Fronte Libano: Attacco missilistico sulla base militare israeliana Branit

Il movimento libanese Hezbollah ha lanciato oggi una nuova serie di attacchi missilistici contro la base militare israeliana di Branit, situata al confine con il Libano. Ciò avviene dopo che ieri Hezbollah ha effettuato 15 attacchi missilistici contro posizioni militari israeliane, che è stata l’operazione più grande dell’intero conflitto israelo-palestinese.

Oltre agli attacchi missilistici, Hezbollah utilizza attivamente veicoli aerei senza pilota per attaccare obiettivi militari israeliani. Fonti israeliane riferiscono che nella scorsa giornata sono stati registrati 30 UAV che hanno preso di mira le basi delle forze di difesa israeliane (IDF).

Queste azioni di Hezbollah, in risposta agli attacchi di Israele, aumentano significativamente le tensioni lungo il confine tra Libano e Israele, aumentando il rischio di un’ulteriore escalation del conflitto. Tuttavia Hezbollah non sono entrati ufficialmente in guerra contro Israele.

Fonte: Avia Pro.ru

Traduzone: Mirko Vlobodic

3 commenti su “Fronte Libano: Attacco missilistico sulla base militare israeliana Branit

  1. Inutile che quei missili cadano sulle basi militari israeliane quando nelle sinagoghe viene inculcato che gli ebrei hanno il diritto di uccidere i goym… il problema di Israele è questo!

    1. Quindi la soluzione é anche troppo ovvia considerando le mire espansionistiche dei sionisti, finché ci saranno loro nella regione non ci sarà pace, é chiaro che dopo sterminato il popolo Palestinese passeranno al prossimo.Regolare ora e definitivamente i conti, significa evitare la distruzione totale della Palestina e i popoli arabi non devono permettere questo!

    2. E infatti, caro ANNIBAL61, oltre che le basi militari vanno spianate anche le sinagoghe dell’entità sionista ! Questo si chiamerebbe chiudere le centrali dell’odio verso il resto dell’umanità !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM