FRODE: Il Congresso Ha Dato A Bill Un Valore Di $ 100 BLN Per il Tracciamento Dei Contatti 6 Mesi Prima Della Pandemia

La Bill and Melinda Gates Foundation ha aiutato a negoziare chi avrebbe ottenuto un contratto per il rintracciamento dei contatti sostenuto dal governo da $ 100 miliardi nell’agosto 2019 – sei mesi prima dell’arrivo della ‘pandemia’ negli Stati Uniti e quattro mesi prima che attraversasse la Cina. (Ascolta sopra)

Le rivelazioni scioccanti sono state svelate sul podcast di Thomas Paine e sul Moore Paine Show su Patreon dai due investigatori che hanno fatto avvisato della massiccia frode fiscale della Clinton Foundation durante un’audizione del Congresso nel 2018. John Moynihan e Larry Doyle hanno testimoniato al Congresso, spiegando in dettaglio il frodi e schemi utilizzati dai Clinton per evitare di pagare fino a $ 2,5 MILIARDI di tasse federali.

Il duo investigativo, nella loro prima intervista dopo quella testimonianza del Congresso sulla rivelazione bomba, ha rivelato a Paine che i rappresentanti della Gates Foundation hanno incontrato Bobby L. Rush, membro del Congresso degli Stati Uniti, in una seduta in Ruanda, Africa orientale, a metà agosto 2019 per sbrigare chi avrebbe segnato la manna da un programma di tracciamento dei contatti del governo.
E proprio il mese scorso – nove mesi dopo gli incontri con la Gates Foundation in Ruanda – Rush, un democratico dell’Illinois, ha presentato $ 100 MILIARDI di risorse umane 6666, il COVID-19 Testing, Reaching and Contacting Everyone (TRACE) Act.

Il disegno di legge di Rush avrebbe istituito un programma gestito dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) per i test coronavirus nazionali e la tracciabilità dei contatti.

Da allora Paine ha appreso che il deputato Rush si è recato in Ruanda con la moglie dal 12 al 19 agosto 2019 per prendere parte ai colloqui e ad un evento di una settimana sottoscritto dalla Bill and Melinda Gates Foundation e dal Rockefeller Brothers Fund.

Ma come è possibile negoziare i sottoprodotti del monitoraggio di una pandemia da sei a sette mesi prima ancora che si verifichi lo scoppio del virus?

Fonte: Fort Russ

Traduzione Gerard Trousson

8 Commenti

  • GAE
    17 Giugno 2020

    I criminali sanno sempre le cose in anticipo, specie quando sono loro i diretti responsabili

  • Teoclimeno
    17 Giugno 2020

    Repetita iuvant: Il “Capra Virus” è l’ultima arma anglo-sionista, in ordine di tempo, per sfoltire la popolazione mondiale.

  • giorgio
    17 Giugno 2020

    12 dicembre 1969: un agente del sid entra di corsa in procura a Milano e dice: allora lo arrestiamo Valpreda ? il procuratore risponde: calma … lei arriva in anticipo,… la bomba non è ancora scoppiata ….
    Premessa: nessuna simpatia per l’anarchia … l’estrema sinistra della borghesia … il peggior individualismo e nichilismo, coscenza sociale subordinata al proprio ego illimitato che tutto deve dominare e a niente e nessuno deve rispondere se non ai propri interessi …. insomma Bill Gates, Soros e compagnia ….. si fabbricano “malattie e virus” per vendere la “cura”

  • antonio
    17 Giugno 2020

    pipistrello filantropofago

  • Sandro
    18 Giugno 2020

    Eppure, qualcosa occorre comunque inventarsi per risolvere i danni che varie fantasie religiose fondate sul nulla – per essere gentili – hanno procurato a tutti noi, per aver da sempre osteggiato ogni forma di metodo anticoncezionali* nonché programmi di sensibilizzazione circa il costante pericolo demografico . Chissà se i proventi ricavati dalla “soluzione” di Bill vadano, anche se in parte, a quelli di cui prima, visto l’impegno costante con cui si sono da sempre impegnati per produrre quel problema da “risolvere” con carta stampata. Un aneddoto: In una trasmissione radiofonica si parlava dell’insufficiente crescita del P.I.L.. Un ascoltatore domandò perché mai occorresse sempre sacrificarci per “crescere”, quando baserebbe vivere agiatamente con ciò che già possediamo (in ricchezza). Risposta del conduttore radiofonico: “Perché la popolazione è in continua crescita”
    *A parte il metodo Ogino-Knaus, non peccaminoso in quanto, guarda caso, altamente fallimentare.

    • Sandro
      18 Giugno 2020

      Errata corrige “anticoncezionale” – “….l’impegno costante …….”

    • Blackcrow
      18 Giugno 2020

      Esattamente.

      Non avendo mai sentito il bisogno di riprodurmi e non comprendendo il bisogno altrui posso affermare senza timore di smentita alcuna che senza religioni non ci sarebbe la sovrappopolazione mondiale.

      Nelle società cosiddette non civilizzate attuano regole di riproduzione ferree in quanto non bisogna mai portare squilibrio al rapporto con la Natura con cui vivono e che procura loro il cibo.
      Nel resto del mondo basta avere un misero stipendio, Dio e la fregola per sfornare figli a valanga, ovvio che tutto questo sovraffollamento umano è fastidioso, anti ecologico e se vogliamo pure anti igienico.

      Poi ci domandiamo perché vogliono farci fuori tutti con malattie o paura di esse o vaccini.
      E se una volta per tutte ci fosse a scuola la tanto odiata (dai credenti fanatici) educazione alla riproduzione con uso dei contraccettivi non ci sarebbe bisogno di praticare l’aborto.

      Ma il Vaticano ama avere le azioni delle aziende farmaceutiche che producono pillola e preservativo, non distribuire i suddetti alla gente, poi se non nascono chi intortano? Ma questo vale per qualunque religione.

      • Sandro
        18 Giugno 2020

        “Non avendo mai sentito il bisogno di riprodurmi e non comprendendo il bisogno altrui…….”

        Attenzione, questo è un argomento molto delicato del quale appare non vi siano soluzioni, sempreché non si voglia vivere contro natura da eremiti e, dunque, farsi del male*, o apparire – ripeto apparire – despoti nei riguardi di femmine schiavizzate dalla propria natura che impone loro continui stimoli riproduttivi deleteri se repressi.
        Chi vuol vivere in compagnia di una donna in pianta stabile, sempreché oggi sia possibile, deve necessariamente offrirle, anche suo malgrado, per preservarle la salute psicofisica , almeno una gravidanza che vada a buon termine. L’opera calmieratrice , dunque, deve essere ad appannaggio del maschio. Personalmente il bisogno di “appesantire” il già colmo granello di materiale errante, martoriato da raccapriccianti eventi sociali, in una dimensione indefinita che terminerà nel nulla, non l’ho mai avvertito.
        Se non si desidera farsi del male, dunque, occorre scegliere il danno minore. Quello poc’anzi descritto, perché il peggior danno che si possa procurare ad una donna fertile è quello di negarle almeno un figlio. Non si contano casi di gravi depressioni – non curabili – di donne, causate per non aver avuto la possibilità di figliare almeno una volta nella vita.
        *l’uomo è un animale sociale, non solo ma l’equilibrio psicofisico del maschio lo si mantiene – anche – copulando regolarmente, come regolarmente vanno espletate tutte le altre funzioni vitali.

Inserisci un Commento

*

code