Fonti di Al-Mayadeen: la base americana di Al-Tanf è stata colpita da un attacco missilistico

Fonti di Al-Mayadeen parlano dell’esposizione delle residenze dei soldati e delle caserme militari della base americana di Al-Tanf a un attacco missilistico, che ha causato la distruzione di infrastrutture e l’accensione di un incendio .
Fonti sul campo hanno confermato ad Al-Mayadeen che la base di Al-Tanf, dove si trovano le forze americane e britanniche, è stata oggetto di un attacco missilistico, che ha provocato danni materiali, senza tuttavia specificare informazioni su perdite o feriti tra i membri della coalizione presenti nell’area.

Secondo le fonti, l’area avrebbe assistito a un sorvolo di droni in concomitanza con il bombardamento missilistico, senza alcun dettaglio sulla loro partecipazione al bombardamento.

I gruppii di Al-Qaeda vicini alla base hanno assistito ad uno stato di confusione tra i membri della coalizione internazionale presenti nell’area, con l’attuazione di un’operazione di ridispiegamento per paura di una nuova ondata di bombardamenti, secondo le fonti citate.

Le fonti hanno rivelato che membri della coalizione e membri delle fazioni armate siriane si sono ridistribuiti nelle vicinanze della base, con un certo numero di veicoli ritirati dalla stessa, al fine di evitare perdite umane e materiali.

Ci sono circa 200 soldati americani nella base di Al-Tanf, oltre a un certo numero di soldati britannici.

Un funzionario militare del comando centrale degli Stati Uniti aveva ammesso nelle sue dichiarazioni ad alcuni media che la base era stata soggetta a attacchi missilistici, affermando che non ci sarebbero state vittime tra i membri della coalizione e che il danno era materiale, come ha affermato.

Da parte sua, l’Osservatorio dell’opposizione siriana ha riferito che si sono sentite esplosioni presso la base militare statunitense, al confine tra Siria, Giordania e Iraq.

Nello stesso contesto, fonti speciali hanno riferito all’agenzia russa “Sputnik” che un incendio è divampato all’interno della base, così come in uno dei siti vicino alla base, che è occupata da uomini armati fedeli all’esercito americano, mentre i rumori delle esplosioni sono stati chiaramente ascoltati nel profondo del deserto siriano.
Il ricercatore in affari militari, Muhammad Kamal Al-Jafa, ha sottolineato attraverso Al-Mayadeen che è la prima volta che la base americana viene attaccata dalle forze della resistenza e che prendere di mira le forze americane è finalizzato a scoraggiare l’occupazione.

Truppe USA circondate in Siria

Quanto al generale di brigata Muhammad Abbas, questi ha confermato che “le operazioni terroristiche lanciate per attaccare le forze siriane provenivano dalle vicinanze di questa base”.

La Badia siriana costituisce un’area desertica aperta che si sovrappone all’area di 55 km, che ha sempre rappresentato una scena di attività importante per i resti dell’ISIS.

L’area di 55 km, che è sotto la protezione degli aerei da guerra statunitensi, circonda la base di Al-Tanf, che le forze statunitensi utilizzano al confine siriano-iracheno-giordano come base per i loro soldati e alcuni elementi di gruppi armati terroristici.

Una torre di comunicazione e alcuni dei punti che la circondano nell’area di Palmyra, nella campagna di Homs, sono stati oggetto di un attacco aereo israeliano , lo scorso mercoledì notte, dall’area di Al-Tanf, secondo quanto annunciato all’epoca da una fonte militare.


Fonte: Al-Mayadeen Net

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus