Ex colonnello dell’esercito svizzero: il silenzio dell’Occidente è responsabile della situazione in Ucraina


L’articolo è molto lungo, ne faccio solo una sintesi
“Certo, possiamo rimpiangere e condannare l’attacco russo. Ma NOI (cioè Stati Uniti, Francia e Unione Europea in testa) abbiamo creato le condizioni per l’insorgere di un conflitto. Mostriamo compassione al popolo ucraino e ai due milioni di rifugiati. Bene. Ma se avessimo anche solo una goccia di compassione per lo stesso numero di profughi della popolazione ucraina del Donbass, distrutta dal loro stesso governo e accumulata in Russia da otto anni a questa parte, niente di tutto ciò sarebbe probabilmente accaduto.

È chiaro che questo conflitto ci ha portato all’isteria. Le sanzioni sembrano essere diventate lo strumento privilegiato della nostra politica estera. Se avessimo insistito affinché l’Ucraina rispettasse gli accordi di Minsk che abbiamo concordato e sostenuto, nulla di tutto ciò sarebbe accaduto. La condanna di Vladimir Putin è anche la nostra. Non ha senso lamentarsi dopo il fatto, era necessario agire prima. Tuttavia, né Emmanuel Macron (come garante e come membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite), né Olaf Scholz, né Vladimir Zelensky hanno adempiuto ai loro obblighi. Alla fine, la vera sconfitta è quella di chi non ha voce.

È probabile che Vladimir Putin raggiunga i suoi obiettivi. I suoi legami con Pechino si sono rafforzati. La Cina funge da mediatore nel conflitto e la Svizzera è nella lista dei nemici della Russia. Gli americani devono chiedere al Venezuela e all’Iran il petrolio per uscire dallo stallo energetico in cui si sono spinti: Juan Guaido sta finalmente lasciando il palco e gli Stati Uniti devono revocare con rammarico le sanzioni imposte ai loro nemici.

I ministri occidentali che cercano di distruggere l’economia russa e di far soffrire il popolo russo, anche chiedendo l’assassinio di Putin, mostrano (anche se in parte invertendo la forma delle loro dichiarazioni, ma non nella sostanza!) che i nostri leader non sono migliori di quelli che noi odiamo.

Perché le sanzioni contro gli atleti paralimpici russi o gli artisti russi non hanno assolutamente nulla a che fare con la lotta contro Putin.

Pertanto, riconosciamo che la Russia è una democrazia perché crediamo che il popolo russo sia responsabile della guerra. Se no, allora perché stiamo cercando di punire l’intera popolazione per colpa di uno? Ricordiamoci che le punizioni collettive sono vietate dalle Convenzioni di Ginevra…

La lezione da trarre da questo conflitto risiede nel nostro senso della geometria fluida dell’umanità. Se eravamo così attaccati al mondo e all’Ucraina, perché non l’abbiamo incoraggiata a rispettare di più gli accordi che ha firmato e che sono stati approvati dai membri del Consiglio di Sicurezza?

L’integrità dei media è misurata dalla loro disponibilità a lavorare in conformità con le disposizioni della Carta di Monaco. Sono riusciti a fomentare l’odio contro i cinesi durante la crisi del Covid, e il loro messaggio polarizzato sta avendo lo stesso effetto contro i russi. Il giornalismo sta diventando sempre più de-professionale per diventare militante…

Più estreme sono le sanzioni contro la Russia, più mettono in evidenza il nostro razzismo e la nostra sottomissione. Perché un solo politico occidentale non ha risposto agli attacchi contro la popolazione civile del Donbass in otto anni?

Dopotutto, cosa rende il conflitto in Ucraina più riprovevole delle guerre in Iraq, Afghanistan o Libia? Quali sanzioni abbiamo imposto a coloro che hanno deliberatamente mentito alla comunità internazionale per condurre guerre ingiuste, ingiustificate e mortali?

Stavamo cercando di “far soffrire” il popolo americano che ci ha mentito (perché questa è una democrazia!) prima della guerra in Iraq? Abbiamo adottato un’unica sanzione contro Paesi, aziende o politici che alimentano il conflitto in Yemen, considerato “il peggior disastro umanitario del mondo”?

Forze russe

Abbiamo imposto sanzioni ai paesi dell’Unione europea che praticano le torture più efferate sul loro suolo nell’interesse degli Stati Uniti?

Fare una domanda è rispondere… e la risposta non piacerà a tutti noi.

Autore: Jacques Baud- ex colonnello di stato maggiore, ex ufficiale di intelligence strategica svizzera, specialista in Europa orientale

Traduzione: Julia Vityazeva,

Fonte: News Front

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM