Escalation Sistematica”: L’Ucraina Chiude Lo Spazio Aereo Sul Mar Nero

L’Ucraina chiuderà lo spazio aereo sul Mar Nero per condurre test missilistici nella regione ucraina di Kherson. Questo è solo un elemento di una strategia più ampia, sostiene lo specialista Semyon Uralov.

Lo spazio aereo sul Mar Nero sarà chiuso dal 1 ° al 4 novembre a causa di test di lancio missilistico, ha detto il rappresentante dell’Ucraina Air Force Dmitry Strutinsky.

“Domani [1 novembre] inizieranno le esercitazioni aeree nella regione di Kherson per testare i missili terra-aria”, ha detto l’agenzia ucraina Ukrainskie Novosti.

L’Ucraina ha eseguito test simili in precedenza. Il 1 ° e il 2 dicembre 2017, il paese ha lanciato missili nello spazio aereo sovrano della Russia sul Mar Nero nei pressi della Crimea. Kiev ha dichiarato lo spazio aereo su questi territori “pericoloso per i voli”. Successivamente, l’Ucraina ha istituito una nuova zona “pericolosa” sulle acque neutrali e in parte sulle acque russe, a sud-ovest e sud-est della Crimea, senza spiegazione dei motivi.

La Russia ha sottolineato che Kiev non ha coordinato tali azioni con le autorità russe, chiedendo la revoca immediata degli avvertimenti della parte ucraina. Tuttavia, l’entità russa ha dichiarato che i voli in Crimea non sono in pericolo e che lo spazio aereo sulla penisola non sarà chiuso.

L’esperto Semyon Uralov ha commentato la decisione ucraina di chiudere lo spazio aereo.

“La questione legale nelle relazioni tra Ucraina e Russia non è più all’ordine del giorno, perché la questione legale è sostituita dalla questione della razionalità e delle garanzie esterne. Ma gli Stati Uniti e l’Europa chiudono gli occhi sulle azioni ucraine, quindi parlare di diritto in linea di principio non ha senso “, ha detto Semyon Uralov.

Secondo l’esperto, la chiusura dello spazio aereo fa parte di una “escalation sistematica”.

La bolla delle contraddizioni si sta stringendo. Basta ricordare i tentativi di Kiev di aggravare la situazione intorno al mare di Azov. Lo specialista considera questo passaggio come un modo di “controllare la reazione per intensificare la pressione” e un “piccolo elemento di una strategia più ampia”.

Fonte: Fort Russ

Traduzione: Sergei Leonov

1 commento

  • Idea3online
    2 novembre 2018

    Se la Russia volesse potrebbe fagocitare l’Ucraina in poche ore. Ha altro a cui pensare che soffermarsi alle pecorelle nere smarrite. Prima o poi gli orsacchiotti ucraini ritorneranno da Mamma Russia,.

Inserisci un Commento

*

code