Finita un’epoca. L’Occidente sa che la Russia (e la Cina) reagira’ colpo su colpo ai tentativi di espansione…


di Luciano Lago

Gli USA e la Nato prendono atto che qualsiasi nuova provocazione antirussa portera’ alla 3a guerra mondiale…Il piano di Washington, dopo le ultime affermazioni di Biden, e’ ormai scoperto: gli USA tendono ad un cambio di regime a Mosca per disarticolare la Russia.
L’Ucraina serve solo a questo ed è una pedina nella loro strategia, una guerra per procura fino all”ultimo ucraino…Rompere il progetto di formazione di un asse euroasiatico fra Germania e Russia è un ulteriore obiettivo dell’amministrazione Biden e non e’ un caso che gli americani parlano sempre di fornire armi all’Ucraina e mai di negoziati. Washington, il vero istigatore della guerra, non vuole alcun negoziato ma al contrario vuole che il conflitto si trascini il più a lungo posibile.

Tuttavia l’operazione fatta dalla Russia in Ucraina segna una svolta: finito il clima di incontri e negoziati tra USA e Russia, Putin ha segnato una linea di demarcazione: le linee rosse designate dalla Russia non si possono superare a costo di una terza guerra mondiale nucleare.
Questi avvertimenti suscitano paura in Occidente anche perchè si è capito che Putin non scherza ma è disposto a tutto per difendere le sue linee di sicurezza, quella che l’occidente e la NATO hanno del tutto disprezzato e finto di non vedere.
Le rovine fumanti delle basi NATO realizzate occultamente in Ucraina e distrutte dai missili Iskander russi sono lì a dimostrare che quello non era un bluff di Putin. Gli Iskander hanno dimostrato tutta la loro precisione e possono essere armati con testata nucleare. Questo deve far riflettere gli strateghi della NATO.

Base della NATO in Ucraina distrutta


Nel suo discorso sull’inizio dell’operazione speciale, Vladimir Putin aveva inserito “alcune parole importanti, molto importanti per coloro che potrebbero essere tentati di interferire negli eventi in corso dall’esterno”. “Chiunque tenti di interferire con noi, per non parlare di creare minacce per il nostro Paese, per il nostro popolo, dovrebbe sapere che la risposta della Russia sarà immediata e ti porterà a conseguenze che non hai mai sperimentato nella tua storia. Siamo pronti per qualsiasi sviluppo di eventi. Tutte le decisioni necessarie al riguardo sono state prese. Spero di essere ascoltato”, ha riassunto il Presidente.

In effetti, negli ultimi 70 anni, l’umanità non è entrata in un’apocalisse nucleare – una terza guerra mondiale – solo per paura. La paura di una superpotenza e di una ritorsione garantita dall’altra parte.
Così si spiega come gli Stati Uniti abbiano fornito aiuti miltari all’Ucraina ma si sono ben guardati dal partecipare al conflitto. Tanto che oggi Washington non consente nessun passaggio e/o promessa che possa essere considerata come un’ingerenza diretta nell’operazione speciale ucraina, rifiutate quindi le proposte della Polonia e di Zelenski che premevano in questo senso.
Vero è che l’America sta inviando le sue truppe a est, ma sono schierate esclusivamente entro i confini della NATO. Allo stesso tempo, Biden molte volte (per coloro che non hanno capito la prima volta o che hanno ancora speranza) ha affermato che non ci sarebbero state truppe americane in Ucraina, semplicemente perché si sarebbero scontrate con i russi e avrebbero provocato una terza guerra mondiale. La paura delle provocazioni ha costretto gli Stati Uniti, secondo i funzionari del Pentagono, a rimuovere persino le loro navi dal Mar Nero. Sì, un certo numero di militari americani è presente sul territorio dell’Ucraina, ma solo come mercenari, di cui la parte russa si sbarazza o fa prigionieri per reintegrare il “fondo di scambio”.
Nessuna interpretazione può cambiare la percezione chiara e lampante degli strateghi di Washington: un altro passo della NATO verso le frontiere russe e scatterà la guerra nucleare. A buon intenditor….poche parole.

9 Commenti
  • Backward
    Inserito alle 00:38h, 02 Aprile Rispondi

    Peccato che la guerra totale, vera o paventata, sia proprio ciò che la cabala ha progettato.

  • Fictionary
    Inserito alle 05:19h, 02 Aprile Rispondi

    Una guerra termo nucleare portera’ solo la distruzione totale del globo, pochissimi saranno i sopravissuti.
    La distruzione totale non conviene a nessuno, ma conoscendo l’orgoglio dei russi pur di difendere l’intera nazione adotteranno il famoso detto, ” MUOIA SANSONE CON TUTTI I FILISTEI “

    • Caligola Gaio
      Inserito alle 06:26h, 02 Aprile Rispondi

      Dovresti studiare un pò di più la mafia kazariana per capire che la colpa non è di putin, ma bensì della Nato e degli stati uniti, è veramente vergognoso come per l’occidente sia o mondo unipolare o morte, e comunque il progetto è portare la popolazione a 500 milioni di unità e prima o dopo lo faranno, sta a gente pro vax e pro ucraina, svegliarsi e ribellarsi gli altri sono già andati ma per qualche motivo vi stiamo ancora aiutando a capire.

  • eusebio
    Inserito alle 09:13h, 02 Aprile Rispondi

    Russia e Cina hanno dimostrato che l’occidente è inaffidabile sul piano economico, in quanto pronto ad usare il suo controllo sui sistemi finanziari globali per rovinare gli avversari e derubarli, e sostituibile sul piano tecnologico, in quanto ormai superato sia sul piano militare che su quello aerospaziale, e in via di sostituzione pure nell’IT, come dimostra il primato di richiesta di brevetti in questo campo di Huawei.
    Non è un caso che sul piano delle sanzioni l’India si sia schierata con la Russia, compra e sviluppa armi con la Russia da decenni, il suo rivale Pakistan ha cominciato a comprare armi dalla Cina da alcuni anni ed essendo perfino più avanzate di quelle russe non poteva permettersi di vedere il proprio “ecosistema” di tecnologia militare russo-indiana compromesso.
    Idem per la Cina non solo in campo energetico, delle materie prime e dei semilavorati, anche nell’industria militare ed aerospaziale Cina e Russia collaborano a tutto campo, cominciando a creare un “ecosistema” tecnologico gigantesco alternativo e sostitutivo rispetto a quello occidentale, a cui pare si stanno aggiungendo pure i paesi produttori di petrolio come l’Arabia saudita, con cui la Cina collabora nello sviluppo di missili balistici, la Turchia, che collabora con la Russia nell’energia nucleare e pare nello sviluppo del caccia turco di V generazione, fino all’America Latina.
    Ormai USA-NATO-UE sono un’area ristretta, in declino e con una tecnologia obsoleta, prossima alla disgregazione economica e militare.
    La Russia ha offerto all’Europa la sua copertura energetica e militare ma gli ambasciatori yankee devono essere riaccompagnati alla scaletta dell’aereo a calci nel sedere.

  • Colibact1
    Inserito alle 11:35h, 02 Aprile Rispondi

    Se puoi mmaginare un film gia’ scritto è perchè quella scena fa parte del film.
    Accontenti di un pugno di mosche.

  • Boni Pasquale
    Inserito alle 12:04h, 02 Aprile Rispondi

    Perfettamente d’accordo e Vi ringrazio per offrire un’informazione realistica e molto diversa da quanto ci propinano i giornali e la televisione italiana. facile per l’America e parecchi stati europei decidere sanzioni che però alla fine si ritorcono pesantemente solo su qualcuno ( Germania e Italia in primis ) Tutte le guerre vanno condannate e la popolazione che le subisce va aiutata in ogni modo, ma mi auguro che il nostro governo prima di spender soldi per inviare armi all’Ucraina pensi a risolvere i nostri problemi interni ( vedi terremotati che malgrado le promesse politiche stanno ancora aspettando una casa…e altro )

  • natalino
    Inserito alle 15:23h, 02 Aprile Rispondi

    Putin, in uno dei suoi discorsi al mondo, ha detto: ‘Un mondo senza la Russia per i russi non ha senso”.
    É sempre bene ascoltare quello che dice Putin peró é estremamente importante ascoltare quello che non dice e che intrinseco nei suoi discorsi.

  • Antonietta Mignini
    Inserito alle 20:26h, 02 Aprile Rispondi

    In nome di tutto il popolo mondiale
    Fermatevi e dialogate ,
    Nella terra c’è spazio per tutti .
    Dio mio aiuta questi uomini in difficoltà .

    • Giorgio
      Inserito alle 10:18h, 03 Aprile Rispondi

      Contro la violenza dell’impero anglo usa non può esservi dialogo ….
      non perchè c’è qualche governante “malvagio”, ma perchè è un sistema sociale che incarna il male assoluto ….
      o si subisce o si reagisce ….

Inserisci un Commento