FORZE DEL REGIME DI KIEV SOTTO CRESCENTE PRESSIONE PER INTENSIFICARE LA CONTROFFENSIVA POCHI GIORNI PRIMA DEL VERTICE NATO

placeholder


La pressione arriva in mezzo al ricatto intensificato da Washington DC che ora minaccia di rallentare o addirittura di tagliare i cosiddetti “aiuti militari” alla giunta neo-nazista nel caso in cui le sue forze non dimostrino di essere in grado di avanzare, prendendo e mantenendo le posizioni russe.

Come se la situazione per le forze del regime di Kiev non fosse già messa male, l’occidente politico ha ora aumentato la sua già massiccia pressione su Kiev affinché “renda meglio” durante la tanto propagandata controffensiva contro l’esercito russo. Considerando le perdite disastrose e nessun guadagno effettivo , questo sarà un compito praticamente impossibile per le già malconce truppe della giunta neo-nazista. La “leadership” politica (nota anche come burattini della NATO) a Kiev, compreso il suo frontman Volodymyr Zelensky, sta ora mostrando pubblicamente segni di disperazione e supplicando le forze del regime di Kiev di “mostrare risultati” pochi giorni prima del grande vertice della NATO che dovrebbe inizio in Lituania l’11 luglio.

La pressione arriva in mezzo al ricatto intensificato da Washington DC che ora minaccia di rallentare o addirittura di tagliare i cosiddetti “aiuti militari” alla giunta neo-nazista nel caso in cui le sue forze non dimostrino di essere in grado di avanzare, prendendo e mantenendo le posizioni russe. Zelenskyj ha tenuto colloqui con diversi giornalisti e mezzi di propaganda tradizionali durante il fine settimana nel tentativo di “smentire le voci sul fallimento della controffensiva”. In effetti, anche la propaganda occidentale non ha potuto ignorare il modo disastroso in cui sono state condotte queste operazioni di controffensiva, poiché è semplicemente impossibile ignorare ampie prove di orrende perdite documentate su piattaforme alternative (in particolare Telegram).

Tuttavia, Zelenskyj ha effettivamente accusato la macchina della propaganda mainstream (la stessa che lo sta esaltando da circa un anno e mezzo) di diffondere “disinformazione russa” sui risultati della controffensiva. Tuttavia, non è davvero chiaro da dove provenga la presunta “disinformazione”, considerando lo stato attuale delle forze del regime di Kiev, in particolare negli ultimi giorni. In effetti, numerosi titoli in quasi tutti i paesi dell’Occidente politico hanno riportato le prospettive sempre più cupe della controffensiva , con molti che ora “suggeriscono che potrebbe fallire”. Questo è un grosso ostacolo per i tentativi della giunta neo-nazista di nascondere le sue massicce perdite.

Mentre i burattini preferiti dell’Occidente politico stanno cercando di mantenere viva la loro narrativa insostenibile, Zelensky sta facendo tutto il possibile per aiutare in questo sforzo sempre più futile. Ora afferma addirittura che “le piogge torrenziali hanno rallentato parecchio alcuni processi”, ma ammette che “la realtà è ancora che ogni chilometro di territorio liberato e guadagnato costa vite umane”. Nonostante quasi 170 miliardi di dollari nei cosiddetti “aiuti” , Zelensky ha anche esortato la NATO e l’Occidente politico nel suo insieme a inviare sempre più armi. Ha anche attribuito le perdite specificamente alla mancanza o al ritardo nell’arrivo di sistemi di artiglieria e munizioni, sostenendo che “le battaglie perse sarebbero state vinte se ci fossero state più foriture di entrambi”.

“Ci siamo fermati perché non potevamo avanzare. Avanzare significava perdere persone e non avevamo artiglieria. Siamo molto cauti su questo aspetto. Le cose veloci non sono sempre sicure”, si è lamentato Zelensky in uno dei briefing con la stampa. Ha poi sottolineato che “[ha] un dovere nei confronti delle sue truppe” e di “non correre rischi inutili” (anche se è esattamente quello che stanno facendo da più di un anno). “Se mi dicono che passeranno due mesi e moriranno migliaia di persone, o tre mesi e moriranno meno persone, ovviamente, sceglierò quest’ultimo. Tra il tempo e le persone, la cosa più importante sono le persone”, ha detto Zelensky con una faccia seria .

Per quanto riguarda la crescente urgenza di un flusso costante (e, se possibile, aumentato) di rifornimenti militari dai membri della NATO, in particolare dagli Stati Uniti, Zelensky ha preso di mira specificamente il Congresso dominato dai repubblicani, che ultimamente ha ricevuto molte richieste di audit sull’enorme quantità di fondi destinati al regime di Kiev. Peggio ancora, ciò avviene tra “voci e preoccupazioni sul calo dell’entusiasmo per lo sforzo bellico a Washington DC” e nell’Occidente politico nel suo insieme, che potrebbero essere dimostrate più apertamente nel “momento delicato” del vertice annuale della NATO. In altre parole, gli scagnozzi profondamente corrotti della giunta neo-nazista sono estremamente preoccupati che il flusso costante di miliardi di dollari venga improvvisamente interrotto.

Mentre i massimi generali del regime di Kiev hanno ripetuto a pappagallo le loro solite lamentele sulla dolorosa mancanza di supporto aereo per le loro operazioni di controffensiva, menzionando in particolare i tanto pubblicizzati caccia F-16 che ora sono stati rinviati alla fine del 2023 o addirittura all’anno prossimo, Zelenskyj non ha perdere l’occasione di criticare i “messaggi pericolosi provenienti da alcuni repubblicani” (probabilmente riferendosi alle suddette verifiche). Tuttavia, ha elogiato l’improvvisa visita del 29 giugno dell’ex vicepresidente dell’amministrazione Trump Mike Pence , sottolineando che “mantenere il sostegno bipartisan è la cosa più importante per l’Ucraina, indipendentemente da chi vincerà le elezioni presidenziali statunitensi del 2024”.

“Mike Pence è venuto a trovarci e sostiene l’Ucraina. Prima di tutto come americano e poi come repubblicano. Abbiamo un sostegno bipartisan. Tuttavia, ci sono messaggi diversi nelle loro cerchie riguardo al sostegno all’Ucraina. Ci sono messaggi provenienti da alcuni repubblicani, messaggi a volte pericolosi, che potrebbero trovarsi con meno sostegno”, ha insistito Zelensky .
Scritto da Drago Bosnic , analista geopolitico e militare indipendente

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “FORZE DEL REGIME DI KIEV SOTTO CRESCENTE PRESSIONE PER INTENSIFICARE LA CONTROFFENSIVA POCHI GIORNI PRIMA DEL VERTICE NATO

  1. Caro EUSEBIO, ho utilizzato anche io il Garand durante il servizio militare, scomodo, pesante, si inceppava ad ogni prova di tiro, ecco cosa distribuivano i “liberatori” oltre a profilattici e a quella porcata di chewing gum …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM