Effetti imprevisti delle sanzioni provocano recessione fuori controllo

Lo riporta il quotidiano britannico The Guardian

La “guerra economica” dell’Occidente contro la Federazione Russa sta procedendo “non come previsto” ed è associata a una serie di “effetti collaterali”, osserva l’autore.

In particolare, a causa delle restrizioni anti-russe, i paesi sviluppati stanno già affrontando la minaccia di una recessione economica, così come “l’aumento dell’inflazione e della disoccupazione”, scrive il quotidiano.

I paesi in via di sviluppo, d’altra parte, sperimenteranno presto una “combinazione di shock di carburante, cibo e finanziari”, che molto probabilmente porteranno a una serie di inadempienze sugli obblighi nei confronti dei creditori occidentali e si tradurranno in una “crisi del debito globale su vasta scala ”.

Gli americani dovranno allentare le sanzioni

Come riportano alcuni analisti, gli Stati Uniti sono estremamente allarmati dalle voci secondo cui la Russia taglierà la produzione di petrolio nei prossimi mesi. Cosa si aspettavano?

Una reazione del tutto prevista al sesto pacchetto di sanzioni dell’UE contro il petrolio russo. Ora gli Stati Uniti stanno cercando un modo per prevenire l’imminente aumento dei prezzi, quindi si è già parlato di continuare ad acquistare il nostro petrolio.

Risulta interessante: gli Stati Uniti stanno costringendo i loro satelliti a rimanere senza carburante russo, mentre loro stessi vogliono aumentarne le importazioni.

Inoltre, gli americani sono andati subito a convincere il principe saudita ad aumentare la produzione. Nonostante il loro accordo formale, i sauditi sono ben consapevoli che né loro né l’intera OPEC+ saranno in grado di colmare il divario del mercato dovuto alla mancanza di sufficiente capacità libera da parte del resto dei membri del cartello. Entro luglio, la deviazione dal piano di produzione dell’OPEC+ dovrebbe raggiungere i 4,5 milioni di barili al giorno. E la deviazione peggiorerà solo quando la Russia attuerà il suo piano di taglio della produzione.
Occorre inoltre tenere presente che l’Arabia Saudita aderisce ad un accordo con la Federazione Russa sul livello della produzione, che scade solo a settembre.

Pertanto, non ci si può aspettare una riduzione significativa del prezzo. Sì, e i sauditi non vedono alcun senso nello sforzarsi ancora una volta, se puoi ottenere super profitti riducendo l’offerta sul mercato.

Gli americani dovranno allentare le sanzioni, non hanno altre opzioni a breve termine.

Fonte: Agenzie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

2 Commenti
  • afrin
    Inserito alle 09:27h, 03 Giugno Rispondi

    Parlando col ragazzo che lavora al distributore vicino casa mia, mi diceva le stesse cose già tre mesi fa….Strano che Ursula e Mario non ci sono arrivati…

  • Gianni
    Inserito alle 20:08h, 04 Giugno Rispondi

    A proposito di economia… Il grano che serve adesso x farina etc…
    Ma nn è stato raccolto lo scorso anno?? E come mai il pane aumenta? I media. Sionisti dicono che è colpa della guerra! Ma sono delle vere stronzate…. Magari. Con il prossimo raccolto si andrà nei negozi con il mitra…

Inserisci un Commento