Esperto turco: la cooperazione Ankara-Mosca potrebbe frenare l’influenza degli Stati Uniti nella regione


“La Turchia è l’unico Paese Nato che continua a dialogare con la Russia”, ha sottolineato il politologo.
Il politologo turco, Onur Sinan Guzaltan, ha detto questo venerdì, nel corso di un’intervista a RT, che “la cooperazione russo-turca nell’area del Mediterraneo orientale potrebbe frenare l’influenza degli Stati Uniti nella regione”.

L’analista ha indicato che Ankara e Mosca stanno già collaborando in Siria e Libia, e che “l’area del Mediterraneo orientale potrebbe essere anche un campo di cooperazione tra Turchia e Russia”.
Allo stesso modo, Guzaltan ha ricordato il contratto firmato tra Russia e Turchia nel 2017 per la fornitura di sistemi missilistici antiaerei S-400 ad Ankara che, ha affermato, conferma che la Turchia ha “una politica indipendente” e sceglie con chi cooperare o da chi per comprare armi .

“La Turchia è un paese indipendente e sicuro che ha il diritto di acquistare armi o di cooperare con qualsiasi paese desideri”, ha affermato.

Ha anche sottolineato che il momento in cui la Turchia ha lanciato l’operazione militare in Siria e Iraq contro i gruppi terroristici legati agli Stati Uniti è stato anche il momento della ripresa dei negoziati sull’S-400.


“La Turchia potrebbe lasciare la NATO”
“La Turchia è l’unico Paese Nato che continua a dialogare con la Russia”, ha sottolineato il politologo, che collega questa realtà al fatto che “gli Stati Uniti. stanno cercando di fare pressione sulla Turchia” e stanno compiendo “tentativi di sabotare le relazioni turco-russe” .

“Abbiamo una politica indipendente, motivo per cui continuiamo a cooperare con la Russia”, ha sottolineato l’esperto. Ankara sta anche cooperando con altri paesi che sono “nella lista nera” di Washington, come l’Iran. Allo stesso modo, Guzaltan ha stimato che in futuro “la Turchia potrebbe lasciare la NATO”.

Dall’inizio dell’operazione speciale russa in Ucraina, la Turchia ha mantenuto una posizione non allineata sulle restrizioni unilaterali , motivo per cui Washington cerca di fare pressione su Ankara.

A settembre, le autorità statunitensi hanno avvertito le banche turche dei rischi di fare affari attraverso Mir, il sistema di pagamento russo, che ha portato questi soggetti a sospendere i pagamenti attraverso quel canale.
Queste pressioni non sono state accettate dal governo di Ankara.

Es.Fonte: New Front

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • nicholas
    Inserito alle 20:52h, 26 Novembre Rispondi

    La Turchi , pian piano, si sta allontanando dalla sfera occidentale.
    Alla fine resteremo solo noi Europei, gli unici amici/alleati degli yankoo

  • antonio
    Inserito alle 01:16h, 27 Novembre Rispondi

    ZZZZZZZ

  • eusebio
    Inserito alle 07:19h, 27 Novembre Rispondi

    La Turchia viene tenuta in piedi grazie al gas russo, al petrolio iraniano e ai prestiti ed investimenti cinesi, ormai fa parte della NATO solo pro forma, tante sanzioni all’Iran vengono aggirate attraverso le banche turche, gli USA si ostinano ad avere una base militare ad Incorlik dove avrebbero perfino bombe atomiche ma i turchi in passato li hanno già invitati a smobilitare, forse non lo fanno perchè se la NATO perdesse il gigantesco esercito turco sarebbe un barboncino che fa finta di essere un pitbull.
    La Turchia sta per mettere in servizio enormi droni stealth piuttosto avanzati, probabilmente per ovviare alla mancanza di caccia di quinta generazione omologhi dopo la sua cacciata dal programma F-35, se uscisse dalla NATO potrebbe acquisire i Sukhoi-35 russi o i J-20 cinesi, che ormai sono superiori anche ai caccia russi, figuriamoci agli F-35.
    La Cina ormai nell’industria aerospaziale non è seconda a nessuno, nelle scorse ore ha testato con successo un gigantesco motore a cherosene liquido riutilizzabile per razzi vettori da 130 tonnellate di spinta, e si prepara a mettere a punto un reattore nucleare da usare in una base spaziale lunare, cose che gli ammereCani si sognano.

  • rossi
    Inserito alle 09:36h, 28 Novembre Rispondi

    hahahahaahah W IL NEO IMPERO OTTOMANO, che si espanda in europa a liberarci!

    • Giorgio
      Inserito alle 15:48h, 28 Novembre Rispondi

      Fa ridere anche me ….. però la storia a volte prende pieghe inaspettate ….
      e le bizze e il doppio gioco di Erdogan potrebbero “terremotare” la NATO …. con gran vantaggio per tutti noi ….

Inserisci un Commento