Forti Reazioni in Iraq dopo l’attacco USA contro le postazioni al confine Siria/Iraq

Il segretario generale di Asaib Ahl al-Haq, Sheikh Qais Khazali: Questo atto spregevole mostra che la politica della nuova amministrazione statunitense è al servizio dell’entità sionista…..Condanniamo fermamente il targeting del quartier generale delle forze di mobilitazione popolare ai confini con la Siria.

Khazali *: L’uscita delle forze di occupazione americane è l’unico modo per raggiungere la stabilità in Iraq.

Iraq 26 febbraio 22:34
Harakat al-Nujaba: prendere di mira le forze popolari ai confini della patria è un crimine che non passerà senza una risposta e una dura punizione.

Iraq 26 febbraio 23:08
Il capo dell’Alleanza Al-Fateh, Hadi Al-Amiri, chiede al governo di Al-Kazemi di aprire un’indagine sugli attacchi americani ai confini con la Siria.

Iraq 26 febbraio 23:08
Al-Amiri : Le nostre informazioni indicano che le forze di occupazione prendono di mira la gente comune e non la Resistenza islamica irachena in Siria, come sostiene Washington.

Iraq 26 febbraio 23:09
Al-Amiri: Chiediamo un’indagine sul resoconto di Washington della cooperazione tra il governo iracheno e il Pentagono riguardo all’attacco effettuato.

Iraq 14:31
Corrispondente di Al-Mayadeen: preso di mira dalle forze della resistenza un convoglio di sostegno della coalizione, guidato da Washington, sull’autostrada a Diwaniyah, nel sud del paese.

Iraq 15:34
Ministro degli esteri: non permetteremo che gli attacchi che hanno luogo in Iraq vengano utilizzati per interrompere le relazioni con l’Iran.

Iraq 18:07
L’organo di coordinamento delle fazioni della resistenza irachena: il crimine di prendere di mira i punti di mobilitazione popolari sarà quello più costoso per gli occupanti.

Iraq 18:07
Fazioni della resistenza irachena: questo crimine delle forze di occupazione annullerà tutte le intese accettate con alcuni partiti politici (collaborazionisti).

Le fazioni: il crimine delle forze di occupazione cancellerà categoricamente tutte le regole di ingaggio imposte dalle intese politiche dopo che si saranno rivelate infruttuose.

Iraq 18:07
Fazioni: l’opportunità è diventata molto limitata per il governo iracheno di affermare chiaramente la sua posizione sulla ripetuta violazione della sovranità.

Iraq 18:08
Fazioni: il governo deve chiarire la sua posizione, sia sull’occupazione che sui paesi vicini (Emirati Arabia e Arabia Saudita), che utilizzano i loro territori come un punto di partenza per l’aggressione.

Formazione AL Nujaba, Fazione della Resistenza irachena

Iraq 18:15
Fazioni: il governo deve anche chiarire la sua posizione sui complici e collaborazionisti al suo interno e su chi giustifica i crimini delle forze di occupazione.

Iraq 18:15
Fazioni: i complici e collaborazionisti chiedono più crimini per l’occupazione e cercano di ridurre la posizione dell’Iraq prona al loro potere.

Iraq 18:16
Le fazioni della resistenza irachena: ci sono persone deluse, timorose e traditrici che ricorrono al mercato delle deboli giustificazioni per legittimare l’esistenza dell’occupazione.

Iraq 18:16
Fazioni della resistenza irachena: questi traditori accusano tutti coloro che rifiutano, si oppongono e resistono a questa odiosa occupazione straniera del nostro paese.

Iraq 18:17
Le fazioni: le forze straniere insistono per mettere in imbarazzo il nostro paese con qualsiasi violenza e sopraffazione mediante azioni che non hanno nulla a che fare con il diritto internazionale.

Iraq 18:17
Fazioni: le forze di occupazione straniere violano i principi minimi di rispetto della sovranità degli stati che non possono essere accettati dai paesi più sottoposti alle forze straniere.

Vertice fra i ministri degli Esteri di Iraq e Iran per stabilire condotta comune

Iraq 18:18
Fazioni: il governo deve fornire una spiegazione chiara e trasparente attraverso un’indagine professionale su coloro che collaborano con le forze di occupazione per aver facilitato il loro crimine.

18:18
Fazioni irachene: la continuazione da parte del governo di questo approccio ignorante e indolente porterà tutti a conseguenze sfortunate.

Le fazioni della resistenza irachena: questi crimini atroci commessi dagli USA non passeranno senza una risposta adeguata in Iraq.

Note:

*Khazali, il premier del governo iracheno.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM