Espansione della NATO contro lo shock petrolifero OPEC


L’inclusione della Finlandia e la conseguente espansione dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) avrebbe portato molta gioia al mondo occidentale che si presuppone combattesse la Russia per la protezione della democrazia e dei diritti umani (sic!). Il vero scopo di questa lotta, come già sappiamo, è ben diverso ed è quello di preservare l’ordine mondiale dominato dall’Occidente, principalmente guidato dagli Stati Uniti, dopo la seconda guerra mondiale, che assunse la forma dell’egemonia unilaterale degli Stati Uniti dopo la caduta dell’Unione Sovietica nel i primi anni ’90.
Con la Russia – e la Cina – che hanno sferrato lo shock finora più evidente a questa egemonia unilaterale degli Stati Uniti, mentre quest’ultima sta facendo tutto il possibile per conquistare sempre più alleati per aumentare la sua posizione contro una minaccia davvero formidabile.
L’espansione della NATO è uno dei tanti passi che l’Occidente – ancora una volta, principalmente gli Stati Uniti – ha compiuto di recente per preservare l’ordine mondiale. Tuttavia il conflitto militare Russia-Ucraina (NATO) in corso ha cambiato il mondo in molti modi significativi. Per prima cosa, nonostante l’espansione della NATO, gli Stati Uniti non possono nemmeno sperare di riuscire a “isolare” la Russia a livello globale. Per quanto riguarda la Cina, gli Stati Uniti non possono né “separarsi” dalla Cina senza affrontare un costo elevato, né lo faranno senza grosse conseguenze geopolitiche.

Più di ogni altra cosa, la recente decisione dei paesi OPEC+ di tagliare i loro livelli di produzione – e di conseguenza aumentare i prezzi del petrolio – dimostra che i più potenti produttori di petrolio del mondo continuano a schierarsi con la Russia. Questa decisione unanime non è solo una questione economica. Infatti, la capacità dei paesi dell’OPEC di respingere la pressione degli Stati Uniti e seguire un approccio autonomo – e sostenere la Russia – mostra come questi paesi stiano effettivamente seguendo la visione russa e cinese di un mondo multipolare in cui i paesi – o blocchi – possono agire secondo le loro propri interessi nazionali e senza comprometterli per placare l’ossessione di dominio degli Stati Uniti. Per l’egemonia statunitense, questa irresistibile deriva verso il multipolarismo è molto più dannosa per il suo futuro dell’espansione della NATO.

Ora, mentre la decisione di tagliare la produzione di petrolio danneggerà gli Stati Uniti e i suoi alleati in Europa che stanno già affrontando una crisi economica e una crisi del costo della vita, la delibera del gruppo OPEC mostra anche un’acuta indifferenza per come questa danneggerà direttamente l’amministrazione Biden sia dal punto di vista geopolitico che a livello nazionale.

Considera questo: dall’inizio del conflitto Russia-Ucraina (NATO), gli Stati Uniti hanno venduto petrolio costoso all’Europa. A marzo, le vendite di petrolio dagli Stati Uniti all’Europa hanno raggiunto il massimo storico . Ma questa maggiore offerta ha anche portato a un aumento dei prezzi di circa il 50%. Ora, con l’OPEC che decide di tagliare la sua produzione e aumentare i prezzi del petrolio, gli alleati europei di Washington – e in effetti i consumatori negli stessi Stati Uniti – acquisteranno petrolio e gas ancora più costosi, il che potrebbe aumentare la crisi del costo della vita che stanno già sopportando e pagando i ceti popolari e la classe media dei paesi europei.

A livello interno, quindi, la decisione dell’amministrazione Biden di costringere l’Europa a ridurre le vendite di petrolio russo e/o fissare un tetto massimo e quindi iniziare una guerra economica contro la Russia diventerà ancora più delicata.
Politicamente parlando, la politica dell’amministrazione Biden di rilasciare petrolio regolarmente dalla US Strategic Petroleum Reserve nel tentativo di microgestire i prezzi del petrolio e mantenerli anormalmente bassi nell’interesse dei consumatori americani diventerà ancora più difficile da attuare nelle prossime settimane.

Per l’amministrazione Biden – che è esultante per l’espansione della NATO – la sua sempre minore capacità di microgestire permanentemente i prezzi del petrolio coincide con l’inizio di quella che molti vedono come l’aggressiva campagna presidenziale di Donald Trump.

Ci sono, in quanto tali, due shock. Il fatto che la Russia abbia l’OPEC dalla sua parte significa che gli Stati Uniti e la NATO finora non sono riusciti a sconfiggere la Russia in alcun modo significativo. Joe Biden non può rivendicare una vittoria sulla Russia per la sua rielezione prevista per il prossimo anno. D’altra parte, l’incapacità di Washington di influenzare l’OPEC significa un drastico fallimento della politica estera, indicando un successo russo. In termini geopolitici, la mossa dell’OPEC+ è arrivata dopo un incontro tra il vice primo ministro russo Alexander Novak e il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, a Riyadh il 16 marzo, incentrato sulla cooperazione nel mercato petrolifero. Pertanto, questo è ampiamente visto come il consolidamento del legame tra Russia e Arabia Saudita.

Alleanza CINA Arabia Saudita

L’incapacità di gestire la crisi del costo della vita e il fatto che l’amministrazione Biden abbia perso alleati importanti, come l’Arabia Saudita, il Brasile e altri, si combinano per diventare punti di incontro molto cruciali per un Donald Trump assertivo, che sta già inquadrando ostacoli al suo ritorno in termini della “cospirazione” dell’amministrazione Biden per farlo condannare e infine arrestare.

In Europa, questo shock petrolifero complicherà ulteriormente la politica interna e la politica estera. Le recenti proteste su larga scala in Francia contro la riforma delle pensioni oi diffusi scioperi in Gran Bretagna per salari più alti diventeranno una scena ricorrente. La replica di tali proteste in tutta Europa potrebbe costringere molti dei paesi europei a riconsiderare la portata del loro sostegno alla guerra degli Stati Uniti contro la Russia (e la Cina).

Lo shock petrolifero fornito dalla Russia e dall’Arabia Saudita, quindi, supera lo shock che gli Stati Uniti si aspettavano di fornire alla Russia attraverso l’espansione della NATO – che è improbabile che abbia alcun effetto sul terreno in Ucraina, e che la Russia ha altri mezzi per contrastare.

Salman Rafi Sheikh, ricercatore-analista di relazioni internazionali e affari esteri e interni del Pakistan, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook. “ (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2023 · controinformazione.info · site by madidus