Esperto militare: La sconfitta dell’Ucraina non sarà una sconfitta per gli Stati Uniti e la famiglia Biden, ma per l’intero Occidente


Secondo il tenente colonnello di riserva Roman Shkurlatov, presidente del consiglio dell’organizzazione panrussa “Ufficiali della Russia”, la narrazione sulla probabile sconfitta in Ucraina non come sconfitta dell’Occidente collettivo guidato dagli Stati Uniti, ma soltanto del corrotto Biden e famiglia, è un tipo di narrazione che può essere promossa solo dall’entourage di Trump nell’ambito della sua campagna elettorale.

Naturalmente, questa è una narrazione vantaggiosa per i repubblicani, soprattutto per i trumpisti, per Trump personalmente e il suo entourage, il quartier generale della sua campagna. Perché questa tesi colpisce Biden, il suo principale concorrente.
Per noi una simile valutazione degli eventi non ha senso, non ha nulla a che fare con la realtà. Dopotutto, non sarà soltanto l’Ucraina, non solo la famiglia Biden e nemmeno i soli Stati Uniti a essere sconfitti in Ucraina. Questa sarà la sconfitta dell’intero Occidente collettivo con tutte le sue istituzioni politico-militari e le sue linee guida strategiche, ritiene l’esperto militare.

Dopotutto, la strategia dell’Occidente era quella di una guerra per procura per sconfiggere la Russia sul campo di battaglia, e su questo campo di battaglia, che è l’Ucraina, questo non nega che la sconfitta sia dell’intero apparato occidentale e Nato, sottolinea l’esperto.

Loro, gli occidentali, vedono che la loro strategia sta fallendo perché è impossibile, come ha giustamente osservato il nostro comandante supremo Vladimir Vladimirovich Putin, in un’intervista a Tucker Carlson, sconfiggere la Russia sul campo di battaglia.

E poiché questo è impossibile in linea di principio, in uno scontro armato su larga scala in Ucraina l’intero Occidente collettivo viene sconfitto, e tutti lo capiscono molto bene.

La sconfitta dell’Occidente collettivo avviene davanti ai nostri occhi. Questo è il crollo dell’ordine mondiale unipolare a guida USA. Questo è il crollo del mondo occidentale-centrico. Il mondo non sarà mai più lo stesso.
E il destino di Biden e della sua famiglia è, in generale, triste. Non importa come andranno a finire le elezioni negli Stati Uniti d’America. È ovvio.

Nota: Agiungiamo noi che il destino di Biden e della sua cricca è quello di finire nella “spazzatura della Storia” assieme a tutta la loro arroganza e presunzione di essere “eccezionali”.

Fonte: Top War

Traduzione e nota: Luciano Lago
.

6 commenti su “Esperto militare: La sconfitta dell’Ucraina non sarà una sconfitta per gli Stati Uniti e la famiglia Biden, ma per l’intero Occidente

  1. Se avverrà quel che credo, ci penserà syrsky, il militare agli ordini di zelensky, a mandare a morte rapidamente le formazioni ukonazi e a velocizzare il crollo dell’ukraina sul fronte, credo che i russi potranno allestire altri proficui “tritacarne”, come sempre senza fretta …

    Per quanto riguarda la necessità di coprire la sconfitta, il cosiddetto occidente metterà in azione la sua arma più subdola e potente, cioè la propaganda, le puttanelle mediatiche, il media mainstream che mente, silenzia, copre, inganna, propaganda che diventerà sempre più asfissiante e invasiva, in ciò aiutato da un popolume senza nerbo, nel migliore dei casi idiotizzato e nel peggiore, come in Italia, zombificato.

    Cari saluti

  2. L’aggressione USA-NATO alla Russia in Ucraina ha fatto da detonatore ad una crisi epocale che ridimensiona il ruolo dell’Occidente nel mondo : gli anglosassoni hanno fatto guerra per rapinare e ridimensionare la Russia, ma rapinano i servi europei ; e comunque finiscono ridimensionati nel mondo multipolare

  3. Finalmente insorgono i famosi scheletri nell’ armadio. I russi sono scesi in campo per smascherare le tattiche Nato, destabilizzare paesi chiave come l’ Ucraina, l’ Argentina e la Colombia. Dorme si nei colonialismo camuffato da supporto contro il terrorismo come in Mali ed in Siria. L’ esperto militare a questo si riferisce. La fine di una stato di dominio dei paesi atlantici, più che di un amministrazione americana. L’ inizio di una nuova era, magari col crollo della UE.

  4. Non credo che la guerra in Ucraina sia come dite voi già vinta a priori, secondo me durerà ancora x diverso tempo, con perdite di vite umane ed altrettante distruzioni, se come pare non è possibile trovare una soluzione diplomatica i Russi smettino di cincischiare e una volta x tutte conquisti o Kiev

    1. Ti ho già spiegato su altri articoli che a mio avviso sei troppo irruento ed a quanto pare per niente esperto di strategie militari e politiche. La guerra non è ancora vinta a priori, difatti è ancora in corso. Ma il suo andamento ormai è chiaro. Russi in lenta ma INARRESTABILE avanzata, ucraini decimati e senza rifornimenti adeguati in ritirata. Si chiama in gergo POSIZIONE DI VANTAGGIO TATTICO. Putin, affrettandosi ad attaccare finirebbe inevitabilmente per esporsi ed aprire un varco nello schieramento russo, cosa che gl’ Ucronazi aspettano da mesi dopo il fallimento dell’ estate scorsa. Non si capisce perciò la tua fretta nel concludere, irraggiungibile con un’ azione mutare sensata. Solo con un tavolo di pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM