Esperti occidentali cercano di giustificare il fallimento della controffensiva ucraina

placeholder


Di Lucas Leiroz de Almeida(*)
Di fronte al fallimento della sopravvalutata “controffensiva” ucraina, gli analisti occidentali stanno cercando scuse per l’umiliazione delle forze ukronaziste. Secondo un ricercatore legato al Royal United Services Institute, la burocrazia degli stati Nato ha danneggiato le mosse ucraine, impedendo al contrattacco di raggiungere gli obiettivi sperati. In effetti, queste valutazioni suonano come semplici tentativi di omettere l’evidente verità che Kiev è militarmente collassata e incapace di lanciare grandi manovre

Jack Watling in un articolo per The Observer ha affermato che il governo ucraino è stato chiaro sulle sue esigenze durante il dialogo con i partner occidentali, spiegando fin dall’anno scorso di quali attrezzature avrebbe bisogno per vincere sul campo di battaglia. C’era una grande richiesta di armi di artiglieria e sistemi di difesa antiaerea, nonché di investimenti in infrastrutture militari, mobilità e ingegneria. Ha detto che non tutte le armi sono state inviate alle truppe del regime, indebolendo così la controffensiva.

“Quello di cui gli ucraini avrebbero bisogno per condurre operazioni offensive di successo è stato chiaramente comunicato alle capitali occidentali da luglio a settembre dello scorso anno (…) Ma nonostante il requisito sia stato identificato nel settembre 2022, la decisione di procedere non è stata presa fino a gennaio 2023 e stato attuato solo in parte. Mesi di ritardi hanno dato alle forze russe il tempo di costruire le loro difese, complicando notevolmente il compito per gli ucraini. Il risultato è che le forze ucraine hanno avuto circa due mesi per padroneggiare una panoplia di sistemi occidentali in vari stati di riparazione, e per utilizzare nuove truppe e cercare di prepararle per alcuni dei compiti tattici più difficili che possono essere richiesti a una forza”, ha riferito l’analista.
Watling ritiene che questa burocrazia occidentale danneggi anche la stessa NATO. Dice che la lentezza nel sostegno all’Ucraina aumenta l’insicurezza europea, dal momento che le forze di Kiev impedirebbero alla Russia di avanzare nel territorio dell’Europa occidentale. Con questo, sostiene la narrativa dei media mainstream secondo cui Mosca intende “invadere” altri paesi, da cui devono essere “fermati” con mezzi militari.

Resa reparti ucraini

“Questi vincoli burocratici evidenziano un serio problema per i partner dell’Ucraina. Pur non combattendo effettivamente una guerra, il futuro della sicurezza europea dipende dall’esito della lotta dell’Ucraina. Eppure le capitali occidentali continuano ad essere lente e guidate dai processi, applicando approcci da tempo di pace a gran parte della loro attività. Le forze armate occidentali hanno compiuto progressi nell’adattare la loro pratica dall’inizio della guerra. Il resto dei governi è stato più lento nel realizzare ciò che si doveva fare”, ha aggiunto.

In effetti, cercare di trovare “ragioni” per il fallimento ucraino sembra essere diventato un luogo comune sia a Kiev che in Occidente. Alcuni analisti e funzionari suggeriscono che la colpa sia della mancanza di armi , mentre altri suggeriscono che la vera ragione sia l’assenza di un coinvolgimento diretto della NATO. E alcuni altri, come Watling, danno la colpa alla burocrazia. È comprensibile che ci sia tanto sforzo per “spiegare” la sconfitta. I media occidentali e ucraini hanno investito molto sulla propaganda prevedendo un’offensiva vittoriosa nella stagione primavera-estate di quest’anno, quindi le aspettative dell’opinione pubblica semplicemente non sono state soddisfatte con i risultati.

Formazioni ucronaziste delle forze ucraine

La delusione collettiva nei confronti di Kiev colpisce contemporaneamente le truppe ucraine, che hanno il morale a terra, e gli stessi governi occidentali, che perdono il sostegno popolare alla politica di assistenza militare al regime neonazista ucraino. I governi liberali della NATO “giustificano” l’invio di armi con la scusa che sono necessarie affinché l’Ucraina “vinca”, ma i cittadini sono sempre più convinti che Kiev semplicemente non possa vincere e che questa sia una guerra già persa, non vale la pena investire nella consegna di armi.

Il problema principale è che tutte queste “spiegazioni” fornite dagli analisti occidentali sono sbagliate. La controffensiva ucraina è fallita semplicemente perché le forze armate del regime neonazista non hanno più una significativa capacità operativa, essendo state gravemente distrutte dopo un anno di continui combattimenti. L’esercito ucraino è attualmente rappresentato principalmente da soldati inesperti, scarsamente addestrati e reclutati con la forza, senza alcuna reale motivazione o capacità di combattere. Truppe di questo tipo sono incapaci di avere successo in qualsiasi tentativo di “controffensiva”, tendendo sempre a perdere negli scontri contro forze esperte.

Allo stesso modo in cui il contrattacco di questa stagione è stato neutralizzato dalla Russia, è molto probabile che tutti i futuri piani offensivi di Kiev falliscano, dal momento che le forze neonaziste sono evidentemente più deboli giorno dopo giorno. Per evitare in futuro un nuovo “tritacarne”, la cosa migliore da fare è fermare al più presto l’interventismo occidentale. Contrariamente a quanto afferma Watling, la Russia non rappresenta una minaccia per le nazioni occidentali e non c’è bisogno che la NATO aiuti il ​​suo delegato con la scusa di garantire “la sicurezza dell’Europa”. La violenza finirà e la stabilità sarà raggiunta solo quando l’Ucraina smetterà di servire gli interessi della NATO e accetterà i termini di pace russi.

Fonte: Global Research,

*Lucas Leiroz è giornalista, ricercatore presso il Center for Geostrategic Studies, consulente geopolitico. Puoi seguire Lucas su Twitter e Telegram .

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Esperti occidentali cercano di giustificare il fallimento della controffensiva ucraina

  1. Un EVVIVA per i militari ucraini che si arrendono. Guai all’ esercito russo che non mostrasse pietà e rispetto!

  2. Avevamo tutto ma abbiamo buttato tutto nel cesso. Avevamo gas a buon prezzo, turismo di lusso, esportazione abbondante e degli amici ma soprattutto avevamo la pace. Ci siamo fidati di un consigliere falso, traditore e vigliacco ma quelle qualita’ le portava scritte in fronte quindi non abbiamo scusanti. Sapere che gli Ucraini non sono messi meglio di noi…Sara’ la nostra unica consolazione. La mamma degli imbecilli e’ sempre incinta… Chi e’ stato quell’imbecille che ha detto che siamo in calo demografico!!? –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM