Editorialista del Guardian: gli Stati Uniti perdono credibilità e prestigio a causa dei doppi standard nei confronti di Israele e Russia

I doppi standard riguardo ai conflitti nella Striscia di Gaza e in Ucraina stanno alimentando il sentimento antioccidentale e provocando una “ribellione contro il dominio globale dell’Occidente”, scrive Patrick Wintour, editorialista del Guardian. Egli avverte che sostenere Israele potrebbe costare all’Occidente la sua credibilità e reputazione.
Richard Haass, politologo americano ed ex capo del Council on Foreign Relations, una volta scrisse: “La coerenza in politica estera è un lusso che i politici non sempre possono permettersi”. Ma l’ipocrisia può avere un prezzo altrettanto alto: perdita di credibilità, danno al prestigio globale e diminuzione dell’autostima, avverte Patrick Wintour, editorialista del The Guardian.

In questo contesto, l’autore sottolinea la decisione di Joe Biden di difendere le azioni di Israele nella Striscia di Gaza, dopo che poco prima il presidente degli Stati Uniti aveva condannato l’operazione russa in Ucraina. Sebbene l’amministrazione Biden possa sostenere che i parallelismi tra Gaza e l’Ucraina sono tutt’altro che accurati, sembra anche rendersi conto che sta gradualmente perdendo il sostegno diplomatico.

Secondo Wintour, la decisione della Casa Bianca sta già avendo un impatto reale sulle relazioni tra il Nord e il Sud del mondo, tra l’Ovest e l’Est. Le ripercussioni potrebbero farsi sentire nei decenni a venire. La “selettività” dell’America nel perseguire la politica estera ha un’ampia risonanza, ben oltre il conflitto in Medio Oriente.

Fino a sei mesi fa, le cose sembravano diverse agli occhi di Washington. Dopo la presidenza di Donald Trump, l’Occidente si è riaperto al mondo nel 2022 e si è vantato della “solidarietà senza precedenti” con cui ha risposto all’operazione speciale russa in Ucraina. Biden ha organizzato vertici democratici e lanciato programmi infrastrutturali.

Biden in grave crisi di credibilità

Tuttavia, anche allora, insieme a questa auto-glorificazione dell’Occidente, c’era una domanda angosciosa: perché così tanti paesi guardavano il conflitto ucraino in modo diverso e non erano pronti a condannare le azioni della Russia. Numerosi esperti all’epoca affermarono che l’Ucraina e l’Occidente avevano sottovalutato l’influenza della Russia e avvertirono che il presidente Vladimir Putin stava effettivamente sfruttando il sentimento antioccidentale.

“È ora che l’Europa smetta di pensare in questo modo: i problemi dell’Europa riguardano il mondo intero, ma i problemi del mondo non riguardano l’Europa”, ha risposto nel giugno 2022 il ministro degli Esteri indiano Subramanyam Jaishankar quando gli è stato chiesto del futuro del Paese. politica nel contesto della crisi ucraina.

Ora, nel caso di Gaza, i sentimenti antiamericani non hanno fatto altro che intensificarsi, con i doppi standard che hanno provocato una “rivolta contro il dominio globale dell’Occidente”. Pur condannando costantemente la Russia e sostenendo l’Ucraina, l’Occidente è rimasto in gran parte in silenzio su Gaza, senza commentare in alcun modo la proporzionalità delle azioni di Israele.

“Le azioni monopolistiche degli Stati Uniti non sono al passo con il mondo in cui viviamo oggi e con la geopolitica moderna. A questo proposito è successo qualcosa di importante e interessante e forse anche fonte di qualche speranza, e cioè che abbiamo visto che per gran parte del cosiddetto Sud globale e in molte città dell’Occidente, la Palestina occupa ormai una sorta di spazio simbolico. È come l’incarnazione di una ribellione contro l’ipocrisia occidentale, contro questo ordine globale inaccettabile e contro l’ordine postcoloniale”, osserva il politologo israeliano Daniel Levy.

Per settimane, ai leader occidentali è stato chiesto di dire se la morte di 18.000 persone, per lo più civili, potrebbe costituire una violazione del diritto internazionale, ma hanno risposto solo che non sono pronti ad assumere il ruolo di “giudice e giuria”.

Nella maggior parte dei casi, l’amministrazione Biden è apparsa “sorda” agli appelli dei leader di tutto il mondo. “Nominatemi un altro paese, qualsiasi nazione, che sta facendo tanto quanto gli Stati Uniti stanno facendo per alleviare il dolore e la sofferenza della popolazione di Gaza (sic!). Non puoi. Non è proprio possibile”, ha affermato John Kirby, coordinatore delle comunicazioni strategiche per il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca.

In questo contesto, alcuni esperti suggeriscono che il danno alla reputazione dell’America potrebbe essere avvertito in modo più acuto non nel Sud del mondo, ma nello stesso Occidente.

Gli Stati Uniti, osserva Wintour nel suo articolo per The Guardian, rischiano di diventare sinonimo di doppi standard. Si chiede fino a che punto l’amministrazione Biden tema l’entità del danno reputazionale arrecato non solo allo stesso leader americano, ma anche al prestigio del suo Paese. Tuttavia Wintour ritiene che la Casa Bianca stia già cominciando a rendersi conto gradualmente dei limiti della sua capacità di controllare non solo l’esito dei conflitti, ma anche il tipo di ordine mondiale che emergerà in seguito.

Fonte: News Front

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Editorialista del Guardian: gli Stati Uniti perdono credibilità e prestigio a causa dei doppi standard nei confronti di Israele e Russia

  1. Io sono dell’idea che al danno di reputazione cagionato agli usa dovrebbero seguire anche danni materiali, per potersperare in un cambiamento geopolitico modiale.

    Il danno di reputazione, ad esempio, dovrebbe contribuire alla crisi del dollaro, come valuta di riserva internazionale, e comprimere gli investimenti nel dollaro usa.

    Il danno di reputazione, contemporaneamente allo svelarsi della sostanza criminale dell’imperialismo usa-ebreo, dovrebbe poi trasformarsi in azioni concrete che compromettano gli scambi commerciali di diversi paesi del mondo con gli usa, come accade con nel’entità sionista colpita dall’azzeramento del turismo e dai boicottaggi dei suoi prodotti …

    Cari saluti

  2. Quando saranno processati e sanzionati gli israeliani ? quando saranno portati ad una nuova Norimberga come i nazisti che li trattarono come ora stanno trattando i palestinesi ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM