Fallimento di US Patriot ADS e Western Combat Systems. Kiev possiede i mezzi per vincere il conflitto?


La dura verità è che Kiev rimane incapace di creare un unico sistema di controllo o un’interfaccia per i vari sistemi di difesa aerea occidentali e le loro diverse componenti.
Il 16 maggio, l’Ucraina ha affermato che le sue difese aeree hanno intercettato sei missili ipersonici Kinzhal russi e li hanno abbattuti tra uno sbarramento “eccezionalmente denso” sparato, presumibilmente grazie all’arrivo dei Patriots, tra gli altri sistemi di combattimento occidentali. I Kinzhal dovrebbero essere in grado di superare tutti i sistemi di difesa aerea esistenti, e Mosca nega che i suoi Kinzhal siano stati intercettati.

Kiev afferma inoltre di aver abbattuto 29 dei 30 razzi russi il 18 maggio, un numero ovviamente gonfiato. Tuttavia, una struttura infrastrutturale ucraina a Khmelnytskyi è stata colpita da un missile, senza che siano state segnalate vittime. Lo sbarramento è arrivato in risposta ai progressi di Kiev a Bakhmut. Secondo quanto riferito, le forze ucraine si stanno preparando a lanciare una controffensiva. I sistemi di difesa dell’Ucraina, tuttavia, non dovrebbero essere sopravvalutati.

Mentre le potenze occidentali stanno finalmente arrivando a rendersi conto che Kiev semplicemente non possiede i mezzi necessari per vincere il conflitto in corso, si scrive molto sulle difese aeree occidentali presumibilmente fondamentali per la vittoria occidentale nella sua guerra per procura nell’Europa orientale contro Mosca . Nonostante le smentite ucraine, i funzionari americani hanno confermato che il Patriot di fabbricazione statunitense è stato effettivamente danneggiato dagli attacchi russi. Secondo il ministero della Difesa russo, il 16 maggio Kinzhal ha distrutto un sistema di difesa missilistico Patriot (cinque lanciatori e un radar multifunzionale). Questo è uno dei più avanzati sistemi di difesa aerea degli Stati Uniti.Pur cercando di minimizzare i danni, le autorità statunitensi parlando a Reuters a condizione di anonimato hanno affermato che avrebbero una migliore comprensione della situazione “nei prossimi giorni” e che “le informazioni potrebbero cambiare”.

La capacità di difesa aerea di Kiev è minacciata
Nei giorni scorsi, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è stato impegnato in tournée in diversi paesi europei e finora gli sono stati promessi miliardi di dollari in attrezzature militari da alleati come il Regno Unito (UK) e la Francia. Quanto possono fare di diverso quelli?

La dura verità è che Kiev non è ancora in grado di creare un unico sistema di controllo o un’interfaccia per i vari sistemi di difesa aerea occidentali e le loro diverse componenti, poiché questi possiedono una vasta gamma di caratteristiche funzionali e quindi sono scarsamente integrati nei sistemi già esistenti. Ciò significa che funzionerebbero in modo inefficace se inseriti in un unico circuito. I sistemi antiaerei della NATO possono controllare completamente un settore definito dello spazio aereo alla volta, ma non possono intercettare missili operativi-tattici che si muovono lungo una traiettoria aerobalistica, come il Kinzhais ipersonico russo. Per l’Ucraina sarebbe quindi necessario costruire un sistema completamente nuovo, il che non è un compito semplice durante uno scontro, per non parlare del farlo abbastanza velocemente.

Inoltre, secondo il giornalista della difesa e IR S. Tiwari dell’EurAsian Times, i sistemi Patriot, IRIS-T e NASAMS non possono proteggere le truppe ucraine dalle bombe guidate, come quelle massicciamente utilizzate dalle forze russe. Il tenente colonnello ucraino Denis Smazhny, uno specialista della difesa aerea, a sua volta ha confermato la scarsa efficacia dei complessi NASAMS e IRIS-T inviati dagli Stati Uniti (forniti dalla Germania) per affrontare missili balistici russi come Iskander e Kinzhal. Le armi russe, a differenza dei missili da crociera, sono in grado di salire ad altitudini molto elevate per cadere quasi verticalmente sul bersaglio a grande velocità. Pertanto, bersagliarli in volo è molto difficile. Come farli cadere quando in realtà stanno “già cadendo”?

Missile ipersonico Kinzhal

Pertanto, nelle parole del colonnello Smazhny, “i sistemi di difesa aerea occidentali non saranno in grado di proteggerci”. Anche con i sistemi occidentali, creare rapidamente un sistema integrato ed efficace per la difesa dello spazio aereo è a dir poco una sfida per l’Ucraina. Questo è il motivo per cui Kiev ha puntato su un sistema israeliano chiamato Iron Dome, che potrebbe soddisfare meglio le sue esigenze. Tuttavia, le questioni militari e tecniche sono spesso intrecciate con questioni politiche e diplomatiche.

Durante una sessione della sottocommissione per le forze armate del Senato degli Stati Uniti sulle forze strategiche (su questioni di difesa missilistica), la scorsa settimana, il senatore americano Angus King ha chiesto perché l’Iron Dome non fosse stato schierato nella nazione dell’Europa orientale. La risposta è abbastanza semplice: il principale produttore di tali sistemi è Israele e quindi dovrebbe concedere a Washington il permesso di inviarlo in qualsiasi altro paese, come l’Ucraina. Nonostante diverse richieste, ciò non è avvenuto.

Tel Aviv vede la Russia come una grande potenza regionale con la quale deve impegnarsi in una serie di questioni in Medio Oriente. Per prima cosa, Mosca e Tel Aviv hanno attualmente un rapporto di lavoro nel Levante, e lo stesso primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato di non avere motivo di danneggiare le relazioni bilaterali. Inoltre, anche se l’approvazione israeliana dovesse avvenire, il che rimane improbabile, ciò non farebbe necessariamente una grande differenza se non quella simbolica: le armi russe sono davvero più sofisticate dei razzi palestinesi che l’Iron Dome abbatte regolarmente. Per avere un impatto enorme, l’Ucraina avrebbe bisogno di dozzine di Iron Dome, che attualmente non esistono.

Oltre a queste questioni militari, l’Ucraina sta lottando con una crisi politica interna in mezzo a diversi scandali di corruzione. Questa settimana, ad esempio, il presidente della Corte Suprema, il capo della giustizia Vsevolod Knyazev, è stato rimosso dal suo incarico per accuse di corruzione per un importo di 2,7 milioni di dollari. Inoltre, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato la scorsa settimana che non si impegnerà a sostenere Kiev, se dovesse vincere la nomina presidenziale repubblicana e le prossime elezioni. Nonostante le controversie legali , Trump rimane un chiaro favorito repubblicano, mentre i senatori repubblicani si oppongono sempre più all’avanzamento degli aiuti per l’Ucraina e alcuni, come il senatore JD Vance, chiedono di indagare su un possibile programma di riciclaggio di denaro democratico in Ucraina .

Uriel Araujo è un ricercatore specializzato in conflitti internazionali ed etnici

Fonte: Global Research

Traduzione: Gerard Trousson

*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM