Erdogan attacca l’UE con i rifugiati mentre COVID-19 colpisce la Turchia

di James W. Dean (*)

La guerra Idlib di Erdogan si è trasformata in una nuova guerra con l’UE, che non può vincere. C’è un metodo per la sua follia? Chiedo perché non appena le cose si calmano in un posto, lui combatte da qualche altra parte. Mentre avanzava in Idlib con una tradizionale forza di invasione militare, meno l’aviazione, per sostenere lì le sue forze terroristiche per procura, ha mandato una forza mercenaria jihadista anche in Libia.

L’ultima storia che abbiamo visto è stata che questi mercenari, di varie nazionalità, un numero incredibile di 5000 persone, incaricate di sorvegliare gli impianti petroliferi di Tripoli. Ma successivamente, nel giro di una settimana abbiamo ricevuto notizie confermate che molti di loro erano già stati uccisi in azione con le forze di Haftar fuori da Bengasi.

Si sospetta che questa forza faccia parte degli acquisti di Erdogan in un accordo con la Libia per condividere una zona economica del Mediterraneo che bloccherebbe i gasdotti di petrolio e condotte sottomarine di tutti gli altri verso l’Europa.

La situazione di stallo tra Cipro e Turchia continua mentre il presidente Nicos Anastasiades rifiuta di interrompere le proprie trivellazioni esplorative nonostante le minacce turche. Vuole riunificare Cipro e condividere tutte le risorse petrolifere, ma Erdogan non sembra essere in modalità di partenariato e condivisione in questo momento. Dopotutto, questo è lo stesso uomo che vuole che Idlib alla fine venga assorbito dalla Turchia, etichettato sulla sua provincia di Hatay per gentile concessione dei francesi dopo la prima guerra mondiale, che era stato territorio siriano.

“Contestazione di diritti sovrani o precondizioni come” Sto violando il diritto internazionale e in cambio, devi rinunciare ai tuoi diritti sovrani in modo che possiamo parlare “… questa azione non dimostra né buona volontà né buona fede”, ha detto Anastasiades, che è il presidente del governo di Cipro riconosciuto a livello internazionale.

Sembra che Erdogan sia un “truciolo dal vecchio blocco di Trump”, che vuole che Anastasiades rinunci alla sovranità economica di Cipro come Trump voleva che la Corea del Nord si denuclearizzasse completamente prima di iniziare a discutere di aggiustamento delle sanzioni.

La prima volta che ho sentito Trump menzionare il suo presupposto della “totale denuclearizzazione”, ho registrato sulla agenda editoriale dei Veterans Today che Trump non ha mai avuto intenzione di fare un accordo con Kim Jong-un e che Kim non avrebbe mai rinunciato al suo deterrente nucleare con una promessa traballante da Trump. Nessuno al mondo sarebbe così stupido.

La Corea del Nord era una finta trattativa, in cui Trump sapeva di poter generare una tonnellata di media internazionali sul fatto che fosse il “Re degli Affari”, ma prendere in prestito un termine da lui, era una “falsa trattativa” fin dal primo giorno con tutte le scene teatrali, incluso il nome attibuito di “Rocket Man”, chiamato dal podio delle Nazioni Unite. Trump può certamente essere considerato un talentuoso showman, un coltello a doppio taglio per un presidente in quanto taglia in entrambi i modi.

Erdogan cerca di fare lo showman, ma non lo è. Lui ama stare sul palco, ma non è simpatico. Certamente non era un bravo ragazzo quando, dopo il suo tentativo di colpo di stato, decise di abbattere tutta la stampa dell’opposizione mentre radunava la vera rete del colpo di stato, dove il suo espediente legale era che stavano sostenendo il terrorismo. Questo gli ha permesso di impadronirsi del Parlamento e di approvare nuove leggi che gli conferivano nuovi poteri per tenere a bada la sua opposizione politica.

VT ha perso il nostro corrispondente turco di tre mesi che è scomparso un giorno. Diversi anni dopo, il nostro corrispondente siriano ha visitato la Turchia per un cambio di passo da Damasco e ha anche commesso il peccato imperdonabile di parlare con l’opposizione. Al suo secondo arresto “per interrogatorio”, è stato taggato con l’accusa di terrorismo il secondo giorno, e poi trasferito nella prigione degli stranieri. Abbiamo lanciato una chiamata “tutte le mani sul ponte” alla nostra rete internazionale, ed entro 24 ore era su un aereo per tornare a Damasco, grazie a un file di richieste diplomatiche conservato per tali eventi.

Terroristi filo-turchi

Erdogan vuole batterie S-400 e Patriot

La Turchia si è sentita respinta dagli Stati Uniti non rispondendo rapidamente ai missili Patriot, una richiesta sciocca perché un trasferimento di questo tipo richiederebbe mesi di pianificazione logistica, quando Erdogan si aspettava di trovarsi in una situazione di emergenza.

Nessuno credeva che pensasse che gli attacchi aerei fossero una reale possibilità dell’aeronautica siriana o russa a meno che gli aerei turchi sparassero missili dall’interno dello spazio aereo turco contro gli aerei siriani o turchi.

La NATO ha anche continuato a essere una delle forze per procura di Erdogan. Trump gli ha offerto in ritardo alcune munizioni come segnale. E’ stato allora che Erdogan ha armato i suoi rifugiati per usarli contro l’UE e la sua vecchia nemica Grecia.

Abbiamo sentito la sua accusa che l’UE aveva promesso $ 6 miliardi per il sostegno ai rifugiati e non aveva pagato, una dichiarazione incredibile che la maggior parte interpretava come non aver pagato tutto. Potrebbe aver avuto a che fare con l’UE che apprende che il denaro dei rifugiati che aveva inviato veniva rubato dai compari politici di Erdogan per rubare una parte di ogni transazione in cui erano coinvolti?

Sono sempre stato sorpreso di non vedere video o resoconti scritti di persone dell’UE sul campo nei campi profughi lungo il confine siriano con la Turchia. Tutti possiamo simpatizzare per il fatto che è stato un grosso carico per la Turchia, ma molti di questi rifugiati erano famiglie di gruppi di delegati terroristici e militanti che combattevano in Siria. Non stavano mai morendo di fame.

Questa è la stessa Turchia che ha commercializzato tutto il petrolio rubato dalla Siria dall’ISIS e ha contribuito a finanziare l’ISIS attraverso i convogli di petroliere così grandi nel deserto iracheno che avrebbero potuto essere visti da chiunque sulla luna con un telescopio da hobby. Gli scagnozzi del partito di Erdogan hanno partecipato al saccheggio fisico di Aleppo, strappando ogni pezzo di macchina da ogni fabbrica della città e trasportandolo in Turchia in convogli lunghi venti chilometri.

La scorsa settimana è stata la volta dei rifugiati a diventare il foraggio geopolitico dei cannoni di Erdogan, le migliaia che ha inviato al confine greco dopo il cessate il fuoco siriano. La notizia ha riportato un gran numero di afgani e africani, anche se non ne ho visto nessuno nel filmato dei media..

Nei primi giorni ho visto alcune donne con bambini, ma poi non più. Le notizie tornarono ai campi che la Grecia stava bloccando la fuga e che quasi tutti i rifugiati erano uomini giovani o di età militare, e che troppi non trasportavano nemmeno uno zaino per le provviste del freddo. Non trasportavano nemmeno acqua in bottiglia o cibo che potevo vedere.

Stavo diventando sospettoso che stavo guardando i bambini della ROTC e le giovani reclute militari che recitavano come rifugiati per generare il tipo di video che la gente di Erdogan ha così esperienza nella registrazione a fini di propaganda. Quando non sono riusciti ad attraversare, i rifugiati hanno fronteggiato le guardie di frontiera greche difendendo il loro confine nazionale, che è il loro lavoro e lo hanno fatto bene.

Ho visto il video dei giovani che usano i cocktail Molotov contro le guardie di frontiera di notte, i materiali ovviamente forniti loro dall’autorità turca per aggiungere altro dramma. Ma i Greci hanno tenuto la linea, ed è allora che Erdogan ha fatto un errore.

Ha schierato le proprie guardie di frontiera e alcune forze speciali per sostenere gli sforzi dei “rifugiati” per rompere i buchi nella recinzione greca. Ho visto video dalla parte turca di uomini in uniforme che sparavano lacrimogeni contro le guardie di frontiera greche e alcune armi di fanteria moderne che potevano essere proiettili di gomma, ma i Greci hanno mantenuto la loro disciplina. Sono sicuro che anche gran parte dell’Europa ha guardato tutto questo.

Il teatro dello scontro frontaliero ha spinto l’UE a inviare una missione per incontrare Erdogan, dove l’UE ha accettato di prendere 1500 bambini non accompagnati e non di più.

Mentre succedeva tutto ciò, il virus COVID-19 stava precipitando lungo l’autostrada e non rallentava per i pedoni. Dire che lo stratagemma di Erdogan ha avuto un tempismo scadente è un eufemismo. Merkel, che di solito tiene le sue carte vicino al giubbotto, ieri è diventato un fatto mainstream che i tedeschi avevano bisogno di prepararsi per il 70% di loro per frenare il virus nel prossimo uno o due anni.

Se pensate che le nazioni dell’UE stanno per accogliere un’inondazione di rifugiati mentre questa pandemia è su di loro con la devastazione economica che ne deriverà, considererei un’allucinazione. COVID-19 è appena atterrato in Turchia, quindi Erodgan avrà un nuovo fronte di battaglia nazionale da affrontare sopra gli altri. Penso che avrebbe voluto raggiungere un ponte troppo lontano.

https://journal-neo.org/2020/03/20/erdogan-attacks-eu-with-refugees-as-covid-19-hits-turkey/

*Jim W. Dean, caporedattore di Veterans Today, produttore / conduttore di Heritage TV Atlanta, appositamente per la rivista online ” New Eastern Outlook “.

2 Commenti

  • Mardunolbo
    21 Marzo 2020

    Si spari nel suo kulo una carica di covid19 e vada a latrare nel suo parlamento asservito,in modo da contagiare i suoi scagnozzi ! Così la Turchia non romperà più le balle alla Grecia !

    • vlado cremisi
      21 Marzo 2020

      Detto da un americano poi…il bue dice cornuto all’asino

Rispondi a Mardunolbo cancella risposta

*

code