Endgame Ucraina; Il piano di battaglia di Putin

di Mike Whitney

“Il centro di gravità strategico indiscusso dell’Ucraina sono i suoi corridoi occidentali verso il confine polacco, da dove la stragrande maggioranza delle forniture al suo sostegno alla guerra entra nel paese. Il loro centro di gravità operativo sono le loro linee di rifornimento che partono verso est da Kiev verso le varie posizioni di prima linea dell’Ucraina. Senza quei due corridoi, sarebbe quasi impossibile per Kiev sostenere le operazioni in tempo di guerra per più di qualche settimana. Putin, quindi, potrebbe calcolare che il miglior uso di quelle 218.000 truppe aggiuntive sarà quello di lanciare un asse a tre punte per tagliare entrambe le rotte di rifornimento”.
Il tenente colonnello Daniel L. Davis, Senior Fellow for Defense Priorities e Contributing Editor al 1945
“Voglio sottolineare ancora una volta che tutti i compiti dell’operazione militare speciale… saranno adempiuti incondizionatamente”. Il presidente russo Vladimir Putin

Un altro giorno di attacchi missilistici su larga scala contro l’infrastruttura energetica ucraina ha fatto precipitare gran parte del paese nell’oscurità. Gli attacchi implacabili, che sono continuati per tutta la notte e nelle prime ore del mattino, si sono intensificati drammaticamente mentre le truppe da combattimento russe continuano a unirsi alle loro unità lungo il perimetro in preparazione di un’importante offensiva invernale. Il presidente russo Vladimir Putin ha atteso pazientemente che il regime di Zelenskyj comprendesse la gravità della situazione e facesse pressioni per negoziati bilaterali. Ma il presidente ucraino ha ostinatamente rifiutato la diplomazia in ogni occasione, optando invece per la lotta fino alla fine. Washington che vede il conflitto come un’opportunità per indebolire la Russia in modo che non possa ostacolare i piani statunitensi di “ruotare” verso l’Asia. La trasformazione dell’Ucraina in un deserto gelido e inabitabile è in gran parte il risultato delle voraci ambizioni geopolitiche di Washington. Questo è tratto da un post sul sito Web Moon of Alabama:

Precedenti attacchi avevano limitato la capacità di distribuzione a circa il 50% della domanda. Blackout controllati per diverse ore al giorno hanno permesso di fornire energia elettrica per alcune ore alla maggior parte del Paese. L’attacco di oggi ha creato un problema molto più grande. Non sono state attaccate solo le reti di distribuzione, ma anche gli elementi che collegano gli impianti di produzione di energia elettrica dell’Ucraina alla rete di distribuzione. Tutte e quattro le centrali nucleari dell’Ucraina con i loro 15 reattori sono ora in modalità di spegnimento. Kiev, come la maggior parte delle altre città dell’Ucraina, non ha più elettricità”. Ucraina – Luci spente, niente acqua e presto niente riscaldamento”, Moon of Alabama

Ukrainian State Emergency Service firefighters put out the fire after a Russian rocket attack hit an electric power station in Kharkiv, Ukraine, Sunday, Sept. 11, 2022. The Kharkiv and Donetsk regions have been completely de-energised in the rocket attack.(AP Photo/Kostiantyn Liberov)

L’Ucraina è precipitata nell’oscurità: dalla mattina del 24 novembre, oltre il 70% di Kiev rimane senza elettricità. Non c’è acqua in metà della capitale. Le interruzioni di corrente continuano in tutte le regioni del paese…”. Kiev diventa oscura mentre la NATO sacrifica l’Ucraina” , Southfront
Le diffuse interruzioni di corrente sono accompagnate da temperature gelide che porteranno inevitabilmente a una crisi umanitaria senza precedenti. Milioni di ucraini saranno costretti a fuggire oltre confine cercando rifugio in Europa. Altri saranno lasciati a rifugiarsi in rifugi di emergenza improvvisati, riscaldati sporadicamente da generatori alimentati a diesel. Non c’è alcuna prospettiva che il fatiscente sistema energetico ucraino venga riparato rapidamente, se non mai. E anche se potesse essere rimesso insieme in qualche capacità improvvisata, sarebbe solo una soluzione a breve termine. Il fatto è quello che i russi hanno identificato le principali sottostazioni, terminali e autotrasformatori in tutta l’Ucraina e li stanno eliminando uno per uno. Incapace di difendersi dalla raffica quotidiana di missili a guida di precisione, l’ Ucraina viene gradualmente bombardata fino all’età della pietra.

L’obiettivo dell’operazione russa è minare la capacità dell’Ucraina di fare la guerra. Gli attacchi alla rete elettrica, agli snodi ferroviari, ai depositi di carburante, ai ponti e ai centri di comando e controllo dell’Ucraina sono solo la prima fase di un’operazione a due fasi progettata per sconfiggere il nemico e portare la guerra a una rapida fine . La Russia ha raccolto circa 500.000 truppe in una forza d’attacco da combattimento che attraverserà il paese lungo tre assi principali annientando le forze ucraine ovunque si incontrino e conquistando città chiave lungo la strada. Le linee di rifornimento critiche dalla Polonia saranno bloccate, lasciando le truppe al fronte isolate e vulnerabili agli attacchi. Alla fine, il regime e le sue forze di sicurezza del blocco di estrema destra saranno uccisi o catturati. Mosca non permetterà a un governo apertamente ostile alla Russia di governare il Paese. Questo è tratto da un’intervista con il colonnello Douglas MacGregor:

Truppe Russe

Ora ci sono 540.000 truppe russe di stanza intorno alla periferia dell’Ucraina che si preparano a lanciare una grande offensiva che penso probabilmente porrà fine alla guerra in Ucraina . 540.000 truppe russe, 1.000 sistemi di artiglieria a razzo, 5000 veicoli corazzati da combattimento inclusi almeno 1.5000 carri armati, centinaia e centinaia di missili balistici tattici. L’Ucraina sta ora vivendo una guerra su una scala che non vedevamo dal 1945″. Colonnello Douglas MacGregor, Rumble

Di nuovo MacGregor… Ora tutto è cambiato… la grande probabilità che inizino le offensive nelle prossime settimane, quando il terreno gelerà completamente ei russi giudicheranno che le loro forze saranno pronte e si muoveranno e finiranno questo stato ucraino, non prendiamoci in giro, è probabile che il regime di Kiev venga annientato insieme al resto delle sue forze armate… .

L’errore più grande che noi occidentali potremmo fare è coinvolgere noi stessi. Abbiamo fatto abbastanza danni… e penso a quello che vedremo… è la distruzione totale di questo stato ucraino . Ora, cosa succede dopo, non lo so. Sono abbastanza fiducioso che i russi non vogliano rimanere nell’Ucraina occidentale… La Russia ora sta trattando l’Ucraina come un vero nemico. Prima non lo erano e questo non è compreso in occidente”. “L’Ucraina sta per essere annientata, colonnello Douglas MacGregor , youtube

(Domanda: c’è qualche possibilità che le truppe da combattimento statunitensi vengano inviate a combattere in Ucraina?)

MacGregor—Non siamo nella posizione di entrare in guerra con la Russia, e qualsiasi cosa faremmo sul campo fallirebbe miseramente e saremmo imbarazzati. Ma ovviamente nessuno a Washington sta ascoltando… Non c’è una reale comprensione di quanto sia disperata la situazione nell’Ucraina occidentale. Quindi quello che possiamo aspettarci insieme a questa massiccia offensiva (russa) è la migrazione di milioni di altri ucraini in Europa perché non hanno altro posto dove andare…Gli ucraini sanno cosa sta arrivando. Non c’è molto che facciano al riguardo a questo punto, ma invece di gettare loro un’ancora di salvezza, abbiamo essenzialmente detto loro di affondare con la nave su cui si trovano”. Col. Douglas Macgregor . (……….)

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

10 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 09:09h, 30 Novembre Rispondi

    l’ Ucraina è Terra Russa – Nato go Home

  • mondo falso
    Inserito alle 10:41h, 30 Novembre Rispondi

    bene

  • Gasparino
    Inserito alle 11:52h, 30 Novembre Rispondi

    L’importante è per la Russia ” anche ” cercare di non far scappare Zelensky, arrestarlo e fargli conoscere un pò cosa vuol dire Siberia !

    • vincenzo
      Inserito alle 15:32h, 30 Novembre Rispondi

      Gasparino mi ricordo una battuta famosissima…..com`è buono lei…..

    • Giorgio
      Inserito alle 15:57h, 30 Novembre Rispondi

      Distruggere la rete ferroviaria, autostradale, aeroporti …. impedire ad ogni costo che Zelensky fugga dal tetto del palazzo presidenziale in elicottero e ripari all’estero, come hanno fatto in passato i tanti despoti made in USA rovesciati a furor di popolo, come per esempio …..
      LON NOL, il despota cambogiano pupazzo USA, fuggito negli usa naturalmente, prima che i Kmer rossi prendessero l’aeroporto di Pnon Pehn ….. e morto in California …
      VAN THIEU, golpista vietnamita filo USA, fuggito da Saigon con la presa di potere dei vietcong, riparato a Boston dove morì …
      Lo SCIA’ REZA PALHAVI, fuggito da Teheran, anche qui appena in tempo prima che la folla inferocita chiudesse l’aeroporto …. per dirigersi negli USA che gli avevano concesso naturalmente asilo per motivi “umanitari” ….
      SOMOZA, fuggito da Managua prima che i SANDINISTI di Ortega riuscissero ad impedirne la fuga e riparato a MIAMi e infine ucciso da un commando guevarista in Paraguay …
      MARCOS, fuggito da MANILA in elicottero, anche lui decollato appena in tempo, e poi portato su un C-130 dell’Air Force alle isole Haway …..
      TUTTI destinazione USA …. a fare i pensionati dorati dai loro ex padroni …
      Consiglio a tutti gli amici del sito la lettura di queste istruttive vicende storiche ….

      • Gaspare
        Inserito alle 18:25h, 30 Novembre Rispondi

        Caro Giorgio per tutto può sempre esserci una prima volta come quella dell’incidente dell’elicottero che cade per motivi di errore di mitragliamento Oh no ?

        • Giorgio
          Inserito alle 08:16h, 01 Dicembre Rispondi

          Beh certamente …. infatti anche da una “disgrazia” può venirne fuori un risvolto molto positivo !!!

      • Tacabanda1964
        Inserito alle 17:33h, 01 Dicembre Rispondi

        Mi sembra che ti sei dimenticato di un dittatore USA sanguinario fascista-democratico che di nome mi sembra si chiamasse Battista fuggito in aereo dal “Avana negli USA con le valige piene de schei !

  • gary
    Inserito alle 23:12h, 30 Novembre Rispondi

    cosa dice la rai? eh… criminali.

  • rossi
    Inserito alle 11:00h, 01 Dicembre Rispondi

    Русская зима 1812. 1942. 2022. URRÀ, URRÀ, URRÀ!

Inserisci un Commento