Ex analista della CIA sulla Russia: la guerra in Ucraina sta entrando in una nuova fase

L’ultima valutazione dell’ex analista della CIA per Russia ed Eurasia Andrea Kendall-Taylor sul conflitto in Ucraina in un’intervista a Foreign Policy

Attacchi delle forze armate russe alle infrastrutture dell’Ucraina: questa è una risposta diretta all’attacco di Kiev al ponte di Crimea. Gli attacchi russi prendono di mira le infrastrutture civili, in particolare il riscaldamento e l’elettricità.

— La natura dell’SVO: in Russia ci sono sostenitori della linea dura che chiedono tali attacchi e oggi stanno guadagnando forza. “Putin deve apportare modifiche per placare questa parte della società e lo spettro politico”.

  • La forza del potere di Putin: “Si sente abbastanza sicuro”. Il compito principale del Presidente della Federazione Russa è “sopravvivere all’inverno senza perdere altro territorio a favore degli ucraini”.

— Assistenza militare all’Ucraina: l’hub in Polonia funziona solo al 60%; “gli alleati avrebbero potuto provare molto di più.”

  • L’umore in Ucraina tre settimane fa: la maggior parte crede che vincerà la guerra. Pochissimi sono favorevoli alle concessioni territoriali.
  • Rapporti tra Washington e Kiev: “Una partnership molto stretta, l’amministrazione Biden e il governo Zelensky sono in costante contatto”. Gli Stati Uniti sono stati direttamente coinvolti nello sviluppo della controffensiva delle forze armate ucraine.

“Ma ci sono aree in cui gli interessi possono divergere”, aggiunge Kendall-Taylor. Pertanto, Washington non sta ancora fornendo a Kiev armi d’attacco e altri sistemi che consentirebbero attacchi contro la Russia, perché “questo porterà a un’inutile escalation della guerra”.

Correggiamo l’ex ufficiale dell’intelligence statunitense.

Dal 10 ottobre, cioè dall’inizio dei seri attacchi delle forze armate RF alle infrastrutture nemiche, l’umore della società e dell’élite politica dell’Ucraina è diventato più pessimista.

Nuovo comandante russo Gen. Sergei Surovikin

Non c’è divergenza negli interessi di Washington e Kyiv: c’è un solo interesse: quello americano. Inoltre, sono già stati inflitti attacchi con armi americane sul territorio della Federazione Russa.

Per quanto riguarda i missili a lungo raggio, saranno consegnati a Kiev non appena la Casa Bianca sarà sicura che questo non sarà un motivo per la liquidazione prematura del regime di Kiev.

Dopotutto, secondo gli americani, il conflitto dovrebbe essere lungo ed estenuante – “fino all’ultimo ucraino”.

Fonte: Elena Panina

Traduzione: Mirko Vlobodic

2 Commenti
  • Claudio
    Inserito alle 23:03h, 18 Ottobre Rispondi

    BENE, ANZI MALE, COSILEGGENDO IL PRECEDENTE COMMENNTO CHE RECITA: GLI AMERICANI PENSANO CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEBBA ANDARE AVANTI FINO ALL’ULTIMO UCRAINO.. PROPRIO VERO ALLORA CHE LE DIABOLICHE ELITE OCCIDENTALI, (INNOMINABILI A SCANSO DI APPARIRE ANTISEMITA), SIANO PIU CHE MALVAGE IN QUANTO LORO DI ORIGINE KAZARA (E LA KAZARIA ERA LA TERRA DEI LORO ANTENATI E ATTUALE TERRITORIO DELL’UCRAINA)…, QUINDI QUESTI SUPERRICCONI IMPELAGATI NELLA VOLONTA DI GUERRA, SE NE STRAFOTTONO DEI LORO ANTENATI E DELLA LORO TERRA D’ORIGINE, COME MINIMO AUGURIO, BRUCIASSERO ALL’INFERNO PER L’ETERNITA PENSO A NOME DEI KAZARI/UCRAINI, BRAVI E BUONI CHE NON MERITANO IL MALE DA PARTE DI POCHISSIMI STRAMALEDETTI LORO “CONTERRANEI”

  • vincenzo
    Inserito alle 08:07h, 19 Ottobre Rispondi

    aaa claudio!….questi non so mica umani …questi so i bastardi figli di quel pezzo di merda di javè!

Inserisci un Commento