Fonti di Al-Mayadeen: La maggior parte dei siti presi di mira dall’aggressione americana erano stati evacuati in precedenza

Fonti di Al-Mayadeen confermano che i siti presi di mira dall’aggressione americana nelle città di confine in Iraq e Siria erano stati completamente evacuati prima che l’aggressione fosse lanciata, e rivelano ad Al-Mayadeen le aree prese di mira dall’aggressione.

Fonti di Al-Mayadeen hanno rivelato che la maggior parte dei siti presi di mira dalle forze americane erano stati completamente evacuati prima che l’aggressione fosse lanciata, spiegando che l’aggressione ha colpito le città di Deir ez-Zor, Al-Mayadeen e Al-Bukamal, e le loro città affiliate, nella Siria orientale.

Le fonti hanno riferito che l’aggressione americana si è concentrata sul Governatorato di Deir ez-Zor nella Siria orientale e ha colpito siti su Port Said Street nella città di Deir ez-Zor, oltre a Hawija Sakr, Ayyash, Harabesh e Al-Jufra nel campagna della città.

L’aggressione americana includeva siti nella città di Al-Hari, i valichi di Al-Sikka e Al-Hajjana nella città di Al-Bukamal, vicino al confine siriano con l’Iraq, e gli obiettivi includevano il quartiere di Al-Hamdaniya, i silos di grano e secondo le nostre fonti, nelle vicinanze del santuario di Ain Ali nella città di Al-Mayadeen.

Il corrispondente di Al-Mayadeen a Damasco ha riferito di nuovi raid all’ingresso orientale di Deir ez-Zor, confermando un raid americano che aveva preso di mira il quartiere di Harabesh.

Da parte sua, il nostro corrispondente ad Aleppo ha confermato che a Deir ez-Zor è avvenuta un’interruzione totale della corrente elettrica a causa dell’aggressione americana e ha riferito che è stata presa di mira la base militare americana nel giacimento di gas di Koniko, nella Siria orientale, come ha confermato vedendo pennacchi di fumo salire dall’interno della base.

Dall’Iraq, il corrispondente di Al-Mayadeen a Baghdad ha confermato che l’aggressione americana ha preso di mira anche siti nelle città di Al-Qaim e Akashat vicino al confine siriano, sottolineando che due martiri civili sono aumentati come risultato iniziale dell’aggressione americana.

A sua volta, il portavoce del comandante in capo delle forze armate irachene ha dichiarato che le città di Al-Qaim e le zone di confine irachene sono sottoposte ad “attacchi” americani, aggiungendo che questi “attacchi” sono una violazione delle norme dell’Iraq sovranità e un indebolimento degli sforzi del governo iracheno.

Ciò avviene dopo che le forze americane hanno lanciato un’aggressione contro le città in Iraq e Siria su entrambi i lati del confine tra i due paesi, mentre il Comando Centrale degli Stati Uniti ha annunciato di prendere di mira “siti appartenenti alla Guardia rivoluzionaria iraniana e ai suoi alleati, in Iraq e Siria”. .”

In un comunicato diffuso ieri sera, venerdì, si legge che “ha colpito più di 85 obiettivi, utilizzando aerei che includevano bombardieri a lungo raggio lanciati dagli Stati Uniti”.

La dichiarazione afferma che le forze statunitensi “hanno utilizzato più di 125 munizioni a guida di precisione negli attacchi aerei. Le strutture colpite includevano operazioni di comando e controllo, centri di intelligence, missili e missili, magazzini di droni, strutture logistiche e la catena di approvvigionamento di munizioni .”

In un primo commento su questi attacchi, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato: “Questa sera, sulla base delle mie direttive, le forze americane hanno effettuato attacchi su strutture in Iraq e Siria”, aggiungendo: “Abbiamo preso di mira strutture utilizzate dalla Guardia rivoluzionaria e dai suoi alleati fazioni per attaccare le forze americane”.

Mentre Biden ha indicato che la risposta degli Stati Uniti d’America “è iniziata oggi e continuerà nei tempi e nei luoghi da noi stabiliti”, ha sottolineato che “l’America non cerca un conflitto in Medio Oriente, o in qualsiasi altra parte del mondo. “

D’altro canto, il massimo esponente repubblicano della Commissione per le Forze Armate del Senato degli Stati Uniti, Roger Wicker, ha affermato che l’amministrazione Biden “ha passato quasi una settimana a inviare stupidamente segnali sulle intenzioni degli Stati Uniti ai nostri avversari, dando loro il tempo di muoversi e nasconditi”, con un chiaro riferimento. I siti presi di mira dall’aggressione statunitense erano vuoti.

Fonte: Al Mayadeen

Traduzione: Fadi Haddad

7 commenti su “Fonti di Al-Mayadeen: La maggior parte dei siti presi di mira dall’aggressione americana erano stati evacuati in precedenza

  1. L’Iran ha detto che nessun militare è stato colpito. Conoscendo gli americani, è più il chiasso che le bombe e i missili! Scommetto che sono stati pochi aerei …….. sono chiassosi ma hanno paura, da qui si capisce perché colpiscono pollai o fattorie. FIGURAMMERDA.
    Gli anglosassoni pensano che le installazioni militari dell’Asse sono di pastafrolla e ben visibili; idioti! sono ben mimetizzate e sotterranee.
    Non hanno ancora capito, che con i loro piloti, non riescono con gli aerei ad essere risolutivi. Pagliacci !

  2. Se gli anglo americani pensano che la resistenza (irachena, siriana, yemenita, libanese, palestinese) si sia fatta addosso dalla paura per l’attacco annunciato, significa che non hanno capito niente, vivono in un mondo tutto loro, con il cervello completamente scollegato dalla realtà ! Ho scritto in un commento (due articoli sotto) che forse il FENTANYL (la droga che zombifica) che sta dilagando in USA, ha di sicuro raggiunto la casa bianca, il congresso, il pentagono e i vertici politico militari delle capitali occidentali !

    1. Altro che fentanyl, sarebbero stati molto più tranquilli. Il loro fibrillare come un cuore matto deriva dal fatto che come zio Adolf, sono ossessionati dalla conquista del mondo. Determinati malvagiamente a seguire un sogno imperiale di dominio assoluto. Hanno già fallito, lo sanno ma, pur di non riconoscerlo sono lieti di bruciare nemici e pianeta come hanno fatto ad Hiroshima e Nagasaki.

  3. Se è vero, indiscutibilmente, che una nuova alleanza di stati sta minando l’ egemonia americana mondiale; e’ altrettanto vero che i naziatlantici hanno deciso d’ affrontare questo cambiamento propinando guerre e violenza. Fallirà perché sono in ritardo. E perché contrariamente al ’45, questo nuovo ordine raggruppa stati ricchi di risorse, con l’ economia in crescita e molto popolosi.. bruceranno il mondo come hanno fatto con le due città giapponesi.

  4. Che dire , la feccia europea che ha piantato radici in quello che chiamano Stati Uniti d’America , dopo aver annientato i legittimi abitanti e portato i sopravvissuti al rango di bestiame da chiudere in riserve , utilizzato la popolazione africana come schiavi da utilizzare per i loro sporchi e perversi usi , in epoca piuttosto recente , pare non si smentisca mai
    Intrighi e complotti per realizzare colpi di stato , tentativi di conquista con guerre mascherate e supportate da banali quanto stupide scuse , che nascondono il solo loro reale interesse , IL PROFITTO CAPITALISTA ESTRMIZZATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus