Espulsa nave USA dal Mar Cinese Meridionale

L’Esercito Popolare di Liberazione Cinese ha espulso il cacciatorpediniere lanciamissili statunitense USS Benfold che è entrato nelle acque territoriali cinesi nel Mar Cinese Meridionale lunedì, il giorno che ha coinciso con il quinto anniversario della cosiddetta decisione Arbitrato del Mar Cinese Meridionale.

La sentenza Usa dimostra di continuare le sue provocazioni in nome della “libertà di navigazione” e con il lodo arbitrale illegale e invalido, ma la Cina sta dimostrando una forte determinazione e capacità – anche più di quanto non ce ne sia. La Cina ha cinque anni – per salvaguardare la sua sovranità e sicurezza, hanno detto gli esperti lunedì.

Senza il permesso del governo cinese, il cacciatorpediniere è entrato illegalmente nelle acque territoriali cinesi di Xisha e il comando del teatro meridionale dell’Esercito di liberazione del popolo cinese ha organizzato le forze marittime e aeree per rintracciarlo e monitorarlo, ha detto il colonnello Tian Junli, portavoce di il comando, in un comunicato diffuso lo stesso giorno, hanno affermato i media cinesi.

” Le isole Xisha sono un territorio intrinseco della Cina e la decisione dell’esercito americano ha gravemente violato la sovranità e la sicurezza della Cina, ha minato la pace e la stabilità nel Mar Cinese Meridionale e ha violato il diritto internazionale e le norme delle relazioni internazionali “, ha affermato Il colonnello Tian Junli, osservando cosa che  costituisce un’ulteriore prova convincente della militarizzazione americana nella regione con l’egemonia della navigazione.

“ Lo condanniamo fermamente e ci opponiamo con forza. Esortiamo gli Stati Uniti a fermare immediatamente tali provocazioni e a gestire rigorosamente le loro attività militari marittime e aeree, o gli Stati Uniti ne pagheranno le conseguenze ” , ha avvertito Tian Junli.

I tentativi da parte degli Stati Uniti a pressione e ottenere un vantaggio sulla Cina con mezzi militari nel Mar Cinese Meridionale non ci riusciranno, dicono gli analisti, i media cinesi  Global Times ha avvertito .

Nessun commento immediato è stato fatto dalla Marina degli Stati Uniti.

Il 12 luglio 2016, la Corte permanente di arbitrato dell’Aia ha stabilito che la Cina non aveva alcun titolo storico sul Mar Cinese Meridionale, una sentenza che Pechino ha detto che avrebbe ignorato, ricorda Reuters .

fonte: https://www.observateurcontinental.fr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM