Forze della resistenza irachena hanno attaccato il porto di Ashdod

Un attacco di droni ha preso di mira un sito israeliano nel “porto di Ashdod” che si affaccia sul Mediterraneo
Fonti di Al Mayadeen in Iraq hanno riferito giovedì che un attacco di droni ha preso di mira un sito israeliano nel “porto di Ashdod” nei territori palestinesi occupati.

È interessante notare che la Resistenza Islamica in Iraq è passata alla seconda fase delle sue operazioni in cui lavorerà per imporre il blocco delle rotte marittime del Mediterraneo verso i porti occupati da Israele nella Palestina occupata, ha affermato il Segretario generale della Kataib, Sayyid al-Shuhada , Abu Alaa al-Walai ha annunciato in un post su X

Il leader di Kataib, Sayyid al-Shuhada, una fazione che opera sotto l’egida della Resistenza Islamica in Iraq, ha fatto l’annuncio in seguito agli attacchi statunitensi che hanno preso di mira membri delle Forze di Mobilitazione Popolare (PMF) del governo iracheno.

L’aggressione statunitense ha portato al martirio di un membro delle FMP ad al-Qaim, mentre una struttura di addestramento delle PMF è stata danneggiata a Jurf al-Nasr.
“Mentre gli americani continuano a prendere di mira le nostre forze, i nostri mujaheddin hanno iniziato la seconda fase delle loro operazioni”, ha scritto al-Walai.
Il leader iracheno ha spiegato che la seconda fase delle operazioni includerà l’imposizione di un blocco sulla “navigazione marittima sionista nel Mediterraneo” e “la messa fuori servizio dei porti [israeliani]”.

Forze sciite di resistenza in Iraq

Insieme alle operazioni delle forze armate yemenite nel Mar Rosso e nel Mar Arabico, un’azione del genere si rivelerebbe dannosa per l’occupazione. La Resistenza Irachena ha dimostrato di avere la capacità di prendere di mira i porti di occupazione israeliani situati sulla costa mediterranea. I più grandi dei quali, il porto di Haifa e il porto “Ashdod”, sono stati attaccati almeno due volte nel 2024.
Commentando l’attacco a lungo raggio su Haifa occupata, il leader degli Hezbollah libanesi, Sayyed Hassan Nasrallah , ha affermato che l’intelligence di Hezbollah conferma che il missile ha colpito il suo obiettivo, aggiungendo che l’esercito di occupazione israeliano ha nascosto i dettagli dell’attacco, una tattica comunemente adottata dalle autorità israeliane.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

3 commenti su “Forze della resistenza irachena hanno attaccato il porto di Ashdod

  1. Ieri una squadra navale americana accompagnava due navi mercantili americane …………………………. due ore di attacchi delle FF.AA. Yemenite………………….. un cacciatorpediniere americano è stato colpito e anche le due navi mercantili, e si sono ritirati dallo stretto del Mar Rosso.

  2. L’importante è che continuino e si intensifichino i lanci di missili e droni contro l’entità sionista, da più parti, dal nord fino al deserto del Negev, dal Mediterraneo fino al Mar Rosso, per far capire agli ebrei che nessun centimetro del territorio da loro occupato è sicuro, d’ora in poi, nonostante la completa copertura offerta dagli usa …

    Consideriamo l’effetto psicologico di simili azioni militari, che colpiscono ovunque, rendendo insicuri i territori occupati e speriamo che molti nasi adunchi fuggano dall’entità sionista, a centinaia di migliaia (in usa e, purtroppo, in Europa) indebolendo il mostro genocida.

    Speriamo che questi contrattacchi legittimi e auspicabili abbiano successo (in senso militare e nel senso prima descritto) ed evitino all’Iran, tirato per i capelli dalle provocazioni statunitoidi e perfida albione, la necessità di entrare in guerra.

    Cari saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM