"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Fermare l’immigrazione? Si può. Basta organizzare un G7 permanente in tutta Italia.

E’ paradossale, ma è proprio così. Fermare l’immigrazione si può o, almeno, la fase finale: quella degli sbarchi. Il problema non è, dunque, che “non si può”, ma che “non si vuole” fermare gli sbarchi.

Infatti, è bastato una direttiva firmata dal capo della polizia Franco Gabrielli per far si che tutti i porti siciliani venissero interdetti da ogni eventuale sbarco. Ovviamente, non pensiamo che una direttiva di Polizia possa, da sola, fermare un esodo che ha ben altre, e più grandi, proporzioni. Tuttavia, già da solo questo semplice gesto, è emblematico della differenza (abissale) fra ciò che si vuole e ciò che non si vuole fare, in Italia, per contrastare questo fenomeno. Da:  Azione Tradizionale

(www.corriere.it) – 24/05/2017 – Migranti, sbarchi vietati per una settimana durante il G7 di Taormina. Sulle coste dell’Isola niente approdi: la direttiva firmata dal capo della Polizia Gabrielli. Le altre misure: protezioni da attacchi hacker, i posti di blocco, le aree di sicurezza.

L’inizio del G7 a Taormina è fissato per il 26 maggio, ma le misure di sicurezza cominceranno ad essere operative già questa mattina. E da lunedì prossimo tutti i porti siciliani saranno interdetti. Vuol dire che nessuna nave potrà avvicinarsi, vuol dire che le imbarcazioni cariche di migranti che già affollano il Mediterraneo centrale dovranno attraccare altrove.
La direttiva

Lo prevede la direttiva firmata dal capo della polizia Franco Gabrielli diramata già da qualche giorno per pianificare i servizi necessari a proteggere i capi di Stato e di governo che si riuniranno per due giorni. Saranno oltre 8.000 gli uomini impegnati a far funzionare un dispositivo che deve tenere conto della minaccia terroristica, delle proteste dell’area antagonista e dei possibili attacchi di pirateria informatica.

Le aree di sicurezza

Sono tre le “aree di sicurezza” disegnate dal dispositivo del prefetto. Si parte della cosiddetta area “di rispetto” «che comprende gli itinerari terrestri, marittimi e aerei di accesso alle località interessate da sottoporre a eventuali interdizioni». Si entra poi in quella “riservata” «contigua ai luoghi del summit e di altri eventi collegati con specifici divieti e varchi di controllo dove far accedere persone interessate e mezzi accreditati». E infine si arriva a quella di “massima sicurezza” «dove si svolge l’evento e ci sono le strutture interessate al soggiorno delle personalità dove attuare le massime misure di vigilanza e controllo con personale specializzato e tutte le tecnologie disponibili, accessibile solo con appositi accrediti». Comprende il San Domenico Palace di Taormina dove si svolgono le riunioni, l’antico Teatro greco, il Palazzo dei congressi.

Navi ONG sbarcano migranti

I divieti in mare

Anche la navigazione sarà limitata con una progressione sempre più stringente via via che si arriva verso la data fissata. Ecco perché, oltre a prevedere una serie di provvedimenti che “isolino” quel tratto di mare di fronte a Taormina e Giardini Naxos, si è deciso di ampliare l’area degli interventi. La direttiva è chiara: «È già stata rappresentata la necessità di realizzare, a partire dal 15 maggio, una riduzione progressiva degli sbarchi a Messina e poi per l’intera Sicilia evitando comunque di impegnare i porti dell’isola nei seguenti periodi: porto di Messina, dalla mezzanotte del 18 maggio 2017 fino alle 24 del 28 maggio successivo; tutti gli altri porti della Sicilia, dalla mezzanotte del 22 maggio 2017, fino alle 24 del 28 maggio successivo».

Nota: Quindi gli sbarchi si possono fermare con le opportune direttive indirizzate ai porti, alle unità della Marina ed alle navi delle ONG a cui può essere interdetto l’accesso ai porti. Ne deriverebbe un cambio di rotta di molte navi che si dirigerebbero verso i porti della Tunisia, di Malta, del Sud della Spagna e della costa francese. Guarda caso questo sarebbe il modo più efficace di coinvolgere altri paesi riluttanti ad accogliere ed avrebbe l’effetto di scoraggiare le partenze, visto che alcune di quelle navi sarebbero costrette inevitabilmente a tornare sulle coste del Nord Africa, una volta salvati i migranti che si trovino a mare.

Potrebbe essere l’uovo di Colombo ma i nostri politici non ci avevano pensato mentre ci raccontavano che “fermare l’immigrazione era una impresa impossibile”. Certo si era capito che questo blocco dei porti avrebbe bloccato anche i profitti delle mafie internazionali, degli scafisti, delle ONG e delle cooperative per l’accoglienza, oltre a bloccare una mano d’opera a buon mercato disponibile per tutti gli usi. Queste le vere ragioni che spiegano il perchè i confini aperti siano tanto utili per la classe politica ed affaristica che sul fenomeno dell’ondata migratoria lucra grandi profitti.

*

code

  1. PieroValleregia 7 mesi fa

    … bisogna impedire che partano, questi africani non scappano da nessuna guerra, le guerre (in realtà invasioni a firma NATO/USA/ISR/SAUD/UE) sono altrove.
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 7 mesi fa

      In molti Paesi africani ci sono (ci sono sempre stati) scontri tribali. Comunque noi non possiamo accoglierli tutti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PieroValleregia 7 mesi fa

        … appunto scontri tribali, roba loro ma, la loro venuta qua non dipende da quello.
        Loro vengono qua perchè le elite hanno deciso che DEVONO venire qua ed il popolo bove annuisce mentre continua a ruminare davanti all’i-phone.
        saluti
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. lister 7 mesi fa

        Potremmo accoglierne QUALCUNO, con tanti paletti, solo nel caso in cui non ci sia più povertà in Italia.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Torrido 7 mesi fa

    Kalergi Europa, distruzione di un popolo!Ma fermare i clandestini? Come faranno le coop Komuniste, di Polett..Buzz..Carmina.. con oltre ai 6 milioni di minori,gestiti sempre da amici di amici, che ce li accompagneremo NOI fino alla maggiore età con circa 100 euro il giorno ?Nel nord est 120 euro,spese mediche a parte!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. nessuno 7 mesi fa

    Essendo stato obbligato a transitare per Milano e la sua stazione centrale ho
    veramente preso paura, finora avevo visto le immagini di Milano in tv,ma vedere
    la situazione con i propri occhi è una cosa allucinante, ma dove andremo finire?
    Ho cercato di parlare con della gente, dei tassisti dei ristoratori, ognuno con il
    suo grado di rabbia, di impotenza, subiscono in silenzio, solo celate lamentele e in+
    pronunciate a voce bassa, perché altrimenti passi per “rassista”, poveri Milanesi
    e poveri cittadini che vivono in giunte di sinistra che permettono uno scempio
    simile. La rabbia è tanta, si accumula nella popolazione almeno in quella quasi
    metà dei votanti che non hanno votato questa banda di “sinistri” anti-Patrioti
    capeggiata dal non certo efficiente “primo(pirla) cittadino.
    Le premesse e le motivazioni per un sollevamento popolare ci sono tutte, manca una
    scintilla, quella buona e poi saranno dolori, volere negare che la situazione è totalmente
    fuori controllo è mentire a se stessi, tirando le somme dalla mia esperienza diretta
    con il fenomeno alquanto ambiguo del comportamento del “cittadino italiano pecora”
    ho riscontrato che non esiste una “valvola di decompressione” la pressione esploderà
    in tutta la sua distruttiva potenza, stiamo piano piano raggiungendo il livello di
    sopportazione massimo assisteremo a una nuova versione delle:” 5 Giornate di Milano”?
    Gli incompetenti politicanti “pro-immigrazione- incontrollata” farebbero meglio a
    ripassarsi la Storia “se mai l’hanno studiata” e prendere sul serio il malcontento della
    popolazione prima che sia troppo tardi….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 7 mesi fa

      “Gli incompetenti politicanti…” l’unica cosa che si ripassano è la quantità di denaro giacente sul loro portafoglio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. paolo 7 mesi fa

    il governo illegale insediatosi nel nostro paese è il il vero cancro del popolo italiano e i finti profughi ,marmaglia nera, sono le metastasi di questi criminali distruttori delle nostre radici e della nostra stessa etnia.difendiamoci con ogni mezzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace