Escalation della reazione cinese


di Strategika 51 .

Il breve tour asiatico di Nancy Pelosi, e in particolare la sua visita a Taiwan, è considerato dalla Cina come un punto di rottura che giustifica un riadattamento della politica estera cinese e un’approfondita revisione delle relazioni bilaterali con Washington.

Oltre ad una serie di manovre militari che simulavano con proiettili veri un blocco totale dell’isola secessionista nonché la scomparsa di quella che veniva chiamata la linea centrale dello Stretto di Formosa con il passaggio di missili cinesi sull’isola (anche a Taipei) , Pechino ha annunciato il 5 agosto 2022 una serie di misure di rappresaglia per le provocazioni di Washington:

  1. Sanzioni contro la gerontocrate Nancy Pelosi nata d’Alessandro, 82 anni, Presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, membro del Partito Democratico. Queste sanzioni si estendono ai membri della sua famiglia. Questo dettaglio è molto importante in quanto i forti legami della sua famiglia con le mafie medie e italo-americane sulla costa orientale degli Stati Uniti sono oggetto di particolare interesse in Cina.
  2. Sospensione del dialogo con gli Stati Uniti a livello di comandi militari regionali
  3. Annullamento di tutti gli incontri con i rappresentanti del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (Pentagono)
  4. Sospensione temporanea della cooperazione con gli Stati Uniti nel campo della lotta all’immigrazione clandestina
  5. Sospensione della cooperazione bilaterale nel campo della lotta agli stupefacenti
  6. Sospensione dei negoziati bilaterali sui cambiamenti climatici
  7. Sospensione della cooperazione bilaterale in campo giudiziario
  8. Sospensione della cooperazione bilaterale nella lotta alla criminalità organizzata transfrontaliera.

Le cose non si fermeranno a questo punto.

Missili cinesi lanciati contro Taiwan

La Cina ha interrotto le esportazioni di sabbia verso Taiwan. La sabbia è un elemento essenziale nella produzione di microprocessori. La parte cinese ha anche sospeso le importazioni di pesce congelato da Taiwan e sanzionato circa 100 compagnie insulari. Il volume degli scambi tra Cina e Taiwan nel 2021 è stato di oltre 328 miliardi di dollari (0,32 trilioni di dollari).

Questa agitazione potrebbe avere un’influenza molto negativa sulla penisola coreana dove Pyongyang potrebbe essere molto tentata da un nuovo test nucleare. La Corea del Nord ha chiaramente affermato che utilizzerà il suo deterrente nucleare alla prima provocazione e molti analisti ritengono che un test nucleare nordcoreano sia imminente.

Questa situazione avrà ripercussioni anche in Medio Oriente, Eurasia e Africa.

Non è più da escludere un riavvicinamento più deciso tra Cina e Iran, mentre si fa più chiara la prospettiva di un’alleanza militare formale con la Russia. Infine, la Cina potrebbe essere più aggressiva nelle aree di influenza occidentale in Africa.

Nessun paese dell’Asia orientale, tranne il Giappone, ha condannato le manovre militari cinesi intorno a Taiwan. Un segnale allarmante per Washington.

Questo è solo l’inizio. È più probabile che il mondo di domani assomigli a un inferno inflazionistico in cui carenze e manipolazioni organizzate serviranno a schiavizzare le popolazioni.

Quel che è certo è che le nuove generazioni pagheranno molto di più per manufatti e beni che fino ad allora erano molto economici.

fonte: Strategika 51

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM