Fumo negli occhi a 5 stelle

di Ettore Savini


Che bravi questi 5Stelle, che si sono battuti per il taglio dei parlamentari e, dunque, per far risparmiare un miliardo di euro all’anno al popolo italiano. Sì, proprio bravi, tanto che il loro leader, Luigi Di Maio, è stato ospite di tutti talk-show politici ed è stato intervistato, si fa per dire, da telegiornali e giornali radio di regime, che gli hanno offerto ampio spazio per autoincensarsi. Peccato che nessuno sia andato a vedere quello che, in realtà, altro non è che un bluff, ben riuscito grazie alla complicità dei media, ma sempre un bluff.
Innanzitutto, ci permettiamo di sollevare un dubbio. Ammettiamo pure, infatti, che la cifra che si andrà a risparmiare per gli stipendi dei parlamentari sia pure di un miliardo di euro all’anno, come hanno sostenuto i 5Stelle nella loro triste manifestazione, rilanciata, con foto e video, da tutti i giornalisti-servi, subito dopo l’approvazione del provvedimento che riduce i seggi in Parlamento. Siamo certi, però, che la minor spesa corrisponderà a un reale arricchimento per il nostro Paese? Tagliare le teste di deputati e senatori potrebbe comportare anche una diminuzione dei “pensanti” e questo rappresenterebbe un impoverimento, visto che in Parlamento si fanno le leggi, che regolamentano, poi, la società.
Ovviamente, a questa domanda non c’è risposta, ma il bluff emerge in tutta la sua chiarezza quando confrontiamo il presunto risparmio (un miliardo di euro all’anno, appunto) con i costi che si potrebbero ridurre e che non si riducono. I signori 5Stelle, infatti, sono al governo da un anno e mezzo, ormai, e allora ci chiediamo perché non hanno fatto nulla per tagliare davvero le cosiddette “auto blu”. A parole dicono di non voler utilizzare le vetture di Stato, ma in concreto ne fanno uso come tutti i loro predecessori. A cominciare dal presidente della Camera, Roberto Fico, che aveva cominciato con un viaggio in autobus e oggi non fa un passo senza l’auto di servizio.
Ecco, se davvero si vuole fare l’interesse del cittadino, bisognerebbe partire da qui: dal taglio dei privilegi, più che delle poltrone. Non solo: se volessero fare seriamente l’interesse degli italiani, anziché gettare inutile fumo negli occhi, i 5Stelle potrebbero cominciare dalle Regioni e, in particolare, dal Lazio. Pensate, ai dirigenti di via Cristoforo Colombo, sede della Giunta regionale: il più basso in grado guadagna circa 100mila euro all’anno, mentre i più importanti, i direttori regionali, arrivano almeno a 180mila euro annui. I direttori regionali sono 24 e costano alla comunità oltre 43 milioni di euro all’anno. I dirigenti “minori” non sono quantificabili, perché sul sito della Regione non sono indicati tutti, ma superano ampiamente le cento unità e, dunque, i 100 milioni di euro all’anno. A questi vanno aggiunti i dirigenti della Pisana, sede del Consiglio Regionale, molti meno, ma comunque con stipendi rilevanti. A cosa servono centinaia di dirigenti regionali, con competenze che potrebbero essere tranquillamente accorpate? Perché i 5Stelle del Lazio non hanno mai fatto la guerra a Zingaretti su questi temi?


Domande senza risposte e oggi i grillini del Lazio si stanno accordando col Pd, sulla scia delle intese nazionali, per spartirsi le poltrone delle Asl, delle Ater e delle società partecipate: altre centinaia di stipendi, tra Consigli di Amministrazione e dirigenti.
In buona sostanza, da una parte i grillini espongono gli striscioni della riduzione di spesa e, dall’altra, si accomodano ai tavoli delle nomine (di Stato e regionali), che costano alla comunità decine di miliardi di euro all’anno, che potrebbero essere risparmiati, con tagli di poltrone e costi inutili. Da una parte si risparmia un miliardo, con la riduzione dei parlamentari, dall’altra ci si accaparrano posizioni di potere, che valgono decine di miliardi di euro, a carico di ognuno di noi. Insomma, fumo negli occhi a 5Stelle, con la complicità di Zingaretti e di radio, tv e giornali asserviti ai padroni di turno.

http://www.ilpensieroforte.it/italia/2702-fumo-negli-occhi-a-5-stelle

Fonte: Il Pensiero Forte.it

13 Commenti

  • Eugenio Orso
    10 Ottobre 2019

    Articolo sbagliato, forse capzioso, in mala fede.
    Il problema non è quello sollevato nell’articolo, ma semplicemnte il fatto che il taglio dei parlamentari non porterà alcun beneficio concreto a gran parte della popolazione italiana.
    Non ci saranno aumenti dei redditi popolari, né un’età pensionabile più umana con la pensione intera e neppure una maggior spesa sociale o più posti di lavoro decentemente retribuiti.
    E’ tutto fumo negli occhi dei vergognosi e vigliacchi 5 stalle, diffuso con la complicità delle puttane mediatiche.
    Questi scarti di verme sono al governo con gli infamissimi piddì e continuano con le politiche ultraliberiste, “il rispetto delle regole” europoidi nella trappola mortale dell’euro-kriminal.
    Con il taglio dei parlamentari, perciò, noi ci puliamo il culo e speriamo che aumenti la rabbia sorda, cieca e inespressa della parte meno idiota della popolazione, nonostante il sorrisetto di trionfo della merda di maio!

    Cari saluti

    • Fabio Franceschini
      10 Ottobre 2019

      La foto dimostra solo che i 5s, dopo le ampie lacune dimostrate in italiano .inglese.storia , geografia, etica,h anno dei seri problemi con la matematica. Per arrivare ad un miliardo l’anno ( visto che i bilanci si fanno attualmente) ogni parlamentare dovrebbe costare circa tre milioni l’anno . Ora questa cifra sarebbe folle anche considerando il costo complessivo del parlamento,d i cui i parlamentari sono solo una voce, e dividendolo per il numero dei parlamentari . Senza contare che tutte le altre spese rimangono intatte. Per cui il risparmio sarà al massimo di cento milioni annui come del resto già ampiamente dimostrato. Dopodiché c’è chi gioisce anche solo perché disprezza talmente tanto i politici che anche senza risparmiare un euro riterrebbe giusta questa misura.

      • MDA
        10 Ottobre 2019

        gli stallieri riducono il numero dei membri ma non lo stipendio mensile che resta il piu’ alto d’europa.
        eh ma ridurre lo stipendio a tutti e 945 avrebbe comportato l problema di doverlo ridurre anche ai loro amichetti magistrati (6000).
        e col cazzo che gli stallieri avevan le palle di fare una cosa del genere.
        che poi qualcuno magari finisce in carcere per stupro.

  • Alvise
    10 Ottobre 2019

    Beh, che cosa si può chiedere di più a un movimento pensato e fondato come “gate-keeper” dall’ elite dei massoni mondiali? (Grillo: incanaliamo il dissenso per contenere la massa recalcitrante)
    Stanno egregiamente assolvendo il loro compito, I cretini siamo noi italopitechi.

  • MDA
    10 Ottobre 2019

    come sostiene zibordi, dopo aver versato 1000 miliardi agli strozzini,pardon chiedo scusa agli investitori, il debito è aumentato di 800 miliardi. https://twitter.com/gzibordi/status/1181188258438496261
    i 5 stalle però di questo non parlano, come non parlano del muos siculo per cui erano nati, mica per altro,
    parlano di cazzate come i soldi dei parlamentari. oltretutto 1 miliardo è un calcolo sbagliato, il bibitaro non sa neppure usare la calcolatrice, probabile che al san paolo lo abbiano cacciato perché si faceva fottere dagli spettatori. A casa mia 20.000€ x 13 mensilità x 945 membri fa 245.700.000 quindi non capisco da dove cazzo esca sto miliardo..
    245 milioni su 700 miliardi di bilancio statale annuale.
    come dire un caffè da 24 centesimi su uno stipendio da 700€.
    un bel risparmio.

  • Mardunolbo
    10 Ottobre 2019

    Giustamente MDA fa osservazioni concrete. Difatti la balla del risparmio riducendo il numero dei parlamentari, ha trovato tremebondi e concordi la maggior parte dei deputati perchè la verità non è il risparmio ottenuto, bensì impedire che sia tagliata la spesa dei parassiti politici italiani.
    Con 15.000 € /mese (almeno) è chiaro ad ogni fesso che ognuno di questi faccia di tutto per non andarsene a casa a fine legislatura !
    Se lo stipendio fosse più basso, secondo la media europea, andrebbe in politica soltanto chi è ben motivato , non bibitari e facciabucottari che si gloriano del poco che fanno e mostrano la loro dentatura con panini ed altro.
    Ma poichè la politica italiana usa prendere per i fondelli il “popppolo” , allora spargere la voce della riduzione di numero è la carota per i fessi di cui l’Italia è piena….basta dare la partita di calcio e qualche altro contentino ed il popolo dei buoi (castrati, ovviamente) è contento come l’agnelllino prima del macello.
    Ho ascoltato commenti indignati di giuristi ed avvocati che spiegaNO COME TUTTA SIA UNA BURLA. Nessuno però chiarisce che la ragione della condiscendenza popolare è che tutti sono stanchi di mantenere una gran massa di poltici e che sarebbe stato molto più giusto ed onorevole abbassare di molto lo stipendio, senza ridurre alcun numero per non ridurre la rappresentatività “democratica”.

    • Fabio Franceschini
      11 Ottobre 2019

      Si ma i 245 milioni vanno divisi per 3.cioe’ il risparmio è di circa 80 milioni su una spesa pubblica che supera gli 800 miliardi cioè un 1/10.000.. a Firenze un cappuccino sullo stipendio di un anno circa per un pezzente come me!

  • Vindelp
    11 Ottobre 2019

    l’Italia ha un numero di parlamentari superiore a tutti gli altri Paesi in Europa e nel mondo quindi tagliare 300 e passa parlamentari non influirà negativamente sulla nostra democrazia ma si.risparmieranno soldi. Il costo di ogni parlamentare non finisce col suo stipendio ma ci sono persone che gravitano intorno, macchine, uffici ecc…dunque queste critiche al taglio sono assolutamente pretestuose e sciocche

    • Eugenio Orso
      11 Ottobre 2019

      Sciocco è chi crede alla propaganda della merda cinquestelloide di maio e agli eunuchi cinquestelloidi al governo!
      Questi servi della torika, della nato e degli ebrei, collaborazionisti e tradirtori del loro paese, hanno lasciato col culo per terra i più poveri – dov’è il “reddito di cittadinanza” vero? – e essendo andati al governo con la feccia piddiota, dopo aver detto “mai al governo con il piddì”, dovevano semplicemente mostrare ai gonzi che almeno una cosa l’avevo fatta.
      Naturalmente, hanno scelto quella più inutile, innocua e non sgradita all’élite finanz-globalista-giudaica della quale anche loro -cinquemerdetestedicazzo!- sono servi spregevoli!
      Ecco tutto!

      • atlas
        11 Ottobre 2019

        a volte mi meraviglio di te

        commenti a vicende suinocratiche dove tutti danno i numeri ben sapendo che la democrazia in se è la più grande porcata, proprio perchè contano i numeri e non le persone

        e cari saluti

        e buon fine settimana

        (io domani sono a Modena per il noto convegno sul libro di Paolo Borgognone pubblicato su questo sito, se vuole Dio e se i giudei non mi buttano sotto al treno, vieni ?)

  • PieroValleregia
    11 Ottobre 2019

    … la riduzione dei parlamentari era nell’agenda della massoneria, P2 e affini; quindi è stata eseguita
    hanno solo eseguito, da “bravi” servi, un ordine venuto da gente che nessuno ha votato ma che comanda più di tutti
    saluti e buon fine settimana
    Piero e famiglia
    ps: concordo con Eugenio Orso sull’articolo

  • Roberto
    11 Ottobre 2019

    Decine di miliardi all’anno costano le P.A.?
    Non è vero, i dati della Ragioneria di Stato riportano 6 miliardi annui per tutta la P.A.
    Ovviamente al netto delle pensioni.

    6 miliardi comprese ruberie e sprechi non sono neanche gli spiccioli del caffé, per tutta la P.A. italiana, il risparmio per il taglio dei parlamentari non sarà neppure di qualche decina di milioni, forse massimo 200-300 milioni.

  • Max Dewa
    11 Ottobre 2019

    Senza protervia ne acredine verso blondet che Pero non mi e’ mai piaciuto ma xche’ piero non viene qui le do’ tutto quel che vuole sapere senza andarsi a fare abbindolare da quello LA’ che adesso ho scoperto xche’ ha tante utenze , mi sono iscritto per sbaglio mi MArtella di avvisi di lettura e’ peggio di una meretrice in giornata di fiacca ! Consiglio ai piero che hanno riacquistato un po LA vista digitate”: ” mopse massoneria” e’ da secoli che esistono ste donne massone come LA boldrini e voi vi sorprendete Se sta infame va dal Papa in ciabatte ,ah ah ah ! Se potesse lo disarcionerebbe dallo Scranno Papale

Inserisci un Commento

*

code