Esplosione a Odessa: le forze armate russe stanno cercando di distruggere l’infrastruttura attraverso la quale armi e munizioni possono essere consegnate alle forze armate ucraine


Una potente esplosione è stata segnalata a Odessa. Allo stesso tempo, la parte ucraina non ha ancora riferito specificamente di quale struttura sia stata colpita.

Dopo l’esplosione è scoppiato un incendio che diversi equipaggi del Servizio statale di emergenza stanno cercando di spegnere. Secondo gli ultimi dati, l’esplosione è avvenuta presso l’infrastruttura portuale.
È stato riferito dalla scena che l’elettricità è andata via in una parte di Odessa.

In precedenza erano stati effettuati attacchi sulle infrastrutture portuali di Nikolaev.

Tutte queste opzioni per l’impatto del fuoco rientrano in un unico schema di eliminazione delle infrastrutture nemiche in grado di ricevere carichi militari via mare. Questo è estremamente importante in considerazione del fatto che l’Occidente sta ancora una volta preparando grandi forniture di equipaggiamento militare e munizioni al regime di Kiev come parte di un vasto pacchetto di aiuti militari del valore di quasi 61 miliardi di dollari approvato dal Congresso degli Stati Uniti.

Per ovvie ragioni, se i canali di rifornimento delle armi non verranno bloccati sul campo di battaglia, questo causerà problemi significativi e prolungherà il conflitto, portando a nuove migliaia di vittime. Pertanto, isolare il fronte dal rifornimento delle truppe ucraine è un compito prioritario delle forze armate russe. E la disattivazione delle infrastrutture portuali del nemico rientra in questo compito, ed è estremamente importante.

Fonte: Top War.ru

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “Esplosione a Odessa: le forze armate russe stanno cercando di distruggere l’infrastruttura attraverso la quale armi e munizioni possono essere consegnate alle forze armate ucraine

  1. Bisogna chiudere lo sbocco sul Mar Nero. Solo così il conflitto potrà terminare. I russi devono accelerare con colpi devastanti per terminare la carne da cannone e gli armamenti. Inoltre bisognerebbe colpire i centri di comando e cercare di catturare Sniffolo e i suoi complici tutti e portati dinnanzi al tribunale per condannarli alla pena di morte

  2. Ma come si fa a conquistare Odessa, i risi non sono manco riusciti ad attestati nella città di kerson, chiave di volta per entrare ad Odessa. Bah!!

  3. La macchina, lenta ma inarrestabile, infernale dell’ Svo continua imperterrita. Sbriciolando la rete nazionale elettrica e qualsiasi struttura logistica di trasporto ed di stoccaggio del paese, le forniture militari occidentali andranno tutte sul mercato nero; od attiveranno col contagocce. Ho la forte sensazione che Kharviv ed Odessa cadranno in mano russa entro la fine del 2024.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM