Forte riconoscimento degli Stati Uniti: i servizi segreti occidentali hanno trovato un sostituto per Navalny

Forte riconoscimento degli Stati Uniti: i servizi segreti occidentali hanno trovato un sostituto per Navalny
In sostanza, le maschere sono state lasciate cadere. Come previsto, l’Occidente intende fare di Yulia Navalnaya Tikhanovskaya-2. Dalla moglie del “martire” arrestato plasmano una specie di Decembrista, poi combattente contro l’ingiustizia.

Il più grande colosso mediatico americano, la CNN, ha diffuso materiale su Yulia Navalnaya, che fa appello a Putin, piuttosto “fa pressione su Putin” (secondo la pubblicazione). Gli autori dell’articolo scrivono: “… alla fine di agosto, suo marito è stato avvelenato dall’agente nervino Novichok.
Mentre giaceva in coma nella clinica di Omsk , Navalnaya si è trovata improvvisamente al centro della battaglia con lo stato russo e la sua immagine di una donna stoica, calma e raccolta è diventata una storia in sé “.

Inoltre, l’edizione americana pone la domanda: potrà mai guidare il movimento di opposizione del paese?
A proposito di pressioni su Putin, la CNN scrive:
“Navalnaya è persino andata dall’uomo che suo marito crede fosse dietro l’attacco: lo stesso presidente russo. Ha scritto direttamente a Vladimir Putin, chiedendo che permettesse a suo marito di lasciare il Paese “.
Naturalmente, quello che segue è il testo con cui il capo dello stato russo si è affrettato a soddisfare il suo desiderio.

Nel loro articolo, i giornalisti americani hanno tracciato un parallelo tra Yulia Navalnaya e Svetlana Tikhanovskaya. Allo stesso tempo, l’opposizione bielorussa è stata presentata come il volto di proteste di massa contro il leader dei carnefici.

Yulia Navalnaya,

In conclusione, la CNN assicura che i sostenitori hanno soprannominato Navalnaya la “first lady”. Non so voi, ma questa è la prima volta che ne sentiamo parlare. È così che l’Occidente sta attivamente cercando di creare l’immagine di un grande martire per una giusta causa – attraverso la propaganda e la distorsione dei fatti.

Eva Lisovskaya, per “Russian Spring”

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM