"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Ex presidente ceco: “l’Europa è indebolita dall’utopia della sinistra”

L’Europa “onnicomprensiva” (all Inclusive) indebolita dagli esponenti della sinistra che promuovono le migrazioni di massa – ex presidente ceco.
L’Europa è stata indebolita da una “utopia della sinistra mondialista” che promuove l’idea delle migrazioni di massa e cerca di trasformare gli europei in “clienti dipendenti”, ha scritto l’ex presidente ceco Vaclav Klaus nel suo nuovo libro euroscettico.

L’afflusso di migranti “è paragonabile alle invasioni” barbariche “del mondo antico che hanno causato una regressione su larga scala nello sviluppo dell’Europa, che ci sono voluti diversi secoli per superare” , Klaus, che è stato presidente della Repubblica Ceca dal 2003 fino 2013, ha scritto in una introduzione al suo libro “Europe All Inclusive”, pubblicato all’inizio di marzo.

Alcuni dei principali responsabili della crisi europea non sono altri che i partiti di sinistra, secondo Klaus. “L’Europa è indebolita dall’utopia della sinistra che cerca di trasformare un continente che un tempo era orgoglioso del suo passato in uno stato inefficiente di solidarismo, trasformando i suoi abitanti dai cittadini in clienti dipendenti”, ha affermato l’ex alto funzionario.

Secondo l’ex presidente ceco, il continente europeo e soprattutto la sua parte “integrata” è ” crivellato di ipocrisia”, di ” pseudoumanesimo” e “in definitiva suicida, per effetto delle ideologie del multiculturalismo” . Queste ideologie “promuovono la nozione che la migrazione per un essere umano sia giusto, e che il diritto di migrare porti  a ulteriori diritti e diritti, compresi i sussidi per i migranti per il benessere sociale “, ha affermato.

Vaclav Klaus ex presidente ceco

Klaus ha denunciato “le attuali élite europee” che difendono e diffondono irresponsabilmente tali ideologie. “Le conseguenze di tali attività non sono ancora pienamente comprese e riguardano direttamente loro o le loro famiglie. I loro leader probabilmente pensano che il disastro non accadrà mai perché la loro era non sarà seguita da infami inondazioni bibliche “, ha concluso l’eminente euroscettico.

Eppure questa ondata migratoria è “ancora lontana dal raggiungere il suo picco”, prevede il 76enne, le cui opinioni euroscettiche sono state articolate in numerosi articoli e discorsi. Insiste sul fatto che l’attuale crisi migratoria è un fenomeno grave e “fortemente sottovalutato”.

Rispondendo ad una domanda, Klaus ha dichiarato: “La migrazione di massa non è chiaramente un processo spontaneo. È qualcosa che è organizzato dalle élite politiche dell’Unione europea. Chi ha letto il mio libro “Migration of Peoples” (non ancora tradotto in inglese), probabilmente avrà capito che sottolineo una distinzione tra migrazione di massa e migrazione individuale. La migrazione di massa crea conflitti culturali, sociali e politici, shock e tensioni. Mina la struttura della società che si è sviluppata gradualmente nel corso dei secoli, forse anche di millenni”.
La migrazione di massa è un fenomeno completamente diverso rispetto a quella individuale. La natura socievole della migrazione di massa rende il processo decisionale molto meno importante di quanto non lo sia durante la migrazione individuale. La migrazione di massa ha anche l’effetto di cambiare gli obiettivi dei migranti. L’obiettivo non è più quello di essere assimilato nel nuovo mondo, ma quello di rafforzare il proprio vecchio modo di vivere nel nuovo contesto d’arrivo.

Migranti prelevati dai barconi

Ciò che è nuovo con la migrazione di massa, è la volontà dei migranti di beneficiare solo dei vantaggi a loro disposizione. Anche al lavoro spesso è la volontà di estendere la propria identità culturale al paese ospitante e di trasformare questo gradualmente secondo la propria tradizione. Tale trasformazione non è l’intenzione principale di ogni migrante. Ma questa intenzione incoraggia gli attivisti politici o religiosi.

La migrazione di massa a cui stiamo assistendo oggi in Europa non coinvolge l’individuo, ma la folla, il collettivo, il gruppo. La misericordia verso la sofferenza individuale del migrante ha senso solo con la migrazione individuale. La folla, il comportamento di massa non merita la stessa considerazione. Tuttavia, dovrei ricordare che non sto combattendo i migranti. Sto combattendo le élite politiche europee, a cominciare da Jean-Claude Juncker e Angela Merkel. Quelli sono i miei avversari, i miei nemici.

I partiti politici di sinistra in tutta Europa hanno recentemente subito numerose sconfitte schiaccianti alle elezioni. Le prospettive euroscettiche, anti-immigrazione e anti-establishment sembrano essere sempre più attraenti per il pubblico rispetto ai punti di vista di sinistra.

La scena politica italiana è stata l’ultima a vedere gli elettori abbandonare il centro-sinistra di governo e rafforzare le forze anti-establishment. Esperti politici ritenevano che la scossa fosse radicata nella questione della migrazione.

