Escalation di tensione fra Serbia e Kosovo dopo un attacco alla polizia da parte di uomini armati

L’animosità rimane alta, con i funzionari di Serbia e Kosovo che intensificano il loro scambio di parole.
Le tensioni sono aumentate nel nord del Kosovo dopo che ignoti aggressori hanno scambiato colpi di arma da fuoco con la polizia e hanno lanciato una granata stordente contro gli ufficiali dell’Unione Europea durante la notte.

Centinaia di serbi etnici, indignati per l’arresto di un ex agente di polizia, si sono radunati domenica presto ai posti di blocco eretti il ​​giorno precedente, paralizzando il traffico a due valichi di frontiera dal Kosovo verso la Serbia.
I serbi nel nord del Kosovo hanno lasciato i lavori statali per protesta contro le tarhe auto imposte dal Kosovo nella zona serba.
Sebbene il Kosovo abbia dichiarato l’indipendenza dalla Serbia nel 2008, Belgrado non la riconosce e incoraggia la comunità serba nel nord del Kosovo a sfidare l’autorità di Pristina.

Ore dopo la costruzione delle barricate, la polizia ha dichiarato di aver subito tre attacchi consecutivi sabato notte su una delle strade che portano al confine.

“Le unità di polizia, per legittima difesa, sono state costrette a rispondere con armi da fuoco alle persone e ai gruppi criminali che sono stati respinti e lasciati in una direzione sconosciuta”, ha detto la polizia in un comunicato.

La missione dell’Unione europea sullo stato di diritto in Kosovo (EULEX) ha affermato che anche loro sono stati presi di mira con una granata stordente, ma nessun agente è rimasto ferito.
“Questo attacco, così come gli attacchi agli agenti di polizia del Kosovo, sono inaccettabili”, ha dichiarato EULEX in un comunicato stampa.
EULEX – che conta circa 134 poliziotti polacchi, italiani e lituani dispiegati nel nord – ha invitato “i responsabili ad astenersi da azioni più provocatorie”, e ha detto di aver esortato le istituzioni del Kosovo “a consegnare i colpevoli alla giustizia”.
“Criminali mascherati”
L’animosità è aumentata dopo che il Kosovo ha programmato le elezioni locali in quattro comuni a maggioranza serba nel nord per il 18 dicembre, con il principale partito politico serbo che ha dichiarato che avrebbe organizzato un boicottaggio.

Posto di blocco in Kosovo

All’inizio di questa settimana si sono sentite esplosioni e sparatorie mentre le autorità elettorali cercavano di preparare il terreno per il voto, mentre un poliziotto di etnia albanese è rimasto ferito dopo che le forze dell’ordine erano state schierate nella regione.
“Le barricate dei criminali mascherati nel nord devono essere rimosse immediatamente”, ha detto in una nota il primo ministro kosovaro Albin Kurti.
Ha aggiunto che il suo governo era in contatto con la missione di mantenimento della pace della NATO, che ha più di 3.000 soldati sul campo.
I sondaggi erano previsti a Mitrovica settentrionale, Zubin Potok, Zvecan e Leposavic dopo che i rappresentanti di etnia serba si sono dimessi dai loro incarichi a novembre per protestare contro la decisione del governo del Kosovo di vietare le targhe dei veicoli rilasciate dalla Serbia . Anche i legislatori, i pubblici ministeri e gli agenti di polizia serbi hanno abbandonato gli incarichi del governo locale.

Per disinnescare le tensioni, sabato il Kosovo ha deciso di rinviare le elezioni dopo che il presidente Vjosa Osmani ha incontrato i leader politici del suo paese e ha deciso di tenere il voto nei comuni del nord il 23 aprile 2023.

Le ambasciate di Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Stati Uniti – insieme all’ufficio locale dell’UE – hanno accolto con favore il rinvio, definendolo una “decisione costruttiva” che “promuove gli sforzi per promuovere una situazione più sicura nel nord”.

La presenza della polizia kosovara è stata recentemente incrementata in quelle aree, ed EULEX è stata presente anche con i suoi agenti di polizia.
Il presidente serbo ha richiesto una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza ONU.
Il presidente serbo Aleksandar Vucic terrà una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza nazionale domenica alle 19.00 in relazione all’aggravarsi della situazione nel nord del Kosovo, hanno riferito i media.

Come riportato dalla televisione nazionale serba RTS , il leader serbo ha preso una tale decisione a causa del fatto che il primo ministro del Kosovo non riconosciuto, Albin Kurti, ha annunciato un’operazione durante la quale le forze speciali della polizia del Kosovo useranno tutti i mezzi per eliminare le barricate erette, riferisce RIA Novosti .

Vučić sul dramma in Kosovo: chiederemo il ritorno del nostro esercito e della nostra polizia.
Il presidente Aleksandar Vučić ha parlato della situazione in Kosovo e Metohija. Uno dei messaggi principali: la Serbia chiederà il ritorno delle nostre forze in Kosovo.

Fonte: .aljazeera.com/news/ B92.net

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • Aplu
    Inserito alle 21:51h, 11 Dicembre Rispondi

    A me risulta che ai tempi del crollo dell’ex jugoslavia, gli Albanesi nel Kosovo brillavano soprattutto per traffico di droga e di armi, per delinquenza comune, per ladroneria e saccheggi. Dalla farina di un certo tipo non possono uscire prodotti d’altro tipo, anche se passano gli anni.

    • GEEDDA
      Inserito alle 07:03h, 12 Dicembre Rispondi

      Esatto, non dimentichiamo il traffico d’organi a danno di civili serbi attuato dai porci dell’UCK. L’UÇK aveva legami con la mafia albanese, pesantemente implicata nei traffici di droga, armi, prostituzione e riduzione in schiavitù e immigrazione clandestina. La distruzione di chiese ortodosse. Hanno fatto del Kosovo uno stato criminale e mafioso! La responsabilità sionista di quello che è successo è evidente. Madeleine Albright (quella dei “disgusting Serbs”) si è arricchita con la ricostruzione attraverso le sue ditte personali. Ci sono tanti punti in comune tra quello che è successo nel Kosovo e quello che sta succedendo in Ucraina

      • Aplu
        Inserito alle 12:40h, 13 Dicembre Rispondi

        Vero. E poi ciò che mette i brividi è vedere come siano bestie questi americani, che finiscono con l’appoggiare senza criteri di sorta popoli e nazioni che poi saranno una cloaca di serpenti pronti a mordere anche loro.

  • Aiassa william
    Inserito alle 07:32h, 12 Dicembre Rispondi

    Sabato arriveranno qui a Belgrado i rappresentanti di gb francia germania e usa, verranno a dire a Vucic cosa deve fare e cosa succederà se non lo fa… i soliti dittatori nazisti apriranno probabilmente un fronte anche qui… vedremo

    • Aplu
      Inserito alle 12:47h, 13 Dicembre Rispondi

      E’ con tutto il cuore che prego che la Serbia possa riuscire a mantenersi libera da queste canaglie che solo di umano hanno l’aspetto, tanto sono ripugnanti traditori di tutto e tutti.
      Mi ricordo bene i bombardamenti sui civili che vennero fatti con le bombe all’uranio!
      E mi ricordo bene come qui in Italia il PD appoggiava questa sporca guerra americana dimenticando l’antica amicizia fra Italia e Serbia !
      Fra chi aveva i nostri valori e la nostra civiltà o i barbari, questi qui appoggiarono chi ci era estraneo e per di più fuorilegge!
      Parlai in pubblico per difendere la Serbia, ma gli altri sul palco volevano tutto l’opposto.

Inserisci un Commento