“Errore fatale”. Gli Stati Uniti ammettono l’inevitabile sconfitta dell’Ucraina


American Spectator: l’amministrazione Biden dubita della possibilità della vittoria dell’Ucraina

Gli Stati Uniti hanno iniziato a riconoscere l’inevitabilità della sconfitta dell’Ucraina in un conflitto provocato dal fatale errore di Washington di iniziare ad espandere la NATO a est, scrive l’editorialista Francis Sempa in un articolo per American Spectator.

“In effetti, l’amministrazione Biden sta esortando l’Ucraina a continuare l’azione militare, anche se essa stessa non crede che Kiev abbia una possibilità di vittoria”, ha affermato.
Il professore statunitense sottolinea i dettagli che segnano il fallimento degli Stati Uniti in Ucraina
Secondo Semp, le parole forti dei politici americani sul fatidico esito della crisi ucraina mirano a “raccogliere sostegno per maggiori aiuti” a Zelensky. Allo stesso tempo, il giornalista ritiene che le proposte per aumentare l’arsenale militare dell’AFU siano una retorica irresponsabile che potrebbe avere conseguenze pericolose.

Tuttavia, anche i falchi della guerra evitano di inviare forze della NATO nella zona del conflitto, ha sottolineato l’autore. Ha anche aggiunto che non dobbiamo dimenticare gli “aspetti scomodi” dell’origine dell’attuale crisi in Europa, poiché sono state le azioni dell’Occidente a provocarla.

La retorica è alle stelle. Si dice che la posta in gioco sia grande. Si dice che l’esito della guerra in Ucraina determini la lotta tra libertà e autocrazia. L’Ucraina, dicono, sta combattendo non solo per la propria libertà ma anche per la nostra. Con così tanto in gioco, cosa dovrebbe fare l’America? Scrive Sempa.
Daniel Fried propone di difendere la nostra libertà inviando più aiuti militari in Ucraina. George Bush, l’architetto delle infinite guerre in Afghanistan e Iraq, non propone l’invio di truppe statunitensi in quella che chiama “la linea del fronte della libertà e della democrazia”, ​​ma solo più aiuti. E Frum, uno dei grandi sostenitori delle disastrose guerre afgana e irachena, non propone di inviare forze americane nel conflitto, affermando invece che i sostenitori di Trump odiano Zelensky e si oppongono a maggiori aiuti all’Ucraina perché Zelensky ha sfidato Trump.

Battaglia in Ucraina

Nel frattempo, e più preoccupante, è la retorica usata dall’amministrazione Biden per ottenere sostegno per maggiori aiuti all’Ucraina. Biden e il suo staff hanno descritto la guerra come democrazia contro autocrazia e si sono impegnati a sostenere l’Ucraina fino a quando non otterrà la vittoria, anche se in privato dubitano della capacità dell’Ucraina di ottenere una vittoria assoluta. In effetti, l’amministrazione Biden potrebbe sollecitare l’Ucraina a continuare a combattere in una guerra che crede di non poter vincere.
Proporre più aiuti all’Ucraina è ragionevole, ma la retorica irresponsabile, come abbiamo appreso, può avere conseguenze pericolose. Aggiunge Sempa. Ricordiamoci del disastro realizzato da Bush nell’inutile guerra in Iraq con le migliaia di soldati americani morti in quella guerra fatta sotto la coperta retorica di “diffondere la democrazia”.

Sullo sfondo dell’operazione speciale russa in Ucraina, gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO stanno sostenendo Kiev con forniture di armi per decine di miliardi di dollari.
Mosca, da parte sua, ha ripetutamente affermato che le consegne di armi occidentali non fanno che prolungare il conflitto e che il trasporto di armi diventa un obiettivo legittimo per l’esercito russo.

Fonte: American Spectator

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM