Fra i Democratici USA inizia a crescere l’insofferenza verso le politiche razziste di Netanayahu

Un significativo articolo è stato pubblicato sul Washington Post dal titolo “Mentre Netanyahu grida per la sua vittoria, (Israele) perde l’appoggio dei democratici americani” , in questo si sottolinea il fatto che il presidente israeliano “potrebbe sentirsi sostenuto nella sua agenda della destra radicale (Likud),” appoggiato “aggressivamente” da il presidente degli Stati Uniti e dai circoli ultra-sionisti USA.
Il giornale osserva che, insieme alla vittoria proclamata da Benjamin Netanyahu, c’è stato un processo accelerato che potrebbe avere profonde implicazioni a lungo termine nelle relazioni statunitensi. e il governo israeliano.
“I democratici americani diffidano sempre più del primo ministro israeliano e della traiettoria del suo governo. E c’è una crescente divisione tra ebrei americani, in particolare le generazioni più giovani, e il pubblico elettorale israeliano dove (negli USA) non tutti condividono le posizioni estremiste di Netanyahu. ”, Tutto questo può essere letto nelle analisi di vari commentatori.
Ishaan Tharoor, editorialista, sottolinea che tali ipotesi sono state esposte alla Conferenza annuale della Commissione per gli affari pubblici di (Israele) negli Stati Uniti (AIPAC) questa settimana.
“L’AIPAC è l’organizzazione filo-israeliana più influente a Washington e un pilastro della politica cittadina. Ma alcuni dei migliori candidati alla nomina presidenziale democratica hanno scelto di non partecipare quest’anno, incluso, soprattutto, il senatore Bernie Sanders. Il socialista democratico che potrebbe essere il primo presidente ebreo del Paese “.
Tharoor sottolinea che Sanders non solo ha respinto educatamente il suo invito a rivolgersi all’AIPAC; ma “ha rilasciato una dichiarazione attaccando l’organizzazione per aver offerto una piattaforma a figure di estrema destra radicale, inclusi pastori evangelici e politici nazionalisti europei”.
Su queste linee, Sanders ha dichiarato: “tali posizioni esprimono fanatismo e si oppongono ai diritti palestinesi di base”, definendo Netanyahu un “razzista reazionario”.
Da parte sua, l’ambasciatore di (Israele) presso le Nazioni Unite, Danny Danon, ha risposto domenica alla Conferenza, definendo Sanders “un bugiardo, uno sciocco ignorante o entrambi”. Mentre lo stesso Netanyahu si rivolgeva ai partecipanti alla conferenza in video, dicendo che le accuse di Sanders erano “diffamatorie”.
“Quello che rende radicale ed inaccettabile la dichiarazione di Sanders è l’uso della parola intolleranza insieme ai diritti dei palestinesi”, ha scritto la scorsa settimana Peter Beinart in Jewish Currents, una pubblicazione di sinistra, nota TWP.

Bernie Sanders


“Nel discorso americano affermato, la categoria dell’intolleranza anti-palestinese esiste a malapena. È stato così per decenni, non solo tra i repubblicani, ma anche tra i democratici progressisti “.
Qualcosa che è chiaro nell’articolo in questione è che l’immagine sta cominciando a cambiare: gli Stati Uniti non hanno eguagliato la deriva verso la destra radicale della politica israeliana e del sentimento pubblico.
“Il governo israeliano si è spostato a destra. L’AIPAC è andata nella stessa direzione con quello “, ha dichiarato Ilan Goldenberg, membro del Centro per la nuova sicurezza degli Stati Uniti, un gruppo di esperti a Washington.
L’inevitabile domanda, quindi, è quale percorso seguirà l’istituzione di Washington quando diventerà chiaro che i palestinesi rimarranno abbandonati in una terra senza il loro stato sovrano o i loro pieni diritti politici; si interroga il giornalista .
Goldenberg ha sottolineato che “i democratici darebbero sempre più priorità all’importanza di uno stato democratico rispetto alla conservazione di un’occupazione militare indefinita”, prevedendo che nello spazio di 10-15 anni la soluzione a due stati non sarà più praticabile: “con (Israele) che si appresta ad annettere sempre più parti della Cisgiordania, con un sistema simile all’apartheid, questo è inevitabile “, ha detto.
Tra i democratici, Sanders potrebbe essere in anticipo sulla linea di cambiamento verso Israele, sottolineando (lui ebreo) l’importanza dei diritti dei palestinesi.
“Bernie ha spostato la conversazione in modo significativo verso una discussione più aperta e riflette sempre più un’opinione prevalente, se non dominante, all’interno del Partito Democratico”, ha affermato Goldenberg, che sostiene la candidatura della senatrice Elizabeth Warren (Massachusetts Democrat ).

Manifestazione di ebrei americani


“Qualunque cosa accada con la candidatura di Sanders, sta già avendo un effetto positivo, sia per (Israele) che per gli ebrei americani”, ha scritto Anshel Pfeffer nel quotidiano centrale israeliano Haaretz, sostenendo che l’influenza dell’AIPAC stava diminuendo di conseguenza dal suo eccessivo abbraccio di Netanyahu “La maggior parte dei democratici ebrei potrebbe non sostenerlo, ma Sanders sta dicendo quello che la maggior parte di loro sta pensando, sicuramente fra gli ebrei più giovani: non solo che Netanyahu e il suo governo sono razzisti, ma che l’establishment ebraico -Americano ha permesso la politica razzista di Netanyahu per troppo tempo “.
Nota: Questo mentre in Europa, con le nuove leggi in via di approvazione, chiunque si azzardi a criticare la politica intollerante e razzista dello stato di Israele rischia di essere definito e incriminato come “anti-semita”.

https://www.washingtonpost.com/opinions/2020/03/02/bernie-sanders-called-aipac-platform-bigotry-group-is-proving-his-point/

Fonte: The Washington Post

Traduzione e sintesi : Luciano Lago

4 Commenti

  • Franco
    5 Marzo 2020

    E’ solo propaganda elettorale e non può essere diversamente. Nei rapporti internazionali vale la geopolitica e non la comunanza di idee

    • atlas
      6 Marzo 2020

      io questo genere di art.li li leggo di sfuggita e passo avanti. Quando si tratta di giudeo ameri cani so già che non si tratta di esseri umani

      tutto ciò che riguarda la democrazia poi …

  • kaius
    6 Marzo 2020

    Ormai quando leggo la parola ”democratico” mi vengono in mente solo puttane,deviati,infanticidi,drogati,satanassi,massoni,trans,pedofili,omofili e altri mostri contro natura malati di mente.

    • atlas
      6 Marzo 2020

      sono termini che vanno rimossi. Come il termine ‘italia’. Bisogna fare molto esercizio mentale e spirituale

Inserisci un Commento

*

code