False accuse e sanzioni contro la Russia creano un clima di nuova Guerra Freddda

di  Paul Antonopoulos

Gli Stati Uniti stanno “avvelenando” l’atmosfera delle relazioni Russia-USA con nuove accuse infondate contro Mosca, intraprendendo una strada pericolosa che accresce le tensioni tra due potenze nucleari , ha detto il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov.

Il vice procuratore generale americano per la sicurezza nazionale, John Demers, ha annunciato in precedenza che gli Stati Uniti hanno sporto denuncia contro sette presunti funzionari dei servizi segreti russi che sarebbero stati coinvolti in una cospirazione per hackerare le organizzazioni internazionali statunitensi e il Canada.

“Ci dispiace molto vedere come i funzionari USA continuano ad avvelenare l’atmosfera delle relazioni Russia-USA con le nuove accuse infondate contro la Russia, che alcuni paesi della NATO sono pronti a seguire, dagli ordini di Washington. L’Occidente si sente di nuovo minacciato dagli hacker russi, questa volta presumibilmente coinvolti nell’hacking nelle reti di computer in tutto il mondo “, ha detto Ryabkov in un commento.

Secondo lui, Washington continua a nutrire il suo pubblico nazionale e internazionale con informazioni false per giustificare sanzioni e altri metodi di pressione sulla Russia.

“La Russia si è abituata a tali metodi usati dagli Stati Uniti, ma innalzare deliberatamente le tensioni tra le potenze nucleari nell’arena internazionale è un percorso pericoloso”, ha aggiunto.

Le False Accuse Americane Continuano A “Avvelenare” Le Relazioni Tra Russia E Stati Uniti, Dice Ryabkov

In questi giorni il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha approvato una nuova strategia antiterrorismo, più ampia dei precedenti piani dell’ amministrazione, lo ha dichiarato in una conferenza stampa John Bolton, Consigliere per la sicurezza nazionale.

Bolton ha spiegato che il nuovo piano mira a isolare i terroristi, proteggere le infrastrutture americane e combattere il reclutamento di estremisti radicali.

Da parte sua, il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton ha detto ai giornalisti giovedì che il governo discuterà questa nuova strategia con i suoi partner stranieri e cercherà di condividere l’onere con altri governi per affrontare la minaccia terroristica.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha anche affermato di non aver mai visto nulla di simile alle recenti azioni della Cina di interferire negli affari interni degli Stati Uniti.

“Personalmente, non ho mai visto nulla di simile alla portata delle attività cinesi”, ha detto Bolton, riferendosi alle accuse degli Stati Uniti che il gigante asiatico sta interferendo nei suoi affari interni.

Nota: Gli USA fingono di non sapere che sono i loro stessi servizi di intelligence che si occupano del reclutamento degli elementi radicali jihadisti da utilizzare per destabilizzare i paesi a loro ostili.

Washington parla delle interferenze della Cina o della Russia ma tutte le nazioni del mondo hanno  ormai ben chiaro quali siano le potenze che interferiscono negli affari e nelle situazioni degli altri stati al fine di rovesciare governi legittimi, come accaduto in decine di casi.

Le denunce di Washinton vengono quindi considerate strumentali ed ambigue e  come tali sono state respinte dal governo di Pechino che ha inviato una nota di precisazione alle autità statunitensi.

Fonte: FRN

Traduzione e nota: Sergei Leonov

6 Commenti

  • tania
    7 Ott 2018

    Le accuse degli americani fanno presa su quelli che già odiavano la Russia, e viceversa.
    Adesso bisogna vedere oggi gli schieramenti, chi è oggi filo-americano e chi filo-russo, noi italiani siamo una colonia americana avendo perso la guerra e la dignità, per cui sia gli schieramenti cosiddetti di destra che quelli cosiddetti di sinistra, sono sempre per forza filo-americani, quello che finisce all’opposizione, cioè in minoranza, a quello allora è concesso di poter essere filo-russo… che la “democrazia” deve fare il suo corso, no?
    Se invece di pensare con la testa della maggioranza pensassimo con la nostra, chissà cosa vedremmo, proprio non ne ho idea, magari scopriremmo che siamo proprio questi che siamo. Certo rimane che non potendo accedere a niente, purtroppo ragioniamo sulle informazioni che ci vengono date.

    • tania
      7 Ott 2018

      Nel bene e nel male, Internet ci ha dato la possibilità di poter avere tante informazioni, così che si possa trovare contentezza. Io sono filo-russa.
      Penso convintamente che gli USA non sanno vivere con il resto del mondo, qui dovrebbe entrare in campo un buon psicologo a spiegare quello stano paese… Che vive praticamente di GUERRE e SOPRUSI, persino in casa…
      Ho sempre confrontato l’imperialismo russo e quello americano, non è che esiste un imperialismo buono, quindi cinicamente li ho confrontati e i fatti, non le parole, non i proclami, solo i FATTI, mi hanno ampiamente dimostrato che dall’imperialismo russo ti puoi liberare, puoi sperare convintamente di tornare ad essere libero, con quello americano te lo scordi… L’imperialismo americano è per-sempre… che ORRORE… è come la morte.

      • Idea3online
        7 Ott 2018

        mi hanno ampiamente dimostrato che dall’imperialismo russo ti puoi liberare, puoi sperare convintamente di tornare ad essere libero, con quello americano te lo scordi….

        Domanda:
        mi hanno ampiamente dimostrato che dall’imperialismo russo ti puoi liberare…In che senso e come….

        • tania
          7 Ott 2018

          Crollo dell’URSS, crollo del muro di Berlino, Afghanistan, questi gli esempi più eclatanti, ribaltoni a 360°, quale altro potere imperialista è mai stato capace di fare questo e rimanere lo stesso una grande potenza? Capacità di cambiarsi dentro prima che fuori. Scusa la banalità dell’esposizione, tanto contano i fatti.
          E non leggo tutto questo come una vittoria dell’imperialismo americano su quello russo, leggo proprio una auto capacità dei russi di modificarsi, che per me è straordinaria, significa coraggio del cambiamento, poi si vedrà se in peggio o in meglio, ma questa capacità in una potenza imperialista diventa una garanzia di libertà per TUTTI… Mentre, di riscontro, la potenza ebraico/militar/americana ci ha dimostrato di essere senza empatia… solo menti malate di potere e di odio e desiderio di possedere il genere umano… se finisci in mano a dei folli cosa pensi ti succede, eh?
          Finisci che ti tiene lì, per sempre! Che mai sarà capace di capire cosa sta facendo: è pazzo! Tutti sul pianeta sono egoisti, e pensano al loro interesse, ma tutti esprimono forza, dolore, e sconfitte, insomma, “sentimenti”, siamo esseri umani…
          La cricca ebraico/americana è altro… è disumana. o folle. scegli tu. Questa naturalmente è la mia interpretazione, per crità, pronta a modificarla nel caso le cose cambino, no? Se leggo anche solo i titoli qui in Controinformazione, i folli ebrei mi sembrano parecchio lontani dal voler vivere pacificamente nei limiti in cui l’essere umano può farlo su questo pianeta…

          • tania
            7 Ott 2018

            Un gruppo di esseri disumani ha deciso senza se e senza ma di controllare tutto il genere umano, e l osta dimostrando, quello che risulta incomprensibile è l’atteggiamento di quegli esseri umani che applaudono a questa follia e nello stesso tempo danno dei folli nei film ai folli che ambiscono la conquista del pianeta, come dire “se lo fai per finta sei un pazzo, se lo fai per davvero ti stimo.” Alla fine, gira e rigira, siamo sempre noi che decidiamo, no? Siamo noi che “permettiamo”… no? Siamo noi i colpevoli, per paura, ignoranza, mancanza di mezzi, non abbiamo la testa, solo un corpo, non abbiamo la tecnologia, le armi, non abbiamo niente, è tutto in mano agli ebrei&amici di merende, ma quello che nessuno capisce è che siamo sempre noi comunque la chiave di tutto… se avessimo coscienza di quello che siamo non daremmo il permesso di essere trattati come ci trattano gli ebrei. Se avessimo coscienza di quello che siamo, particelle di Dio, noi siamo Dio, la sua manifestazione materiale, poche storie, noi questo siamo, costringeremmo gli ebrei per raggiungere il loro scopo blasfemo, immorale, sudicio, di mostrare la loro vera faccia… Altro che “povere vittime dell’olocausto”… come fossero morti solo gli ebrei e non in tutto più di 75 milioni di esseri umani… che poi le guerre le hanno sempre provocate loro, no? Gli ebrei quelli “sopra”, la cupolona ebraica, ovvio!

          • Mirk
            7 Ott 2018

            Tania, concordo pienamente con te. Ottimo commento!

Inserisci un Commento

*

code