Klaus ha dichiarato che lui restituirebbe la sovranità con la difesa dello Stato nazionale. “Credo davvero nello Stato nazione, quindi sono così critico nei confronti delle ambizioni continentali di molti funzionari europei. Non credo nell’Unione europea o nell’integrazione europea. Questo è per me il punto di partenza”, ha detto Klaus.
“Per me, lo Stato nazione è l’unico modo possibile per avere democrazia. La democrazia semplicemente non può esistere ad un livello più alto, come nei continenti, per non parlare della democrazia globale nel mondo. Quindi, il mio punto di partenza è lo stato nazione, la difesa dello stato nazione per combattere l’integrazione continentale”, ha concluso l’ex presidente ceco.

Nota: Non si può dire che Vaclav Klaus non abbia le idee chiare, lui ha compreso bene l’essenza di quello che sta accadendo in Europa al contrario di molti dei politici e premiers della UE che hanno acclamato all’idea della società aperta e multiculturale, mentre alcuni di loro intascano i finanziamenti di George Soros alle loro organizzazioni politiche. Questo spiega gli slogan di “Più Europa” che alcuni politici utilizzano nelle loro campagna di propaganda.

Fonte:  VDare.com

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. atlas 3 settimane fa

    ‘sinistra mondialista’ significa uno dei lati peggiori della deformità marxisma. Bene lo Stato Nazione, ma ‘democrazia’ è un termine che mi disturba persino leggere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 settimane fa

      ‘marxista’. Anche le dita si sono rifiutate di scrivere bene questa ideologia di melma

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. HERZOG 3 settimane fa

    Prima regola diffidare di tutti. I cechi sono le guardie EBREE nell’europa centrale ,hanno accoppato piu di 1,5 milionedi tedeschi dei Sudeti allo sbando piu completo,questi politici vi dicono sempre qualcosa ma non tutta LA verita sono dei ventriloqui dei burattini che parlano ad un comando del Ghetto,tutti massoni impestati che lavorano per chi li paga e cioe’ LA Sinagoga di Satana ,stampano denaro per tutti I governi del mondo e voi coyote non Capite niente,vi ricordate Strauss khan presidents delfondo monetario international trovato con una cameriera a fornicare ,Ebreo pure lui e Weinstein quelli di Hollywood che Meryl streep chiamava” Dio”,ebreo pure lui, non Capite niente sapete solo belare sul Computer massa di masse ,almeno atlas da troll decelebrato cerca di metter qualche pensiero sconnesso si Sforza e’ammirevole fa un po come l’unltimo in classifica ormai retrocesso gioca lo stesso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. XD 3 settimane fa

      Lasciando perdere le sue opinioni su personaggi dello spettacolo o della politica coinvolti in scandali sessuali, o persino su Atlas che sarebbe il troll di turno, io mi soffermerei sul semplice concetto che ha espresso questo ex presidente che ovviamente in quanto politico è comunque da ascoltare con le dovute cautele, esprime in ogni caso un concetto chiaro che personalmente io dai nostri politici di turno non ho sentito mai esprimere, pecore belanti quelle sì, al servizio delle elite!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. atlas 2 settimane fa

      Herzog: Strauss era innocente (almeno per la violenza carnale … ), ma la donna che lo accusò ingiustamente è stata poi condannata ?

      Come mai non scrivi mai contro gli usa e getta ? Lì è il centro del male eppure ci scrivi sempre le solite cose che tutti, forse tranne solo xd, sappiamo

      perché non ti trovi una brava ragazza ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. max tuanton 3 settimane fa

    Anche lei XD non abbia smania nel giudicare, rifletta prenda tempo io ci sono stato tre lunghi anni prima di gridare ai 4 venti quel che ho scoperto ,deve imparare a leggere tra le righe mi spiego meglio esempio: tutti I siti sono gestiti da massoni e ebrei percio non verra mai niente di buono nessuna notizia importante da quel covo di traditori ,esempio academia Della liberta con LA star pucciarelli che si dichiara lui stesso massone Basta digitare :” pucciarelli gianpaolo massoneria” video di 52 minuti lo dice subito a inizio intervista,a dire I’ll vero lui e’ anche onesto lo dice subito chi e’ !Ma sa XD quantity si nascondono dietro nomignoli oppure con LA chutzpah come Chiesa vi sfornano bugie confeziomate ad Arte o il Biglino altro ospite dei rotary club ( massoneria)in giro per l’italia , XD non e’ riferito a lei ( spero)ma in generale: non capite niente ,lo dico xche’ cominciare a comprenderlo e’ gia un primo passo ,tutte le scuole o universita sono sotto l’influsso giudaico massonico non c’e’da stupirsi se sieye dei loro automi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. XD 3 settimane fa

      Non posso che darle ragione per i concetti da lei espressi.. è vero documentandomi ho “scoperto” che per esempio la massoneria è infiltrata in tantissimi posti prima ne sapevo ben poco…io mi riferivo semplicemente al discorso di questo ex presidente che anche se per molti dice l’ ovvio per altri è un discorso quasi inconcepibile, visto il metro di pensiero del political correct che ormai pervade la maggior parte delle persone…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eugenio Orso 2 settimane fa

    Io, che della democrazia me ne impippo, trattandosi si un sistema politico in mano all’élite, dico che lo stato-nazione sovrano, con propria moneta, è la sola speranza conosciuta per avere la tutela dell’occupazione e un minimo di giustizia sociale, tutto il resto – multiculturalismo, mercato sovrano, globalizzazione, pratiche liberiste, sopranazionale – è sfruttamento e manipolazione.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace