“Finlandizzare” l’Ucraina: la proposta di Macron rifiutata da Polonia e Ucraina

placeholder

“Finlandizzare” l’Ucraina: la proposta di Macron rifiutata da Polonia e Ucraina

Mentre cresce l’isteria bellica alimentata da USA e Regno Unito attorno alla questione Ucraina, esperti occidentali stanno cercando di analizzare quale sia stato il risultato della visita del presidente francese Emmanuel Macron a Mosca. Ricordiamo che i colloqui tra Vladimir Putin e il presidente francese Macron sono durati più di cinque ore. La maggior parte di essi erano dedicati a questioni di sicurezza globale e alla situazione in Ucraina.
L’edizione francese di Le Monde pubblica un articolo in cui si afferma che una delle opzioni per alleviare le tensioni nelle relazioni tra Occidente e Russia è un vero rifiuto di accettare l’Ucraina nella NATO. I giornalisti francesi scrivono della probabilità che Macron metta sul tavolo una proposta davanti al presidente russo secondo cui l’Ucraina avrebbe uno status militarmente neutrale garantito. In particolare, si dice che questo status possa essere identico a quello della Finlandia, che confina anche con la Russia e allo stesso tempo ha stretti legami con l’Occidente senza far parte del blocco militare del Nord Atlantico.

I giornalisti francesi scrivono della proposta per la cosiddetta “finlandizzazione” dell’Ucraina, anche se lo stesso Macron, volato a Kiev dopo Mosca, nega che la discussione sia stata condotta in questa particolare “prospettiva”. Allo stesso tempo, il presidente della Francia, rispondendo a una domanda di un giornalista di Le Monde, ha confermato che tale opzione nei confronti dell’Ucraina è accettabile ed “è uno dei modelli”.

Allo stesso tempo, i rappresentanti dell’amministrazione presidenziale francese in un’intervista con i giornalisti francesi affermano che l’Ucraina non vuole sentire nulla sulla prospettiva di uno status militarmente neutrale nella sua versione finlandese.

Hanno aggiunto che anche la NATO e la Polonia sono categoricamente contrari.

Né l’Ucraina, né, ad esempio, la Polonia vogliono sentire parlare di uno status ucraino neutrale, seguendo l’esempio finlandese. È un peccato che sia così.

Ecco perché Macron non parla pubblicamente della finlandizzazione dell’Ucraina, per non far arrabbiare alcuni dei suoi alleati della NATO.

Allo stesso tempo, si rileva l’opinione del leader francese che se la NATO fornisce all’Ucraina e, ad esempio, alla Moldova un MAP (piano d’azione per l’adesione all’alleanza), la Russia “sfrutterà la situazione e annetterà parti di loro territori, riconoscendo anzitutto la loro indipendenza».

In Ucraina reagiscono dolorosamente alla visita stessa di Emmanuel Macron a Mosca. A Kiev credono che “Macron e Putin avrebbero potuto raggiungere accordi che il presidente francese non avrebbe annunciato pubblicamente”.

Fonti: Le Monde – Agenzie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus