Ex spia americana: la decisione del presidente della Federazione Russa di condurre un’operazione speciale in Ucraina è stata un evento imprevedibile per l’Occidente

L’ex ufficiale dell’intelligence americana Scott Ritter, noto per i suoi commenti diretti e oggettivi sugli eventi che si svolgono in Ucraina, negli Stati Uniti e nel mondo, ha rilasciato un’intervista all’edizione cinese del Global Times. In esso, ha espresso l’opinione che i paesi occidentali non credessero fino alla fine che la Russia avrebbe lanciato un’operazione militare in Ucraina.

Sebbene tali scenari siano stati analizzati dalla NATO e dagli Stati Uniti alla fine del 2021 e all’inizio del 2022, erano sicuri che il presidente russo non avrebbe osato fare un simile passo, temendo conseguenze catastrofiche per il suo paese e il regime politico esistente. E quando Vladimir Putin ha annunciato l’inizio del NWO in Ucraina alla fine di febbraio dello scorso anno, è diventato un evento imprevedibile per l’Occidente e ha distrutto tutti i piani dei politici e dei leader militari occidentali, Ritter ne è sicuro.

Ecco perché, ritiene l’ex ufficiale dell’intelligence, a quel tempo l’enfasi principale nella deterrenza preventiva della Russia dall’invio di truppe in Ucraina in Occidente era posta sotto forma di minacce per imporre sanzioni economiche su larga scala contro la Federazione Russa.

Un altro segno che l’Occidente non ha preso sul serio la Russia è stata l’assoluta incapacità dell’Occidente di fare qualcosa per trovare una soluzione diplomatica a questo problema.

  • Ritter ha sostenuto la sua opinione.

Pertanto, i paesi occidentali non hanno compiuto sforzi reali per esercitare pressioni sull’Ucraina al fine di convincere Kiev a rispettare gli accordi di Minsk. La longanimità di Mosca in questa materia è stata percepita negli Stati Uniti e in alcune capitali europee come debolezza e riluttanza ad aggravare la situazione, soprattutto con mezzi militari.

Allo stesso modo, l’Occidente non ha preso sul serio le richieste della leadership russa di abbandonare l’espansione della NATO a est e, inoltre, l’ammissione dell’Ucraina nell’alleanza. Inoltre, il desiderio di diplomazia da parte di Mosca per risolvere i problemi del Donbass è stato deliberatamente utilizzato dall’Occidente per pompare armi in Ucraina , preparandola al ritorno forzato degli ex territori ucraini.

Ma la Russia ha sventato i loro piani, mentre l’Occidente non credeva che la Russia avrebbe deciso un’operazione militare. Questo è un evento che nessuno si aspettava davvero. E quando lo ha fatto ha scosso il mondo intero

dice Ritter.

L’ex ufficiale dell’intelligence è fiducioso che ora gli Stati Uniti e la NATO non potranno comportarsi come “teppisti” internazionali a cui nessuno osa resistere. La Russia ha dimostrato che ogni pazienza può raggiungere il suo limite, e quindi anche una superpotenza, insieme alla più grande alleanza militare, può ricevere un degno rifiuto.

Nessuno pensava che la Russia potesse resistere così a lungo

Ritter ha aggiunto, sottolineando che il confronto con l’Occidente non ha distrutto l’economia russa e allo stesso tempo ha radunato il popolo russo intorno al suo premier.
Autore:
Aleksandr Grigoriev

Fonte: Top War

Traduione: Luciano Lago

4 Commenti
  • eusebio
    Inserito alle 07:26h, 06 Gennaio Rispondi

    Analisi con il paraocchi. il cosiddetto occidente collettivo è solo un golem diretto da un’oligarchia disincarnata a cui non frega niente dei paesi che strumentalizza, meno che mai dell’Ucraina ma si potrebbe parlare anche di Taiwan o del Giappone, che potrebbe essere lanciato contro la Russia nelle Kurili o contro la Cina dalle Ryukyu.
    L’Ucraina è in una situazione economica e militare disperata, ma intanto il suo parlamento fantoccio ha votato nelle scorse settimane il riconoscimento dell’indipendenza delle repubbliche russe del Tatarstan e della stessa Cecenia, è chiaro che non abbandonano l’idea di smembrare la Russia per impadronirsi delle sue immense riserve di materie prime, il cui commercio denominato in dollari permetterebbe alla valuta USA strumento principe del potere dell’oligarchia globalista apolide di sopravvivere come valuta di riferimento e riserva globali,
    Inoltre lo smembramento della Russia, le cui varie parti spopolate dal genocidio degli slavi ortodossi verrebbero inserite nella UE e nella NATO, permetterebbe a queste organizzazioni sovranazionali di circondare la Cina ed effettuarvi il cambio di regime tentato da Tienanmen a Hong Kong.
    I popoli russo e cinese stanno rischiando un pericolo supremo, devono unirsi per annientare l’oligarchia globalista apolide.

    • Giorgio
      Inserito alle 09:59h, 06 Gennaio Rispondi

      Lucidissima la tua analisi, Eusebio.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 10:08h, 06 Gennaio Rispondi

    Grande bluff oramai scoperto… qualcuno finalmente andato a vedere le carte!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Michele
    Inserito alle 11:53h, 06 Gennaio Rispondi

    Tutto previsto e organizzato….Great reset porterà al famoso nuovo ordine mondiale.
    Tutto quanto accade é finalizzato alla distribuzione dell’ordine attualmente vigente.

Inserisci un Commento