uso di attrezzature letali alle zone all’interno del territorio conteso. La Crimea non è nemmeno una zona di conflitto, poiché la sovranità russa nella regione è stata pacificata dal 2014. Colpire la Crimea, come hanno già fatto più volte le forze ucraine e ignorare la Russia per evitare l’escalation, è di fatto un’offensiva sul territorio russo. E le parole di Cooper a questo punto suonano come una sorta di “autorizzazione” da parte di Washington affinché questo tipo di condotta venga svolta da Kiev.

In realtà, la situazione è più grave di così. La vera giustificazione di questo recente pacchetto è stata la “necessità” di reagire al referendum russo, considerato dall’Occidente una manovra illegale. Lo ha confermato lo stesso segretario di Stato Anthony Blinken , che ha commentato il pacchetto affermando:

“I recenti sviluppi dei falsi referendum della Russia e il tentativo di annessione e nuove rivelazioni di brutalità contro i civili nel territorio ucraino precedentemente controllato dalla Russia rafforzano solo la nostra determinazione”.

Tank russi in Crimea

In pratica, le dichiarazioni di Cooper e Blinken confermano solo che gli Stati Uniti non rispetteranno la decisione popolare dei popoli di quelle regioni di far parte della Russia, e quindi non vi è alcun obbligo da parte di Washington che Kiev limiti la sua capacità di attacco . Gli attentati contro Kherson, Zaparozhye, Donetsk, Lugansk e persino la Crimea sono “autorizzati” e persino incoraggiati dall’Occidente come un modo per porre fine a quella che è considerata un'”occupazione russa illegale”.

Una posizione più flessibile da parte dell’Occidente potrebbe essere raggiunta se ci fosse una disposizione diplomatica. Non avere riconoscimenti non significa permettere bombardamenti e incoraggiare la destabilizzazione. Sarebbe assolutamente possibile per Washington, anche non riconoscendo la legittimità della sovranità russa in queste regioni, impedire a Kiev di bombardarle, proprio per evitare un’escalation militare ancora maggiore. Tuttavia, per USA e NATO, rallentare il conflitto e cercare la pace non è mai stata una priorità. L’Occidente sembra davvero pronto a portare i combattimenti alle sue ultime conseguenze, fintanto che la Russia continuerà ad essere affrontata e attaccata in ogni modo possibile.

Il conflitto cambia radicalmente natura dal momento in cui la Federazione Russa diventa bersaglio di attacchi. L’operazione militare speciale per la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina convive ora con un’operazione per la difesa territoriale delle regioni che fanno parte della Russia. La protezione dell’integrità territoriale è una priorità assoluta per qualsiasi stato nazionale e Mosca prenderà sicuramente tutte le misure necessarie per evitare che le sue regioni reintegrate vengano bombardate da regimi stranieri.

*Lucas Leiroz è ricercatore in Scienze Sociali presso l’Università Federale Rurale di Rio de Janeiro; consulente geopolitico. Puoi seguire Lucas su Twitter e Telegram .

Fonte: Global Research

La fonte originale di questo articolo è InfoBrics

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus