"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

“Frenesia bellicista” fra i neocons USA che sospingono Trump ad attaccare la Siria e l’Iran

Gli ambienti collegati ai neocons negli USA sembrano presi da una “frenesia bellicista” e incitano il presidente Trump a procedere senza indugio alla guerra, attaccando su vasta scala l’Esercito siriano.
Dopo l’ultima montatura dell’attacco con i gas effettuato a Douma, nel Goutha orientale, con tutta evidenza prefabbricato dai ribelli jihadisti con l’assistenza della CIA e del Mossad, i circoli politici dominati dalla corrente ultra conservatrice dei neocons statunitensi non perdono tempo nel raccomandare al Trump di agire decisamente, attaccando la Siria e l’Iran.

Così è apparso oggi un articolo sul giornale “Foreign Policy” in cui si “suggerisce” una azione militare a grande scala contro Damasco.’
Gli autori dell’articolo, Rhys Dubin e Dan de Luce, ricordano che l’attacco fatto in precedenza – il lancio di 59 missili Tomahawk contro la base aérea di Shairat nell’aprile del 2017, dopo un’altro episodio di presunto utilizzo di gas nella località di Jan Sheijun, anche questo una montatura, era stato inefficace e non aveva prevenuto altri casi di attacchi con sostanze tossiche, visto che la base aerea aveva ricominciato a funzionare dopo pochi giorni.

Così che, scondo gli autori, una nuova azione militare dovrebbe essere più dura. Gli stessi autori sostengono che gli USA dovrebbero attaccare una lista più ampia di obiettivi militari, in sostanza per paralizzare le capacità militari dell’Esercito siriano di Bashar al-Assad, ha affermato un sedicente esperto di sicurezza, Nicholas Heras, citato nell’articolo.

Con il nuovo assessore alla sicurezza della Casa Bianca, il super falco John Bolton, una azione più decisa degli USA contro Siria ed Iran diventa più probabile, affermano gli autori.
Nello stesso tempo l’articolo compie uno sforzo per offuscare il possibile rischio di un conflitto con la Russia che è il principale timore di coloro che si oppongono ad una azione militare, considerando i seri moniti lanciati da Mosca.

ssa

Militari russi nella base aerea di Hmeymin, Siria

Secondo gli autori non è ancora ben chiaro se una azione bellica contro la Siria possa portare ad un confronto con la Russia e tutto dipende da quanto forti siano i colpi delle forze USA contro il Governo di Bashar al-Assad.
In conclusione la nota segnala che gli USA possono contare sull’appoggio e la partecipazione della Francia e del Regno Unito negli attacchi, visto che Parigi aveva già evocato la possibiltà di lanciare attacchi aerei nel caso che fossero confermate le informazioni di attacchi chimici, e Londra è un indiscutibile alleato di Washington.

“La mia valutazione è quella che Trump arriverà fino in forndo”, ha sostenuto Nicholas Heras del think-tank ‘Center for a New American Security’.

Fonti: Sputnik Mundo     Foreign Policy

Traduzione e sintesi: Alejandro Sanchez

*

code

  1. The roman 3 mesi fa

    Neocons, chi sono costoro ? Per la quasi totalità ebrei con doppia cittadinanza. Macron, Merkel, May , la sig.ra Gentiloni, chi sono ? Pupazzi al servizio dell’ oligarchia ebraica internazionale, che ha le sue roccaforti nella city di Londra a Wall street,a Bruxelles e Francoforte e naturalmente un rifugio in Nuova Zelanda. La guerra che loro attivamente perseguono , e ‘ un ulteriore passo in avanti verso il dpminio totale del pianeta, quel Nuovo ordine mondiale di cii tanto si parla senza mai menzionare la sua reale natura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 mesi fa

      sono quelli che l’Uomo di Dio Adolf Hitler definiva demoni elementi internazionali

      (aggiungendo che i Popoli non possono tollerarli)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mardunolbo 3 mesi fa

    “trump arrivera’ fino in fondo…” E’ probabile dato il suo essere puppet in mano ad altri come lo furono tutti i presidenti degli Usa !
    La nomina recente del criminale Bolton e’ un segno inequivocabile della svolta bellicista dei consiglieri della Casa Bianca.
    Trump disse che prendera’ una decisione entro 48 ore. Nel frattempo noi , poveri polli, ad aspettare la decisione dell’ “illuminato” presidente degli ameri-cani !
    Quindi mi auguro che dalle sue decisioni emerga la incapacita’ totale degli Usa nel decidere in modo logico e responsabile (ed autonomo !) e di conseguenza una bastonata colossale colpisca l’America ed i suoi alleati/lacche’.
    Hanno inviato la Uss Cook davanti alla Siria, nave che gia’ conobbe le capacita’ elettroniche russe. Ora forse, secondo una tecnica gia’ provata dai Serpenti Uniti, la stanno inviando per far partire razzi e per renderla intercettata dalla risposta russa e colpita pesantemente.
    Cio’ per sollevare lo sdegno immancabile degli ameri-cojons ed ottenere dal popolo bue il “placet” per la guerra “liberatoria”.
    Ovvio che in tal caso la Russia dovra’ rispondere con tutta la potenza che possiede e minare da subito le coste degli Usa ed ammonire del’annientamento pronto per essi. Ma non ci crederebbero perche’ gli ameri-cojons sono rimbecilliti da qualche secolo di idea d’invincibilita’ e l’arma nucleare dovra’ essere per forza usata contro di loro , perche’ non crederanno !
    Ahime’ la vedo molto brutta nel finale, anche se per ora si agira’ solo con forze convenzionali anche se con capacita’ distruttive notevoli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace