Ex ambasciatore francese a Washington: l’Europa ingannata non vede che è finita

L’ex ambasciatore francese negli Stati Uniti, Gérard Orr, ha ritenuto che ” tutti i segnali indicano che il futuro dell’umanità si giocherà altrove “.
In un articolo sul quotidiano britannico The Telegraph ha affermato: ” L’Europa ingannata non riesce a vedere che è finita “, aggiungendo: ” Noi europei siamo ancora convinti del ruolo centrale del nostro piccolo continente, non solo nella storia umana, ma nel plasmare il mondo oggi. Pensiamo a noi stessi. Siamo nobili, forti e di buona volontà ”.

Ha poi aggiunto che il periodo della vera potenza europea è stato in realtà “ solo una tappa storica ”, ricordando che “ il dominio europeo del mondo è avvenuto tra il 1815 e il 1945, ma da allora fino ad oggi noi eravamo direttamente dietro agli Stati Uniti ” .

Egli ha sottolineato che “ fino al 1750, il PIL della Cina era superiore a quello di qualsiasi paese europeo ”.

A Nuova Delhi e Pechino, ad esempio, ” durante la nostra egemonia eravamo considerati società in crescita, ,ma il riequilibrio economico in atto da decenni tra Europa e Asia è ormai percepito come ” solo un ritorno a una situazione storica di lunga data”. basi ”.
Secondo Gérard Orr, per gli Stati Uniti il ​​potenziale di crescita e le grandi sfide si trovano nell’Asia e quindi “ è logico che Washington si concentri su questo continente ”.

E continua: Washington ritiene anche che la Russia sia una ” potenza regionale e fonte di noia “, ma che ” non è al centro della sua attenzione “, sottolineando che ” Washington cerca piuttosto di porre fine alla guerra in Ucraina per affrontare con la vera minaccia: la Cina ”.
Orr si è chiesto: “ Siamo capaci noi europei di dimostrare che siamo ancora importanti, che non siamo una destinazione turistica marginale? »
E per rispondere: “ Ne dubito, e per un motivo molto particolare. Come francese che ha visto il suo Paese perdere gradualmente forza insieme al declino demografico, credo fermamente che la demografia sia quella che segna il destino ”.

Il diplomatico ha dichiarato: “ Su questa base, l’Europa si trova ad affrontare una situazione ‘senza precedenti’. La sua popolazione totale dovrebbe diminuire del 5% tra il 2010 e il 2050, ma del 17% tra i 25-64 anni. In effetti, la durata media della vita degli europei è di 81 anni, rispetto ai 78 anni degli Stati Uniti. Questa aumenta in media di 0,2 anni all’anno ”.
Orr ha spiegato che questo calo demografico comporterebbe “ una domanda inferiore e quindi una minore crescita e società meno dinamiche. In termini più precisi, questo fattore demografico minaccia il modello europeo, basato su un difficile compromesso tra Stato sociale e realtà economica ”.

Pensionati europei

Orr ha inoltre previsto che ” nei prossimi decenni il numero degli europei sopra gli 80 anni non potrà che quadruplicare”, spiegando che “l’invecchiamento significa spese sempre maggiori per la sanità e l’assistenza personale “.
E così, la crisi demografica, a sua volta, ” dividerà le nostre società tra persone in età lavorativa e pensionati, in un contesto in cui questi ultimi godono di un tenore di vita che i primi spesso non sperano di raggiungere ” ha osservato Orr.

La cosa più grave è che gli europei si scontreranno sulla questione dell’immigrazione. Gli esperti sono molto chiari nella loro valutazione: per superare il declino demografico in Europa non c’è altra alternativa all’immigrazione ”, ha sottolineato l’ex ambasciatore francese.
E ritiene che l’immigrazione dal vecchio continente ” non è particolarmente gradita, perché stiamo perdendo giovani con un alto livello di istruzione, che vanno soprattutto negli Stati Uniti, dove avranno migliori opportunità, sia nella ricerca, sia nel settore universitario o il settore privato ”.
Al termine del suo articolo concludeva: “ Tutti i segnali indicano che l’Europa si sta ripiegando su se stessa, ed è certo che il futuro dell’umanità sarà deciso altrove ”.

fonte: Al Manar

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Ex ambasciatore francese a Washington: l’Europa ingannata non vede che è finita

  1. Devo dire che in questo articolo ci sono tante verità e se siamo arrivati a questo è xchè chi ci ha governato dagli anni 70 in poi hanno commesso errori su errori molti volontariamente x distruggere il vecchio sostituendolo con un nuovo senza senso e di nessun valore volendo imporre nuovi valori contrari alle culture e agli usi dei vari popoli o nazioni, sostituendo il bello con degli obrobi spacciandoli x il nuovo, cercando la falsa bellezza rifacendo le tette i nasi gli zigomi ma tutto falso ma l’importante è apparire distogliendo le verità a favore della menzogna.

  2. Ho visto giovani europei partecipare con assai poco entusiasmo a competizioni internazionali dove i giovani cinesi facevano faville, pena la perdita del posto all’università, e i giovani USA gli stavano alle costole e anche le brave ragazzine iraniane. Che questo rilassamento dell’iniziativa nei giovani d’Europa dipenda dal gran numero di nonni viventi mi sembra arduo da affermare sebbene utile nel fornire una spiegazione facile alla portata di tutti. Vanno cercate altre cause. Un eccesso di garantismo? Scarsa competitività? Comunque d’accordo che è un problema serio e va studiato, seriamente.

    1. Il punto se la tecnologia aumenta è in grado di soddisfare i bisogni della società, non sono I nonni il problema, il problema è la società liberale che è sbagliata, e la politica è a rimorchio del capitale, credo che la soluzione sia il corporativo asiatico, l’attuale organizzazione è tornato pre rivoluzione francese. Quindi si può fare.chi ha orecchie capisca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM