Fascismo ed Antifascismo Unico dibattito possibile nella abulica realtà italiana

di Luciano Lago

Come avevamo ampiamente previsto, tutto il dibattito relativo alle elezioni europee, in Italia si sta concentrando intorno alla vecchia e stantia questione del pericolo della risorgenza del Fascismo. La sinistra globalista agita lo spauracchio del ritorno del Fascismo prendendo a pretesto vuoi qualche chiassata o intemperanza dei militanti di Casa Pound, vuoi la presentazione di un libro alla Fiera del Libro di Torino, edito da un autore considerato vicino agli ambienti neofascisti e che si è dichiarato apertamente quale “fascista del nuovo millennio”.
Se non ci fossero questi personaggi, la sinistra se li dovrebbe inventare perchè forniscono a questa ed al clero giornalistico mediatico il pretesto del “pericolo fascista” che, come tante volte abbiamo detto, è comodissimo da utilizzare come mascheratura per occultare la totale sottomissione della sinistra agli interessi del grande Capitale Finanziario e delle oligarchie globaliste.
Risulta ormai accertata la totale dipendenza della sinistra (dipendenza politica e finanziaria) dalle centrali finanziarie transnazionali e il collegamentio dei partiti, come il PD e Più Europa, Liberi e Uguali, ecc. con i fiduciari dell’élite tecno-finanziaria che sta riducendo in schiavitù i Paesi della zona UE e che ha già polverizzato la Grecia e si appresta a fare qualche cosa di simile con l’Italia.
Il PD e i suoi soci in affari hanno totalmente appoggiato tutti i provvedimenti antipolari e distruttivi per l’economia italiana (dal Fiscal Compact al Job Act) al fine di compiacere gli interessi dei detentori del Grande Capitale finanziario, per questo motivo hanno dato il loro appoggio alle leggi per salvare le grandi banche tedesche e francesi con il denaro degli italiani (fondo Salva Stati) , hanno contribuito a smantellare il sistema di garanzie sociali faticosamente conquistato nei decenni passati e hanno dato il via, fin dai tempi di Prodi e Amato, al grande processo di privatizzazioni, leggi spoliazione e colonizzazione dell’economia italiana. Risulta molto comodo nascondere tutto questo sottto gli slogan della “eterna lotta contro il Fascismo”.
Il pretesto della risorgenza del Fascismo fornisce l’alibi alla sinistra per mobilitare l’opinione pubblica, distrarrla dai veri problemi e coprire i retroscena del totalitarismo neo liberale dell’Unione Europea che la sinistra sostiene con il falso mito dell’europeismo, dei ” mercati che ci guardano” e del progresso. Falsi miti che in realtà rappresentano il compimento del capitalismo assoluto, con le sue deregolamentazioni e l’annientamento della sovranità nazionale.
Parlare del Fascismo significa evitare di parlare dei trattati come Mastricht e Fiscal Compact, delle responsabilità di chi li ha approvati e che hanno privato l’Italia di una propria sovranità nazionale ed hanno consegnato il potere di fatto alle oligarchie di Bruxelles e di Francoforte, al sistema dell’usura dei grandi potentati finanziari che assoggettano i popoli ai voleri di una elite finanziaria occulta.
Basta accendere una qualsiasi Tv per sentire moniti e allarmi lanciati dal clero giornalistico del sistema che occupa il suo tempo lanciando l’allarme sul Fascismo, mentre lo stesso clero giornalistico nasconde le ruberie ed i privilegi e le complicità della classe politica che ottiene favori ed appalti per se stessa e propri clientes.
Coloro che occupano le posizioni di potere politico o amministrativo sanno che dimostrando un “fiero antifascismo” è più facile conservare il potere e fare carriera. Lo hanno capito anche quelli del movimentoi 5 Stelle che si professavano “duri e puri”.

Antifascisti in piazza

Fra i fiduciari della elite si sa che è fondamentale il concetto di dividere la società in classi differenti allargando la platea della mano d’opera di sfruttamento, italiani e migranti di ultimo arrivo e mettendo in conflitto gli uni con gli altri. “Divide et Impera”, rimane sempre un motto valido.
Utilissimo parlare di Fascismo, attraverso il controllo totale dei media, mentre si predispongono esperimenti di ingegneria sociale e la distrazione delle masse dai problemi concreti . La politica, di governo o di opposizione, non può dire se ci saranno nuove manovre economiche per reperire risorse, nuove imposte, tasse e balzelli, non si sa. Lavoro e disoccupazione, cosa intende fare la sinistra se dovesse ritornare al governo, politiche di austerità o investimenti in opere pubbliche? Il vuoto totale di fronte a questi problemi riempito argomentando sul Fascismo e suoi derivati. Ci danno dentro la impagabile Lilli Gruber, il milionario Fabio Fazio, Formigli sulla rete 7, Roberto Saviano con i suoi strali, Gad Lerner e compagnia cantante.
Risulta comodo parlare di pericolo del Fascismo e di necessità di una mobilitazione contro questo pericolo, meglio non parlare della prossima crisi che ci attende, delle scelte internazionali che dovranno essere fatte, delle imposizioni di Bruxelles e delle necessità energetiche dell’Italia.
Nel contesto internazionale si profilano nuovi pericoli di guerre distruttive, terrorismo internazionale, sanzioni ed embarghi economici contro paesi sovrani, scontro fra dominio imperiale USA e potenze antagoniste, Russia e Cina, che ci vede coinvolti. Scelte fondamentali per l’Italia? L’unica scelta possibile: contrastare la minaccia del Fascismo risorgente.
Quali alleanze per l’Italia, la NATO è ancora una alleanza che risponde agli interessi nazionali ? Argomento tabù, c’è il rifiuto di parlarne da forze di governo e di opposizione. Meglio parlare di Fascismo e di Antifascismo. L’Italia non si smentisce mai un paese colonizzato che vive nella sua dimensione provinciale, fuori dal tempo e dalle realtà.

7 Commenti

  • Sed Vaste
    10 Maggio 2019

    E che fascismo sia ! inutile perdersi in eviranti discussioni con gli eredi dell’ANPI associazione nazionale Prostitute italiane ,nati NeL tradimento si prostituiscono come le donnine agli angoli basta essere pagati per ogni cm ,e’ la legge del chi Paga comanda ,avete anche Salvini che simpatizza per I Fascisti ,l’altro giorno mi son offeso un inglese sul mini van mi ha dato del Fascista e io l’ho rimbrottato! Nazista ebreofago prego , non mi ha piu parlato

  • Max Dewa
    10 Maggio 2019

    Ma si puo essere piu minkioni per anni vi siete beccati in Silenzio LA spazzatura d’africa in silenzio e adesso senza far niente vorreste rimandarli nei loro paesi , dei negroni di 2 metri ! Ma manco con le cannonate ci riuscireste , forse con I fascisti si potrebbe far un po di ordine iniziando con chi vi ha colonizzati dall’interno I vari del Rio boldrini Martina bersani renzi ecc traditori da patibolo dei clienti buoni per mastro Titta

  • Max Dewa
    10 Maggio 2019

    Tutti I sinistri compresi I liberisti e I culattoni ambiscono a diventare apostoli di Satana cercano di portare I’ll piu possibile gli uomini allo stato di bestie che seguono solo I propri istinti piu bassi usano il metodo del Vomitamento delle formule Demagogiche a furia di libero pensiero e libero amore vi ritroverete stranieri in patria col negher nel succio

  • Eugenio Orso
    10 Maggio 2019

    E’ lampante da lunga pezza che il cadavere del fascismo (senza fascismo, defunto nel 1945) è mantenuto in vita come “spauracchio” propagandistico dai servi di Soros e della finanza giudaica, così come l’anti-antisemitismo senza ebrei (o meglio, con pochissimi ebrei, ma tutti nei posti di comando fiinanz-globalista …) serve per “perpetuare il senso di colpa dell’Europa” mantanendola in catene (C. Preve).

    Il problema è che le masse idiotizzate, generate dalla manipolazione sinistroide/liberista/globalista, quando si pronuncia la paroletta fascismo hanno reazioni da cane pavloviano … è facile manovrare gli zombi rimbecilliti, occultando la realtà sociale e politica.
    il problema è che l’antifascismo, come anche l’anti-antisemitismo, sono diventati tabù del politicamente corretto e altrettante cortine fumogene per nascondere la realtà.

    L’unica soluzione è “terminare” l’antifascismo (e l’anti-antisemitismo) nel pensiero.

    Cari saluti

  • Monk
    10 Maggio 2019

    Il papus fa propaganda con gli zingari, in Vaticano razza che non ha bisogno di commenti e tutti gli altri in coro con i negher a tifare contro gli italioti coglioni, intano come il cavallo di Troia, li hanno fatti sbarcare pronti a scannarci e ci sta solo bene. Adieu, l’ora della fine è vicina.

  • Sed Vaste
    10 Maggio 2019

    Salvini dalla Gruber non ha risposto sui 600000 rimpatri promessi e in piu si e’ detto dalla parte di Israele , tra lui e LA Gruber non si sa chi sia meglio prima sopprimere ,gli italiani soon uno dei popoli piu sventurati , a livello spirituale siete stati traditi da tutti vi stanno anche togliendo I rimasugli di fede cristiana ,LA soluzione e’ chiudere le Logge massoniche e mandare in Israele tutti gli ebrei che risiedono in Italia ma prima requisire confiscate tutte le loro proprieta’ fatte con ladrocini furti e imbrogli bancari ( tutte le Banche sono ebree)

  • Sed Vaste
    10 Maggio 2019

    Vedendo a Casal Bruciato LA raggi come e’ stata accolta si puo sperare in un qualche colpo di Stato conoscendo gli Italiani se portati all”esasperazione potrebbero farlo casa pound E forza nuova assieme potrebbero , di sicuro sono piu serii gli italiani dei Francesi ,I francesi fanno rivolte alla cialtrona gli italiani no ! Hanno il Dux nel sangue

Inserisci un Commento

*

code