Fonti Al-Mayadeen: Missili con nuove tecnologie hanno superato l’Iron Dome, mirando a “Tel Aviv”



Fonti private rivelano ad Al-Mayadeen che “i missili che hanno colpito Tel Aviv ei suoi dintorni sono di nuova tecnologia”, con nuovi lanci di raffiche di razzi da Gaza verso gli insediamenti israeliani.
Fonti private hanno rivelato ad Al-Mayadeen oggi, mercoledì, che “i missili che hanno preso di mira Tel Aviv ei suoi dintorni sono di nuove tecnologie che hanno permesso loro di aggirare l’Iron Dome”, sottolineando che “la battaglia non è ancora finita”.

La sala comune delle fazioni della resistenza palestinese è stata chiamata “La vendetta dei liberi” per la sua risposta all’aggressione.

In una dichiarazione riguardante la sua risposta all’aggressione israeliana, la Camera ha indicato che l’operazione “La vendetta dei liberi” consisteva nel lanciare un massiccio attacco missilistico con centinaia di missili sui siti, gli insediamenti e gli obiettivi del nemico.

E con il lancio dell’operazione “La vendetta dei liberi”, i media di guerra delle Brigate Al-Quds – l’ala militare del Movimento della Jihad islamica – hanno lanciato lo slogan “Il nostro raggio… non ha limiti”.
Nel contesto, il corrispondente di Al-Mayadeen ha riferito che i missili della resistenza hanno colpito direttamente “Tel Aviv” e hanno causato danni a una struttura.

Il nostro corrispondente ha aggiunto che “i missili della resistenza si stanno avvicinando alle montagne di Gerusalemme”, osservando che “le intense preghiere della resistenza verso i territori palestinesi occupati hanno confuso il sistema Iron Dome”.

La resistenza palestinese ha rinnovato il lancio di raffiche di razzi verso i territori palestinesi occupati, mentre fonti della resistenza hanno detto ad Al-Mayadeen che “c’è un significativo rallentamento nelle prestazioni dell’Iron Dome”.
I media israeliani, a loro volta, hanno riferito che più di 300 razzi sono stati lanciati da Gaza verso gli insediamenti, osservando che “più di 60 razzi sono stati lanciati entro 45 minuti da Gaza verso Tel Aviv e gli insediamenti”.

Nel video… I coloni, compreso il ministro delle Comunicazioni, fuggono per paura dei razzi di Gaza
E i media israeliani hanno confermato che “il lancio di razzi si sta avvicinando alle aree vicino a Gerusalemme”, indicando “il suono delle sirene di allarme a Gush Dan e Tel Aviv”.

In precedenza, il portavoce di Hamas Abd al-Latif al-Qanou’ ha detto che gli attacchi della resistenza unificata “fanno parte del processo di risposta al massacro commesso dall’occupazione sionista, e rientrano nel quadro della sua difesa del nostro popolo palestinese. “
Un portavoce della resistenza palestinese ha incolpato l’occupazione per le conseguenze dell’espansione della sua aggressività, sottolineando che “continuerà a pagare il prezzo della sua follia e che la sua continua aggressione farà saltare in aria la regione e condurrà il suo esercito all’inferno”.

Il funzionario dei media dei comitati di resistenza in Palestina, Muhammad al-Buraim “Abu Mujahid”, ha affermato che la sala comune delle fazioni della resistenza palestinese sta guidando la risposta ai crimini del nemico israeliano nella Striscia di Gaza, e continuerà a portare avanti il suo dovere indipendentemente dalle sfide.
Abu Mujahid”, ha detto in una dichiarazione alla stampa, “la resistenza palestinese in tutte le sue fazioni, guidate dalle Brigate Salah al-Din, partecipa unificata nell’insegnare al nemico una lezione che non dimenticherà, e conferma che il sangue palestinese non è a buon mercato .”

Tutto questo è avvenuto dopo che fonti della resistenza palestinese hanno confermato ad al-Mayadeen che ” la risposta all’aggressione israeliana è iniziata “, e le fonti hanno aggiunto che era “l’inizio”.

L’alto bilancio dell’aggressione a Gaza
Contemporaneamente, il corrispondente di Al-Mayadeen a Gaza ha riferito che il bilancio delle vittime dell’aggressione alla Striscia è salito a 21, la maggior parte dei quali erano civili, soprattutto bambini e donne.

Il ministero della Salute palestinese a Gaza ha riferito che un martire e 10 feriti erano arrivati ​​al complesso medico di Al-Shifa nel governatorato di Gaza.

Il nostro corrispondente ha indicato che l’occupazione israeliana ha rinnovato il suo attacco alle aree di Gaza e ha lanciato due raid a est ea sud di Gaza City, e ha bombardato terreni agricoli in Al-Nafaq Street a Gaza. L’occupazione ha anche lanciato un’incursione nelle regioni nord-orientali della Striscia, prendendo di mira Beit Lahiya (a nord della Striscia).

Ciò avviene dopo che due palestinesi sono stati uccisi e si sono verificati diversi feriti a seguito dei bombardamenti israeliani, a est di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza.

All’alba di oggi, il corrispondente di Al-Mayadeen nella Palestina occupata ha riferito che due martiri sono stati uccisi e un palestinese è rimasto ferito durante l’assalto delle forze di occupazione alla città di Qabatiya a Jenin.
Fonte: Al-Mayadeen Net + media israeliani

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM