Ennesimo crimine dell’Arabia Saudita con la complicità degli USA


L’UNICEF condanna l’uccisione fatta dai sauditi di scolari yemeniti
Il Fondo di emergenza internazionale per l’infanzia delle Nazioni Unite (UNICEF) ha condannato l’uccisione di più di una dozzina di scolari nello Yemen, dove gli aerei a guida saudita continuano a martellare una nazione impoverita in una guerra imposta.

Almeno 14 persone sono state uccise e 95 altre, per lo più studenti, ferite riportate dopo che aerei da guerra guidati da sauditi hanno lanciato assalti aerei contro un’area nel distretto di Sa’wan nella provincia di Sana’a, domenica sera, il Ministero yemenita della sanità pubblica e della popolazione ha riferito delle conseguenze del crimine raccapricciante.

L’enorme esplosione, avvenuta vicino a due scuole elementari all’ora di pranzo, “ha frantumato le finestre e scatenato una raffica di schegge e vetri infranti nelle aule”, ha affermato Geert Cappelaere, direttore regionale dell’UNICEF per il Medio Oriente e il Nord Africa, in un dichiarazione rilasciata martedì.

Rapporti precedenti hanno detto che la maggior parte degli studenti uccisi nell’attacco erano scolari, ma secondo il rapporto di Cappelaere tutte le 14 vittime erano scolari presenti nella scuola, “la maggior parte dei quali sotto i 9 anni”.

Ha aggiunto che almeno 16 dei bambini feriti erano in condizioni critiche e di conseguenza il numero delle vittime “è probabile che aumenti”.

“È difficile immaginare il puro orrore che provano quei bambini – e il puro orrore e senso di colpa che i genitori potrebbero provare per aver fatto ciò a cui aspirano tutti i genitori: mandare i loro figli a scuola”, ha detto Cappelaire aggiungendo: “Uccidere e mutilare i bambini sono gravi violazioni dei diritti dei bambini “.
L’Arabia Saudita non ha ancora rivendicato l’aggressione aerea e respinge l’accusa che i suoi aerei da guerra hanno preso di mira l’area residenziale di Sa’wan, ma le autorità yemenite e testimoni locali hanno sottolineato che l’incidente è stato il risultato di un attacco aereo.

L’Arabia Saudita e alcuni dei suoi alleati regionali hanno lanciato una devastante campagna contro lo Yemen nel marzo 2015, con l’obiettivo di riportare al potere il governo dell’ex presidente Abd Rabbuh Mansur Hadi e schiacciare il movimento Houthi Ansarullah.

Secondo un rapporto di Armed Conflict Location and Event Data Project (ACLED), un’organizzazione non-profit di ricerca sui conflitti, la guerra a guida saudita ha finora causato la morte di circa 56.000 yemeniti.

I bambini sono tra le vittime più vulnerabili della guerra imposta dagli sauditi allo Yemen. Già nell’ottobre dello scorso anno, un rapporto delle Nazioni Unite ha mostrato che almeno 1.248 bambini yemeniti erano stati uccisi e quasi lo stesso numero ha subito ferite in attacchi aerei dal momento in cui è iniziata la guerra imposta.

Bambini feriti nella scuola bombardata dai sauditi

Uno dei casi peggiori e più tragici di colpire bambini yemeniti è avvenuto il 9 agosto scorso, quando gli aerei a guida saudita hanno colpito uno scuolabus mentre attraversava un mercato nella città di Dhahyan, nella provincia settentrionale di Sa’ada. Il bilancio delle vittime includeva 40 bambini su 51 persone, mentre 56 dei 79 feriti erano anche bambini.

“Più di 400 bambini uccisi e gravemente feriti dall’inizio del 2019”, ha aggiunto Cappelaere.

Nel giugno 2016, l’ONU ha incluso nella lista nera il regno arabo dopo aver concluso in un rapporto che Riyadh era responsabile del 60% dei 785 decessi di bambini nella guerra saudita nello Yemen nell’anno precedente. Pochi giorni dopo, tuttavia, l’Organizzazione mondiale, guidato da Ban Ki-moon, annunciò che l’Arabia Saudita sarebbe stata tolta dalla lista in attesa di una revisione congiunta con il regno.

All’epoca, Ban ha ammesso di essere stato costretto a rimuovere Riyadh dalla lista nera dopo che il regime e i suoi alleati hanno minacciato di tagliare i finanziamenti a molti programmi delle Nazioni Unite. La mossa ha scatenato la protesta dei gruppi per i diritti umani in tutto il mondo.
“Una scuola su cinque non può più essere utilizzata come risultato diretto del conflitto. … Per più di 2 milioni di bambini nello Yemen oggi, andare a scuola è un sogno lontano! “, Ha detto Cappelaere.

La guerra ha anche causato un pesante tributo alle infrastrutture del paese, distruggendo ospedali, scuole e fabbriche. L’ONU ha già affermato che un record di 22,2 milioni di yemeniti ha un disperato bisogno di cibo, tra cui 8,4 milioni minacciati da una grave fame. Secondo il corpo del mondo, lo Yemen soffre della carestia più grave in oltre 100 anni.


Nota: Gli Stati Uniti ed il Regno Unito collaborano nella campagna di guerra saudita fornendo supporto logistico e rifornimenti all’aviazione saudita. Sono le forniture di armi per cui il Regno Saudita è il maggior clente dell’Industria di armamenti di USA, Regno Unito e Francia.
Questo spiega il silenzio dei governi e dell’apparato dei media atlantisti che neppure menzionano i crimini commessi dall’Arabia Saudita e dai suoi complici in questo disgraziato paese.

Fonte: Press Tv
Traduzine e nota: Luciano Lago

2 Commenti

  • Rabdomante
    10 Aprile 2019

    E diamogli anche l’atomica a questi DEMOCRATICI!!!!

    • atlas
      10 Aprile 2019

      gliela danno i giudei. Sono democratici anche loro

Inserisci un Commento

*

code