Fallisce il tentativo occidentale di prendere il controllo del Niger

Fallimento dello scenario ucraino in Niger
di Alexandre Lemoine

La situazione intorno alla probabile invasione delle forze di alcuni paesi della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) in Niger ricorda sorprendentemente le discussioni che hanno avuto luogo alla vigilia della controffensiva estiva dell’esercito ucraino.

Gli alleati africani dell’Occidente sono riluttanti a imbarcarsi in un’impresa rischiosa, mentre Washington e l’Europa li esortano a farlo. Allo stesso modo, hanno chiesto per tutta la primavera del 2023 che le forze ucraine attaccassero le posizioni russe fortificate.

Tuttavia, c’è una grande differenza. I leader africani non hanno alcun desiderio di correre rischi per gli interessi di Francia e Stati Uniti. Pertanto, quella che è stata una tragedia in Ucraina potrebbe trasformarsi in una farsa in Africa occidentale, portando a un accordo di pace tra tutte le parti coinvolte.

La ragione principale di questo spettacolo è la stessa in entrambi i casi: il desiderio dell’Occidente di non impegnarsi direttamente in avventure militari e di fare tutto il lavoro per procura. Se nel caso dell’Ucraina la ragione di questo comportamento è la paura di rappresaglie dalla Russia, in Africa è la mancanza di mezzi e volontà. Tanto più che Parigi e Washington sono convinte che i regimi politici a loro vicini all’interno dell’ECOWAS vogliano rovesciare il regime militare in Niger.

Ci sono ragioni per questo. Il golpe in Niger del 26 luglio è il quarto in meno di due anni nella regione (dopo Mali, Burkina Faso e Guinea). Gode ​​chiaramente del sostegno di una certa parte della popolazione di uno dei paesi più poveri del mondo. Anche in altri stati dell’ECOWAS la situazione è tutt’altro che perfetta ei governi civili hanno tutte le ragioni per temere un effetto domino su se stessi.

Ci sono motivi per credere che la forza combinata della Nigeria e di molti altri paesi dell’ECOWAS sarebbe sufficiente per riportare al potere il presidente arrestato Mohamed Bazoum. Quello che manca per il momento è l’avventurismo: i leader africani preferiscono adottare una posizione di attesa, anche se accompagnata da una dimostrazione di determinazione.

Parigi e Washington, intanto, agiscono come di consueto: chiedono verbalmente una soluzione pacifica, ma in realtà chiedono che i paesi dell’ECOWAS usino la forza per regolare i conti con i generali in Niger. È anche possibile che sia stata promessa assistenza militare, poiché vi sono ancora di stanza grandi contingenti francesi e americani. Tuttavia, è improbabile che l’Occidente intervenga direttamente.

Ciò, da un lato, sarebbe associato a un certo rischio e richiederebbe di assumersi la responsabilità delle conseguenze. D’altra parte, un attacco diretto al governo in carica da parte delle forze occidentali sarebbe il peggior evento possibile nel contesto della lotta per l’opinione nei paesi in via di sviluppo.

Sono finiti i giorni in cui gli Stati Uniti e l’Europa potevano attaccare liberamente qualsiasi stato sovrano volessero. L’ultimo “atto” è stata l’aggressione della NATO contro la Libia nel 2011. Da allora, molto è cambiato. Washington e le capitali europee stanno cercando di convincere il mondo delle loro buone intenzioni. Ciò è particolarmente rilevante nel contesto della loro lotta contro la Russia, che accusano di fare ciò che hanno fatto per decenni.

Difficile dire cosa sarebbe più vantaggioso per Stati Uniti e Francia: concludere un accordo con i generali nigerini alle spalle dei paesi dell’ECOWAS o rovesciare la giunta a seguito di un intervento dei vicini, agendo in solidarietà con l’Occidente poteri. La prima opzione conserverebbe le posizioni economiche pur subendo un danno politico, mentre la seconda potrebbe portare al successo politico tanto desiderato dall’Occidente sulla scena internazionale. Ricordiamo che questo contesto deriva dal fallimento della guerra economica contro la Russia e dai tentativi di isolarla in generale, dalla crescente pressione della Cina e dal generale calo dell’influenza del “miliardo d’oro” sulla politica mondiale.

Giunta Niger

Dopo il fallimento in Ucraina, anche una vittoria per procura su poche decine di golpisti in Niger potrebbe essere presentata alla società come un grande successo e una prova dell’onnipotenza dell’Occidente. Il desiderio di raggiungere questo obiettivo è così forte da portare a situazioni ridicole, come la pubblicazione sul Washington Post di un articolo del deposto presidente Bazoum, in cui invoca l’intervento straniero nel suo Paese.

Di conseguenza, stiamo assistendo a una situazione in cui lo stesso Occidente non può impegnarsi nella lotta, ma esorta i suoi partner regionali a farlo. A loro volta, questi ultimi non hanno fretta di intraprendere un’azione decisiva. Pertanto, sabato scorso, i paesi dell’ECOWAS hanno rinviato una riunione dei loro rappresentanti militari, sostenendo che il regime militare in Niger gode del sostegno di una parte della popolazione e che è necessario ascoltare la loro opinione prima di prendere decisioni serie. In altre parole, nessuno all’interno dell’ECOWAS è particolarmente entusiasta dell’idea di lanciare un’operazione militare contro il Niger. E se ciò accadrà, dovremo cercare la ragione nel fallimento dei loro tentativi di negoziare con i golpisti alle spalle dell’Occidente.

Anche se questo risultato sembra molto improbabile: nonostante tutti i loro legami con l’Occidente, i leader africani rappresentano stati e non regimi compradores in territori specifici. A differenza delle autorità di Kiev, per le quali la questione della sopravvivenza dello stato chiamato Ucraina non è mai stata centrale. Anche i paesi economicamente meno avanzati della maggioranza mondiale sono stati molto più affermati non solo dell’Ucraina, ma anche degli alleati formali degli Stati Uniti in Polonia o nelle repubbliche baltiche.

E non è solo una questione di portata dell’influenza occidentale sui sistemi politici ed economici. Nella maggior parte dei paesi africani è molto importante e si basa su decenni di commercio congiunto in tutte le sue forme. Tuttavia, ora si scopre che anche i legami più forti non possono svolgere un ruolo decisivo se le élite al potere imparano a non pensare solo alla propria sopravvivenza.

Un altro fattore importante è la stanchezza della maggioranza dei paesi in via di sviluppo nei confronti dell’arroganza e dello sfruttamento occidentale in tutte le sue forme. Ciò è particolarmente evidente nelle ex colonie europee e nei territori dipendenti. Le élite polacche, baltiche o ucraine si identificano con l’Occidente, anche se rimangono nelle sue profondità inferiori. Possono facilmente sacrificare i loro paesi per gli interessi degli Stati Uniti. Lo ha chiarito pochi giorni fa il presidente della Polonia, Andrzej Duda, osservando che “ l’imperialismo russo può ancora essere fermato a buon mercato perché i soldati americani non muoiono ”.

Tuttavia, in pratica, la disponibilità di ucraini, polacchi o baltici a sacrificarsi non significa nulla di buono per gli Stati Uniti e l’Europa. In primo luogo, mostra che la cerchia di persone veramente suicide nella comunità mondiale è piuttosto piccola e che difficilmente si trovano imbecilli in altri continenti. In secondo luogo, i suicidi dell’Europa orientale sono abbastanza deboli anche per combattere contro la Russia, per non parlare del dominio del mondo. Contro la Cina, l’Occidente conta sul Giappone. Tuttavia, la situazione non è così chiara e l’ascesa di Pechino potrebbe convincere Tokyo a non commettere errori fatali per lui.

L’assenza di vittorie significative sulla scena internazionale e soprattutto della volontà di pagare generosamente i propri alleati porta all’indebolimento del potere dell’Occidente negli affari mondiali.

Fonte: Observateur continental

Traduzione: Gerard Trousson

4 commenti su “Fallisce il tentativo occidentale di prendere il controllo del Niger

  1. Ma questi 4 negri di che armenti dispongono ? Hanno in vero esercito ? Aviazione , fanteria etc . A parte le Mitragliatrici sulle jeep , gli ak47 e i machete … non so’ se hanno una vera contraerea e dei sistemi protettivi in grado di sostenere un attacco militare … sapete dirmi di più , grazie

  2. un africano mi raccontava di come il suo e altri paesi vicini ad esso fosse diviso in tribù, di cui una dominante, supportata dai paesi ricchi che fanno affari sul territorio. Lui, laureato e docente nella locale università era naturalmente membro della tribù dominante, ma non approvava questa situazione. La caduta del nuovo colonialismo ne cancellerà gli schemi e descriverà una nuova geografia politica per l’Africa? Verranno i giorni della libertà per tutti gli africani? Su queste divisioni si giocherà il crudele gioco della guerra per procura fra aspiranti superpotenti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM