Ex intelligence israeliana: “Nasrallah non avrà bisogno di missili di precisione”

L’ex capo della divisione di intelligence militare all’interno dell’esercito israeliano, Amos Yadlin, ha parlato ancora una volta della terribile situazione interna di questo regime e ha messo in guardia contro il suo crollo.

Sentiva che Hezbollah non aveva bisogno di sviluppare missili di precisione, perché il regime israeliano potrebbe venire disintegrato dall’interno.

“Il segretario generale libanese di Hezbollah, Sayed Hassan Nasrallah, considerava Israele più fragile di una tela di ragno. Hezbollah non avrà bisogno di sviluppare missili di precisione, perché ci stiamo sgretolando dall’interno”, ha riconosciuto Yadlin. Richiamando il tenore del discorso del Segretario Generale di Hezbollah, durante la celebrazione della liberazione del sud del Libano, il 25 maggio 2000. Una descrizione profondamente radicata nella memoria collettiva israeliana.
Yachiam Sasson, ex capo dello staff antiterrorismo, ha lanciato l’allarme per le operazioni palestinesi e la morte di soldati e coloni israeliani. Ha detto che gli autori di queste operazioni non hanno paura di compiere attacchi che richiedono sacrifici.
“Dagli attacchi con le pietre, siamo passati alle pugnalate e ora stiamo assistendo ad attacchi con armi da fuoco e proiettili”, ha ammesso. Stiamo certamente assistendo a un processo di escalation molto serio che si sta intensificando. Questi sono pericoli individuali o singole unità che non sono collegate a nessun gruppo palestinese. »

Forze della resistenza palestinese

In un articolo, il quotidiano israeliano Haaretz ha fatto riferimento al recente discorso pronunciato dal segretario generale di Hezbollah Sayed Hassan Nasrallah in memoria dei leader martiri, dove ha diagnosticato una debolezza interna di Israele, nel contesto della vasta crisi legislativa e politica.
“Le sue parole hanno accompagnato misure sul campo, compreso l’arrivo di sistemi di difesa aerea iraniani in Libano, che hanno minato la superiorità aerea dell’aviazione israeliana su quel fronte, oltre al dispiegamento di decine di punti di osservazione di Hezbollah lungo il confine con il Libano. »

“Gli stessi israeliani forniscono a Sayed Nasrallah la vena di tale deduzione”, ha scritto il quotidiano Maariv, osservando che “di settimana in settimana, le crisi all’interno di Israele stanno peggiorando”.

Durante la celebrazione della liberazione del Libano meridionale il 25 maggio 2000, Nasrallah ha descritto Israele come “più febbricitante di una tela di ragno”. Da quando è stata pronunciata, questa descrizione è rimasta impressa nella memoria collettiva israeliana.

Fonti giornalistiche hanno riferito mercoledì mattina 1 marzo che le forze della Resistenza palestinese hanno effettuato 61 operazioni contro israeliani nelle ultime 24 ore.

Secondo il Maata Palestine Information Center, la Cisgiordania è stata teatro di 12 sparatorie, 5 bombe molotov, l’incendio di due veicoli di coloni, 13 scontri con coloni, la distruzione di 9 veicoli e l’esplosione di 20 punti di scontro.

Il Maata Palestine Information Center ha riportato nel suo rapporto periodico su 1.177 operazioni della Resistenza in Cisgiordania e Al Quds durante il mese, che hanno provocato la morte di 8 israeliani e il ferimento di 43 soldati e coloni.
Le forze della resistenza palestinese, nonostante al dura repressione dell’esercito israeliano, i martiri caduti negli scontri, non demordono e non lasciano tregua alle forze occupanti.

Fonte: Press Tv

Traduzione; Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus