Esclusivo. Il presidente della Serbia: produrremo armi con i russi

di Oliver Ikodinovic

C’è un piano per la Serbia e la Russia per produrre insieme armi, compresi sistemi di combattimento più complessi, ha riferito l’ambasciatore serbo in Russia, Miroslav Lazanski, alla Sputnik News dopo l’incontro tra il presidente Alexander Vucic e Vladimir Putin a Sochi.

Lazanski detto che il piano esisteva da tempo ma che il presidente russo non aveva ancora rivelato in modo specifico di cosa si trattasse.

“Il presidente Putin non ha specificato nulla, ma probabilmente potremmo produrre alcuni corazzati per il trasporto di personale militare, veicoli da combattimento di fanteria, a sei ruote. Potremmo collaborare alla produzione di un veicolo completo o di alcuni aggregati, alcune parti di tali veicoli. Potrebbe esserci spazio per la produzione complementare. Penso che si tratti di camion pesanti che sarebbero militari e civili allo stesso tempo. Questo è qualcosa che il presidente Putin ha menzionato. Importiamo camion “Kamaz” dalla Russia come veicoli che trasportano l’obice semovente “Nora 52B”. Dobbiamo vedere se c’è spazio per lavorare e penso che ci sia “, ha detto Lazanski.

L’ambasciatore ha anche aggiunto che esiste un piano per la produzione congiunta di alcuni sistemi di combattimento più complessi.

“Il presidente Putin ha sottolineato che non solo la Russia stava esportando armi in Serbia, ma che anche che la Russia stava importando munizioni di artiglieria da 155 mm dalla Serbia perché la Russia dispone di un calibro di 152. Nel suo calibro standard, era il calibro del Patto russo, dell’esercito sovietico e di Varsavia. . Quindi, i russi non avevano prodotto i 155 mm., e noi ce la facciamo a produrli, e ora probabilmente hanno bisogno di quel calibro e lo comprano dalla Serbia “, ha detto Lazanski.

Reparti militari serbi femminili

I russi aiutano, gli americani sanzionano

Riassumendo i risultati della visita del presidente Vucic in Russia, Lazanski ha affermato che “la visita è stata breve ma efficace”.

Sono stati trattati diversi argomenti, dall’energia attraverso le questioni del Kosovo e la cooperazione tecnico-militare, al sostegno della Russia alla Serbia in tutti i consessi internazionali, in particolare presso il Consiglio di sicurezza.

È stata anche fatta una retrospettiva sul fronte economico – ad esempio, a cosa sono interessati i russi, dove siamo attualmente e così via. Penso che sia andato tutto molto bene. Questa è la valutazione degli analisti russi. Ieri sera alla televisione russa, nei primi scioccanti minuti, ha dato conto di questa visita, anche prima di questo vertice NATO a Londra, quindi siamo estremamente orgogliosi di tutto quello che stava accadendo oggi a Sochi “, ha detto l’ambasciatore.

Lazanski ha sottolineato che esiste una vasta gamma di possibilità per aumentare gli scambi economici, che attualmente ammontano a circa due miliardi e mezzo di euro all’anno e che si prevede di aumentarlo a circa tre miliardi e mezzo e forse quattro.

“C’è spazio per la cooperazione. È stata anche menzionata la possibilità di venderci tram russi, ma non abbiamo specificato nulla qui e si parla di questo argomento. Inoltre, si parlava della produzione di isotopi nel nuovo centro nucleare, dove i russi ci avrebbero fornito tutta la tecnologia. Questi sono isotopi per scopi medici, che in seguito potrebbero essere venduti a paesi terzi “.

Visita di Putin in Serbia

L’ambasciatore ha ricordato che la Serbia e la Russia stanno negoziando il rinnovo della flotta della compagnia aerea nazionale serba Air Serbia acquistando aerei civili russi.

“L’MS-21 è un nuovo superjet e vedremo a quali condizioni acquistarlo.. Tecnicamente, è un aereo fantastico ed elegante. Certo, non è completamente russo, ha anche un sacco di elettronica occidentale. Penso che i motori siano occidentali. Se, come velivolo a medio traffico, soddisfa i nostri requisiti tecnici e tecnologici e ad un prezzo giusto, perché no. Gestiamo la politica pragmatica come uno stato sovrano. Acquistiamo tecnologia e artefatti, civili e militari, da tutte le angolazioni possibili, osservando innanzitutto un’equazione, e questa equazione è chiamata “efficienza dei prezzi”, e non siamo schiavizzati da alcuna politica o ideologia. Tuttavia, siate onesti e realisti: quando comprate armi, non è solo un acquisto normale, è anche un problema politico, ma i russi non ci hanno mai condizionato ad acquistare armi, al contrario degli americani che utilizzano la NATO per imporre l’acquisto obbligatorio dei loro armamenti.
Dobbiamo essere consapevoli di questo che non è ben noto al nostro pubblico – ovvero che la Serbia si trova ancora sottoposta al cosiddetto. pacchetto di sanzioni sanitarie tecnologiche e scientifiche della NATO su alcuni prodotti di combattimento e su alcuni sistemi di difesa “, ha detto Lazanski.

Sostegno alla Serbia nei dintorni di Kosovo e Metohija

All’incontro di Sochi, i presidenti di Serbia e Russia hanno discusso di tutti gli argomenti nelle relazioni tra i due paesi e uno dei temi principali è stato il problema del Kosovo e Metohija.
La Russia ha promesso di difendere la Serbia da qualsiasi aggressione in un patto stretto di recente di cooperazione miltare e civile.
Il presidente Putin ha affermato di recente che che, quando si tratta della questione del Kosovo, la Russia si schiererà sempre dalla parte della Serbia e che la Russia rispetta l’integrità territoriale della Serbia
.

https://rs-lat.sputniknews.com/vesti/201912051121284145-ekskluzivno-proizvodicemo-oruzje-s-rusima-/?ref=fbsputnik&fbclid=IwAR09nvIhcVdF4Gy5hW9qThi2dpP8pS2mbVGNPskuZaRi6BE6GpyDVhr7b78

Fonte: Sputnik Serbia

Traduzione: Giuseppe Sorbello e Biljana Stojanovic

Inserisci un Commento

*

code