Fallita la campagna USA per strangolare e isolare l’IRAN


La politica americana di “massima pressione” contro l’Iran è fallita miseramente non raggiungendo nessuno dei suoi obiettivi, secondo un importante quotidiano britannico.
Il quotidiano britannico “The Independent” , in un rapporto pubblicato questo sabato, ha analizzato la situazione del patto nucleare dopo il ritiro unilaterale degli Stati Uniti nel 2018 e l’applicazione della sua politica di “massima pressione” contro Teheran.
Il giornale britannico ha voluto ricordare che è passato un anno e mezzo (maggio 2018) da quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ritirato il suo paese dall’accordo nucleare, firmato nel 2015 dall’Iran e dal gruppo 5 + 1 (poi integrato dagli Stati Uniti , il Regno Unito, la Francia, la Russia e la Cina, più la Germania), hanno reintrodotto le sanzioni contro il paese persiano e rafforzato la sua retorica anti-iraniana al fine di costringere l’Iran a rinegoziare quell’accordo: il peggiore della storia degli Stati Uniti, secondo il presidente Trump.
“Tuttavia, la campagna di” massima pressione “non è ancora riuscita a trascinare l’Iran al tavolo dei negoziati o a limitare le sue attività regionali in Medio Oriente. In effetti, la massima pressione contro l’Iran sembra aver fallito “sia” economicamente che politicamente “, afferma The Independent.
Il ministro degli Esteri iraniano afferma che Teheran ha risposto al “terrorismo economico” e al “ricatto” da parte degli Stati Uniti contrariamente a quello che hanno fatto credere Trump e la sua “corte dei miracoli”.

I piani anti-iraniani di Washington – sostiene il giornale – sono falliti anche da una prospettiva internazionale, perché “Il mondo ha simpatizzato con l’Iran nella disputa nucleare con gli Stati Uniti, poiché il paese persiano è rimasto pienamente impegnato nell’accordo nucleare. fino a un anno dopo lo stupro americano “, ricorda.
Le misure illegali dell’amministrazione Trump hanno isolato gli Stati Uniti a livello globale, come la maggior parte degli stati che incolpano Trump per l’aumento delle tensioni con l’Iran , aggiunge The Independent.
Dopo un anno di pazienza strategica, nelle parole dell’Iran, prima della violazione degli Stati Uniti. del piano d’azione comune globale (PIAC o JCPOA), il nome ufficiale del patto nucleare, Teheran ha deciso a maggio di adottare misure reciproche e, a norma degli articoli 26 e 36 dell’accordo, di ridurre gradualmente i suoi impegni nei confronti dell’accordo..
Le autorità iraniane hanno assicurato che il processo graduale dell’Iran di ridurre gli impegni nei confronti del PIAC mira a concedere tempo alla diplomazia per salvare l’accordo. La sua validità non può più essere data per scontata, perché sia ​​Washington, nell’abbandonarlo, sia l’Europa, non avendo rispettato quanto concordato e non continuando a commerciare con l’Iran, nonostante le sanzioni statunitensi, lo stanno mettendo in pericolo.

Confronto tra Trump e l’Iran


La partecipazione dell’Iran all’ultimo summit del gruppo di paesi che aderiscono all’accordo di Shangai, come paese osservatore in procinto di entrare nell’accordo, ha rappresentato plasticamente come Teheran sia un paese che è riuscito a trovare accordi di cooperazione con alcuni dei più importanti paesi del mondo, dalla Cina all’India, alla Russia, alla Turchia e molti altri.
Il piano USA di isolare economicamente l’Iran, si è quindi arenato e questo rappresenta di fatto uno dei tanti fallimenti della politica di Washington.

https://www.independent.co.uk/voices/donald-trump-iran-us-economic-sanctions-hassan-rouhani-a8618841.html

Fonti: Hispan Tv – The Independent

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code