Financial Times: I tamburi di guerra tra Russia e Turchia battono a Idlib

Il quotidiano americano “Financial Times” ha rivelato, in un servizio, che i garanti della regione di Idlib, “Russia e Turchia” nel nord della Siria, hanno ripreso a competere, a seguito del raid aereo russo su una fazione pro-Ankara, nonostante la validità di un precedente accordo tra le due parti che prevedeva un cessate il fuoco nella regione. Doveva essere la quarta riduzione dell’escalation su “Idlib”.

Il rapporto descriveva quel conflitto come la rinnovata rivalità tra Ankara e Mosca nel nord della Siria, rilevando che il conflitto è diventato una “minaccia più calda” di prima.

Il rapporto sottolineava che il bersaglio della Russia era la “Legione Sham” dell ‘”Esercito nazionale siriano”, milizie filo turche sostenute da Ankara, l’attacco contro queste era “una rappresaglia indiretta sulla Turchia per la sua interferenza con l’Azerbaigian nel Karabakh”.

Il rapporto ha visto che la Russia, in quanto grande potenza in Siria e che sostiene l’esercito siriano, considerava le operazioni turche nel nord della Siria per rimuovere le milizie curde dai suoi confini, come non rappresentative di una minaccia.
Si sottolineava che Erdogan e Putin sono riusciti in una certa misura a stare sui lati opposti della guerra in Siria e in altre regioni, al fine di raggiungere i massimi interessi comuni.

Il giornale ha considerato: “La ripresa delle ostilità a Idlib sembra essere una rappresaglia russa per l’intervento della Turchia a sostegno dell’Azerbaigian nel suo conflitto con l’Armenia, e sembra anche che Putin abbia ritirato la sua approvazione per la presenza militare turca nel nord della Siria”.

Mercoledì scorso, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto, durante il suo discorso mentre partecipava alla riunione del blocco parlamentare del Partito Giustizia e Sviluppo presso la sede del parlamento nella capitale, Ankara, “Ci sono indicazioni che la Russia non sostiene la stabilità e la pace in Siria”.

Attacco russo su Idlib

All’epoca, riteneva che il targeting della Russia di un centro di riabilitazione per le milizie dell’esercito nazionale siriano a Idlib fosse un’indicazione della sua mancanza di sostegno per una pace e una stabilità durature nella regione.

E il presidente russo Vladimir Putin ha discusso, durante una telefonata, martedì scorso, con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan, gli ultimi sviluppi nella regione, in particolare Idlib.
Secondo una dichiarazione rilasciata dal Cremlino, la discussione ha affrontato tre questioni, in particolare la Siria, poiché le due parti hanno affermato il loro impegno e lealtà agli accordi esistenti per raggiungere la stabilità nella regione di Idlib e ad est dell’Eufrate, nonché questioni di soluzione politica in Siria, anche con l’assistenza dei paesi garanti dei colloqui di Astana.

Jet russi su Idlib

La discussione è avvenuta dopo un devastante raid a Jabal Al-Duwailah nella regione di Idlib, lanciato da aerei russi contro le milizie militari siriane fedeli alla Turchia nella regione di Idlib, che ha provocato l’uccisione di oltre 40 membri della Legione Sham, una delle fazioni più importanti fedeli ad Ankara e impegnate nell’accordo di Mosca tra la regione di Idlib. Di questa erano garanti i russi e i turchi.

Il presidente turco ha anche recentemente rinnovato la sua minaccia di effettuare una nuova operazione militare turca in Siria, ed Erdogan ha affermato che “se le promesse di rimuovere i terroristi dalle linee che abbiamo stabilito in Siria non saranno rispettate, abbiamo il diritto di rimuoverli ogni volta che vogliamo”.

Ha aggiunto: “La Turchia è in grado di ripulire tutta la Siria dalle organizzazioni terroristiche, se necessario”.
Erdogan si riferiva naturalmente ai gruppi curdi che sono stati armati e sostenuti dagli USA per creare una entità autonoma nel nord della Siria. Ultimamente questi gruppi stavano concludendo un accordo con il governo di Damasco per contrastare l’invasione delle forze turche nella regione.

Fonte: Financial Times

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti

  • Mardunolbo
    2 Novembre 2020

    Erdogan sta dibattendosi tra il crescente mormorio interno, la sua foga di ras turco e lo sfascio a bilionate della lira turca ! Non durerà a lungo. Una brutta fine lo aspetta dato che i tempi finali stanno accorciando le misure.
    Il monaco Paisios aveva avvertito: ” …i soldati turchi portano i biscotti di morte legati alla cintura….”
    E con questi creperanno e non romperanno più le palle in Euriopa e medio Oriente !
    Anche ieri attacco di 40 energumeni turchislamici in chiesa di Vienna, danneggiando e spaventando i fedeli cristiani.. Ma pare che Kurz non sia un Conte, quindi la difesa delle chiese austriache si farà.

    • atlas
      2 Novembre 2020

      postare la fonte, grazie

      cmq, quando sono sempre le chiese, luoghi simbolo, ad essere attaccate, e mai le sinagoghe, è semplice pure per un vegano col suo karma capire la strategia, da chi proviene e quali ne saranno i risultati goderecci

      se nessuno quì manifesta davanti ai covi dell’ucoi, s’interessa, prende posizione, e preferisce guardare ‘uomini e donne’ alla tivvù poi non si lamenti, io ade es., le cose come stanno le ho scritte più di una volta, gente che vota PD ce n’è tanta, come la Santanchè del resto. La saggezza marocchina è proverbiale, loro difficilmente agiscono al di fuori del consenso loro governativo e la Sbay denunciò anche cose giuste, ma Vespa istericamente la tacitò. Perchè dare visibilità agli arabi, se non in negativo, mai sia. Ci si deve riempire di gente come il presidente del PSG, di Qatar airwais e di fly emirates, così si arriva poi al cambiamento in Tunisia del 2011. A proposito, siccome lì c’è ancora una grande resistenza, la conferma è venuta ancora una volta da loro, come per l’attentatore del Bardo, arrestato quì e mai estradato a Tunisi….e morirono italiani, non Duo Siciliani: l’attentatore tunisino a Notre Dame è partito da lì direttamente col compito di fare quello che ha fatto. E con delle complicità internazionali, che vanno da al nahda alla fratellanza di merdogan

    • atlas
      2 Novembre 2020

      la MIGLIOR politica Araba è oggi in Egitto (e Siria). Lì cristiani e musulmani mano nella mano vicendevolmente e armati difendono chiese e Moschee da salafiti e wahhabiti, SAREBBE ORA di farlo anche quà, in Europa. Ma in Egitto il giudeo internazionale non comanda nulla

      se non fosse che magari, stanno da tempo infiltrando anche i wahhabiti cristiani … portatori di odio, come per i movimenti falso nazionalisti del tipo ukraino in Svezia, Olanda … e forse anche Forza Nuova

  • atlas
    2 Novembre 2020

    Fiore e Adinolfi sono irriconoscibili, soprattutto il secondo preme per Pravyj Sektor e Svoboda ukraini. Il primo, a cui feci anche da autista, solo 15 anni fa andava e veniva dalla Russia ……

    e nessuno pensa di andare a prendere posizione innanzi l’ambasciata tunisina, nè in Francia nè a Roma. Nè a Palermo, Napoli, Milano, Genova, dove hanno consolati. In Tunisia metà e più della popolazione è CONTRO al nahda, ma oggi, purtroppo, spiace scriverlo, andare sotto la rappresentanza tunisina è come andare sotto quella americana……

Inserisci un Commento